Utente 563XXX
Sin da quando ero piccola, ho sempre avuto un’avversione totale alla frutta. I miei genitori hanno provato di tutto per farmela mangiare, ci ho messo anche della buona volontà ma nulla. Oggi il solo sentire odore di frutta mi causa nausea, non riesco nemmeno a toccarla o cucinarla. Ignorantemente, mi sono sempre detta che la causa principale fosse l’essere criticata’ dal mio pediatra sul mio peso, e il continuo sei così perché non mangi la frutta’ (che probabilmente non ha detto proprio così, ma che con il tempo ho interpretato). Da bambina ero più cicciottella ma non esageratamente, con la pubertà sono dimagrita anche se non ci facevo caso. Oggi noto con molta tristezza ed ansia di aver messo su qualche kg, tanto che ho il terrore di mettermi su una bilancia o di parlare di peso (quando mi sono iscritta ho dovuto inserire i miei dati e mi è apparsa la scritta sovrappeso’ che mi ha abbattuta moltissimo, anche perché esteticamente non mi vedo cosí grassa, ma formosa).
Tutto questo per dire, c’è un modo per imparare a mangiare la frutta? Oppure è un qualcosa che non potrò mai fare se non prima risolvo i problemi con me stessa?

[#1]  
Dr. Marco Arrigo

24% attività
12% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2018
Gentile ragazza,
dal momento che lei prova un'avversione verso la frutta, come mai vorrebbe cominciare a cibarsene?

Da quel che scrive a me sembra che la parte più saliente sia il rapporto che ha con il suo corpo, ha scritto di aver provato ansia, tristezza e terrore nello scoprire che il suo peso è aumentato.
Si sente particolarmente a disagio col suo corpo?
Dr. Marco Arrigo - Psicologo
Messina e Reggio Calabria. Tel: 3480535198.
https://marcoarrigo.wixsite.com/psicologia