Utente 568XXX
Sono una persona allegra, felice di tutte le cose che la vita mi ha offerto. Ho pochi amici perché molta gente mi sembra depressa (non riesco a essere amica di persone che prendono droghe pesanti, che parlano tutto il tempo di se stesse, che si vantano troppo per attirare l'attenzione, che fingono di sentirsi inadeguate per ricevere complimenti o che sfogano le loro debolezze negli alcolici). Adesso, però, arrivo al dunque! Anche se il mio ragazzo è perfetto sotto diversi punti di vista, due delle sue ex costituiscono un problema insormontabile. L'ex con cui è stato prima di me l'ha infastidito fino a febbraio-marzo, insultandolo tramite SMS. A febbraio, il mio ragazzo mi ha detto di essersi masturbato pensando a lei (questa cosa mi ha devastata). Sempre a febbraio, si è visto con un la sua prima ragazza. Mi dice che sono migliori amici e nulla di più, eppure lei gli chiede di complimentarla fisicamente anche se sa che è impegnato, gli dice che rimpiange di non avegli mostrato le sue "competenze" sessuali adeguatamente. Lui ha conservato tutte le foto che lei gli ha inviato (anche con parrucche e abiti corti) durante questi anni e quando gli ho detto di non capirne il motivo, mi ha risposto che le considera dei regali (lei l'ha lasciato nel 2010 e queste foto, accompagnate da conversazioni seducenti, datano di anni successivi). Ha detto alla sua migliore amica-ex, la quale non conosco, che sono gelosa di lei (cosa assolutamente falsa visto che possiede tutte le caratteristiche negative evocate precedentemente, quando ho parlato delle "persone"). Per quanto riguarda l'altra ex, (quella della masturbazione), si tratta di una persona che ha minacciato di sucidarsi quando il mio attuale compagno voleva lasciarla. Eppure, lui conserva un file audio in cui lei ha un orgasmo, foto dei suoi piedi, si lascia insultare fino a marzo e quando gli spiego che non ne posso più, le scrive che gli ho proibito di contattarla (cosa assolutamente vera perché la consideravo una presenza devastante). Lei gli propone di incontrarlo in albergo per convincerlo a lasciarmi e lui le risponde che non deve soccombere al suo potere perché altrimenti perderebbe. Il mio compagno mi ha detto di averle risposto così per non offenderla. Questi eventi mi fanno soffrire. Sono diventata paranoica; controllo il suo cellulare e il suo computer perché ho paura che queste ragazze continuino a sedurlo e a inviargli foto. Gli ho detto di cancellare tutto e di non vedere più la sua migliore amica perché, per me, questa non è amicizia. Ovviamente, non sono per lo spionaggio e per i divieti. Sono arrivata a questo livello di preoccupazione perché non capisce che mi sento tradita.

[#1]  
Dr.ssa Anna Potenza

28% attività
20% attualità
16% socialità
CIAMPINO (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2017
Gentile utente, quello che sorprende è che lei possa affermare: "il mio ragazzo è perfetto sotto diversi punti di vista".
Una relazione d'amore è fatta di lealtà e di attenzioni verso il partner, nel senso che gli si offre rispetto e gli si evitano dispiaceri, ansie, umiliazioni. Inoltre non gli si danno ordini, non lo si spia e non lo si controlla.
Perché questo si realizzi occorre essere persone generose e gentili. Un egoista penserà troppo a sé stesso per riuscire a costruire un rapporto d'amore, e la stessa cosa vale per un possessivo.
Certi aggiustamenti nel corso della vita a due sono fisiologici, auspicabili, il fidanzamento stesso è fatto per conoscersi e adattarsi... fin dove è possibile. Ma voler totalmente cambiare sé stesso e l'altro non è "aggiustare": è rifiutare e far violenza.
Ora, a quanto pare il suo ragazzo agisce in piena libertà, come se non fosse impegnato con lei, o peggio come se usasse il vostro legame per ferirla: arriva a raccontarle che si masturba pensando alla ex di cui lei è gelosa!
Lei, dal canto suo, ascolta i suoi audio e guarda le sue foto più riservate... sempre che non sia lui, con quella che chiameremo "marcata indelicatezza", a mostrarglieli.
Cara utente, ci sono cose sgradevoli ed autolesionistiche quanto la droga e gli alcoolici che ha detto di detestare: il fatto di accettare di essere maltrattati e offesi, per esempio, e il rispondere con analoga mancanza di rispetto.
Ci rifletta. Le faccio molti auguri.
Dr.ssa Anna Potenza (RM)

