Utente 569XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni, circa un anno fa ho chiuso la mia attività commerciale (bar) a causa di vari problemi personali ed economici con cui dovrò combattere ancora per 6 anni. Durante l'attività si è anche interrotta la mia relazione che durava da ben 9 anni, questo fatto ha influito molto sull'andamento dell'attività.
Da gennaio ho trovato un nuovo lavoro, fino a questa estate tutto bene, ma da circa 2 mesi si fanno sempre più presenti pensieri negativi sul mio futuro per la situazione che ho sulle spalle.
Non provo più piacere nello stare tra le altre persone e nemmeno ad uscire con persone dell'altro sesso, so che ora ho questo "peso" e mi sento sempre in difetto con gli altri.
Sto avendo anche pensieri sulla dare via o comunque spostarmi dalla mia città attuale, ma sono bloccato per l'appunto dal problema economico che ho ora e che durerà per altro tempo. Vedo il mio futuro senza gioia per ragazzo di 26 anni che non può permettersi nemmeno di offrire un drink ad una donna.
Vorrei una vostra opinione personale poiché sento di non poter più reggere tutto questo peso da solo. Vi ringrazio. Alessandro

[#1]  
Dr.ssa Anna Potenza

28% attività
20% attualità
16% socialità
CIAMPINO (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2017
Gentile utente,
da quello che scrive sembra che un carico molto grande di elementi negativi si sia riversato su di lei in poco tempo, non concedendole di riprendere fiato e di adattarsi momento per momento alle varie situazioni.
Niente di strano che risenta adesso di questa tempesta attraversata e tra l'altro non del tutto risolta, visto che le ha lasciato strascichi economici.
In questa situazione lei vede il presente e il futuro forse più negativi di quello che realmente sono, e non ha l'energia né la fantasia di architettare soluzioni, infatti il sentirsi senza via d'uscita è tipico della condizione di stress.
Le consiglio di rivolgersi per prima cosa al suo medico di famiglia per valutare lo stato di salute generale, per verificare se qualche attività all'aria aperta o in palestra e una dieta sana possono aiutarla.
Inoltre cercherei uno psicologo, preferibilmente di orientamento strategico, per valutare con lui il suo stato emotivo e i passi da fare per superare la sua visione di "un futuro senza gioia".
Alle ASL o nei consultori il colloquio psicologico può non costare nulla, se prescritto dal medico.
Auguri. Ci tenga al corrente.
Dr.ssa Anna Potenza (RM)