Utente 563XXX
Buon giorno, la mia bimba ha 22 mesi e da 3 mesi abbiamo tolto il pannolino perché molto sveglia e dice tutto, dopo circa una settimana aveva già capito tutto e ha sempre detto cacca e pipì prima di farla e essere messa sul water, qualche piccolo incidente ovviamente mentre gioca ma nulla di che, da quando siamo tornati dal mare ha iniziato a fare la pipì nella mutandine e alcune volte non dice nulla ma mi guarda divertita, quando le chiedo dove va fatta la pipì lei mi dice nel water.
Se la porto io la fa nel water ma se aspetto che sia lei a dirlo la maggior parte delle volte la fa addosso.
Non so come comportarmi e non capisco se sto sbagliando qualcosa!
Per la cacca nessun problema, lo dice e la fa nel water
Prima ero tranquilla perché diceva pipì e aspettava di essere sul water ma ora devo chiederlo io o portarla ogni tanto altrimenti la fa addosso.
Grazie di eventuali consigli
Cordiali saluti
Elisabetta

[#1]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile mamma Elisabetta,
premesso che, come avrà già avuto modo di sperimentare, oscillazioni tra progressi e regressi in bambini così piccoli sono piuttosto "fisiologici" (è sufficiente una banale influenza per tornare apparentemente a tappe precedenti, ma poi si prende la rincorsa e si recupera!), quanto sta accadendo parrebbe più giocarsi su un assetto relazionale di potere e controllo, nel quale la bimba -che si trova nel pieno di una fase di individualizzazione- la mette un po' alla prova per testare la sua disponibilità, pazienza, capacità di riconoscere le sue esigenze... Nota se ciò si manifesta anche in altre situazioni, come la nanna o il momento dei pasti?
Se le cose stessero così, per evitare di cadere in questa trappola, può spostare la sua (della bambina) attenzione sul disagio che così facendo crea a se stessa: banalmente, la maggior quantità di tempo sottratta al gioco per doversi lavare e cambiare invece che recarsi in bagno quando avverte lo stimolo (che non è scomparso, perché sa controllare e decidere quando farla se viene portata al wc).
Quando eravate al mare sotto questo aspetto sono cambiate per la sua piccola le abitudini, o c'è stato qualche episodio per lei fuori norma? Ad esempio, che Lei sappia, le è capitato di far pipì in acqua, o ha sentito parlare di tale eventualità?

Cordialità.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.medicitalia.it/paola.scalc

[#2] dopo  
Utente 563XXX

grazie mille per la risposta, è molto gentile.
la bimba ha sempre avvertito quando sentiva il bisogno di far pipì durante il bagnetto e io per non confonderle le idee la portavo al bagno.
si sente molto indipendente e vuole fare tutto da sola anche durante i pasti, prima ascoltava molto ora invece si mette a cantare o ballare quando le spieghi le cose e non ascolta.
ha un carattere molto forte e siamo in una fase di ribellione ad esempio quando saliamo in macchina non vuole mettere le cinture e per convincerla ci vuole molta pazienza
da circa un paio di mesi è nata la cuginetta , che vede 3/4 volte alla settimana e sicuramente un po di gelosia c'è.
un paio di giorni fa mi ha detto " mamma pipi 2 e siamo andate al bagno ,ma è stato un caso isolato.
avevo anche valutato l'idea di tirarle fuori il vasino ( che lei non voleva più ma voleva il water) ma non vorrei sbagliare tutto
non nego il fatto che questa situazione mi mortifica molto perché non vorrei fossi io a sbagliare qualcosa e metterla a disagio
grazie mille
elisabetta

[#3]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
"non nego il fatto che questa situazione mi mortifica molto perché non vorrei fossi io a sbagliare qualcosa e metterla a disagio"

Sembrerebbe impossibile, ma "esserini" così piccini sono in grado di mettere in crisi le certezze di chiunque!
La cosa certa è che questa è una fase destinata a passare e, a mio parere, ciò accadrà tanto più rapidamente tanto meno verrà sottolineata, non solo a parole, ma soprattutto emotivamente.
Cerchi perciò di non far trasparire il suo timore dell'errore o i sensi di colpa e la mortificazione.
Fermezza e coerenza sono le "armi" migliori per far andare le cose nella direzione che desidera, tenendo presente -come le scrivevo sopra- che questa situazione può dare una sorta di imprinting al tipo di dinamiche relazionali che si instaureranno tra mamma e figlia negli anni a venire: cerchi di alzare lo sguardo verso il futuro e decida come vuole giocarsi il rapporto con la sua figlioletta.
Coraggio! Questo non è che l'inizio....
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.medicitalia.it/paola.scalc

[#4] dopo  
Utente 563XXX

la ringrazio infinitamente per i consigli, cercherò nel migliore dei modi di metterli in pratica per aiutare la mia bimba a vivere questo momento serenamente.
Elisabetta