Utente 569XXX
Sono affetta da db di tipo 2, in cura da due anni, litio e antidepressivo. Iniziai a leggere alle medie filosofia (nietzsche in particolare) per razionalizzare il dolore (bullismo, madre che beveva, mio padre mi picchiava, non mi insegnarono l’affetto &co). Ci riuscì ma, razionalizzando anche le mie emozioni. Non mi innamoro da quando avevo 14 anni, ora ne ho 18.
Sono seguita da una psicologa e da uno psichiatra, volevo sapere consigli concreti su come io possa pensare ai sentimenti senza ridere o sminuirli o esserne imbarazzata. Non voglio bene ai miei amici, non provo affetto per il mio ragazzo tutte le mie azioni sono macchinosamente guidate dall’interesse. Mi sento intrappolata perché so che sarei felice se sapessi gestire e provare le emozioni, poi vabè ora sono pure in fase depressiva quindi figuriamoci. Ma il mio pensiero è così razionale e meccanico da 4 anni e obiettivamente sono molto intelligente quindi sarebbe difficile distruggere questa struttura di razionalità che ho costruito, Perchè effettivamente non ha falle, non ne trovo.
Penso che l’unico modo per provare dei sentimenti sia auto convincermi che mi sbaglio, ma io non credo. Peró voglio provare umanità, compassione tutte queste emozioni che vedo nelle altre persone o che fingono di provare insomma non lo so
Ma voglio essere più umana per essere più brava nelle relazioni sociali
Grazie per la disponibilitá

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile ragazza,

Lei è già in psicoterapia, se ho ben compreso,
"..Sono seguita da una psicologa..";
la Sua Psicologa sarà anche Psicoterapeuta,
cioè abilitata a curare, giusto?

E dunque mi chiedevo come mai scrive anche a noi.

.Forse l'alleanza terapeutica con la Sua Psy è carente?
.Non si fida del percorso che state facendo insieme?
.Non riceve "consigli concreti su come io possa pensare ai sentimenti.."?
E ancora:
Quali sono gli obiettivi che ha concordato con la Sua Psy?
Da quanto ha iniziato?
Con quale cadenza?

SE non affronta con determinazione la dimensione affettiva assieme alla Sua Psicoterapeuta,
il "doppio canale"
- presenziale con lei e online con noi -
purtroppo Le può creare solo confusione
e svuotare di significato un percorso presenziale.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente 569XXX

La ringrazio per la sua risposta.
Sì io sono seguita da una psicologa, solo la scorsa seduta abbiamo trattato l’argomento che tratteremo più avanti. Mi piace la mia psicologa la reputo competente e mi esprimo al meglio con lei.
Tuttavia sono solo impaziente di migliorare.
Su questo sito se io scrivo di essere curata mi chiedono come mai io mi rivolga al sito. Se non dovessi essere seguita da specialisti mi intimereste di farlo. Insomma, io voglio dei consigli, mi risultata pleonastica la sua risposta.
Ma grazie comunque per il tempo che lei ha speso, benchè faccia risultare inutile il mio.

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gi Psicologi fuori da un percorso NON danno consigli;
a quello servono le amiche,
il mago.

I Consulti servono ad orientare, ad indicare una via.
Come ogni lettore può evincere dalle centinaia di risposte fornite ogni giorno,
talvolta si è in grado di fornire delle indicazioni concrete;
talvolta una indicazione
- di percorso,
- di metodologia, come nel Suo caso,
che non sostituiscono mai la visita di persona come prescritto dalle "Linee guida"
( https://www.medicitalia.it/consulti/linee-guida-consulto-online/ parte I - 3 ).

Considerato che Lei è "impaziente di migliorare"
lo esprima tranquillamente alla Collega che La segue:
per noi Psicoterapeuti non c'è di meglio che un paziente desideroso di lavorare alacremente al proprio cambiamento!
E proprio perchè la Sua Terapeuta La conosce
- così approfonditamente
- e di persona
è in grado di darLe indicazioni concrete tagliate su di Lei;
cosa per noi impossibile a seguito di qualche riga e-mail.

Se la fiducia verso la Sua Psicoterapeuta è come Lei la descrive qui,
Le consiglio di mostrare questo scambio di pareri tra Lei e noi
alla Sua Terapeuta:
risulterà utile ad entrambe.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/