[#2] dopo  
Utente 568XXX

Gentile Dottoressa Potenza, buonasera. La ringrazio per la sua risposta, ma il suo consiglio non mi è stato utile. Sono perfettamente cosciente che spiare o vietare qualcosa è estremamente negativo. Non sono affatto una persona possessiva o gelosa, al contrario! Sono la prima a mettere in risalto la bellezza o le qualità di una donna per condividerle con il mio ragazzo in modo sano (a lavoro, a casa, per strada o con gli amici). Nel suo commento, vedo che non ha distinto correttamente le due ex, ma non importa. Il mio compagno può uscire e vedere chiunque. Non ho mai avuto sospetti su altre ragazze, su altre foto o messaggi. La sua ex dell'anno scorso che voleva suicidarsi e l'ha insultato è devastante. Quanto all'ex-migliore amica, quest'ultima ha particolarmente bisogno del mio compagno quando è single (altrimenti sparisce), per bere, per verificare se prende delle droghe oppure per inviare foto provocanti e poi dirgli di considerarsi brutta. La generosità fa parte di me e anche la comprensione. Sebbene soffra per queste cose, ogni volta che la rabbia ha parlato al posto mio, mi sono sempre scusata e ho detto al mio ragazzo di continuare a conservare queste cose e a uscire con l'ex-migliore amica. Spero che nel suo prossimo commento mi chieda più elementi per capirmi meglio. Emettere un'etichetta di "possessività" o di "egoismo" per definire rispettivamente me e il mio compagno non è un'analisi medica, ma una critica soggettiva. Perché stupirsi nel considerare il mio compagno quasi perfetto? La risposta è semplice: abbiamo interessi in comune, siamo diversi, siamo complementari, passiamo delle bellissime giornate insieme, abbiamo dialoghi costruttivi, ci amiamo. Io le ho esposto l'unico fardello, sperando di raggiungere un grado di serenità più intenso. Ps: "se stesso" si scrive senza accento. Le auguro di trascorrere una splendida domenica e le mando un abbraccio.

[#3]  
Dr.ssa Anna Potenza

28% attività
20% attualità
16% socialità
CIAMPINO (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2017
Gentile utente,
vedo che lei è già perfetta e non ha bisogno di alcun consiglio, tanto meno quello degli specialisti.
E' in quest'ultima veste, essendo abilitata all'insegnamento della lingua italiana nei licei, che mi permetto di inviarle un link che spero non la disturberà troppo: https://dizionaripiu.zanichelli.it/lingua-e-scuola/posta-del-professore/se-stesso-con-accento-o-senza/
Buonasera.
Dr.ssa Anna Potenza (RM)

[#4] dopo  
Utente 568XXX

Gentile Dottoressa Potenza, la ringrazio per il link che mi ha cortesemente inviato. Comunque, la perfezione non ha mai fatto parte di nessuno. Dal momento che non ho potuto ricevere un commento più vasto, la ringrazio vivamente per il primo. Farò tesoro di quest'ultimo indipendentemente dalla seconda risposta che ho ricevuto. Di fatto, la sua osservazione sull'importanza della generosità e della lealtà resta comunque fondamentale. Le auguro una bellissima giornata e le mando un abbraccio.