Utente 451XXX
Buonasera.

Recentemente mi sono lasciato con la mia ragazza, con la quale stavo insieme da 9 anni, ossia da quando entrambi eravamo sedicenni.
Le ragioni della nostra rottura derivano dal fatto che io mi sentissi schiacciato dal suo atteggiamento spesso possessivo ed ossessivo, che mi ha via via portato ad essere sempre più passivo e spento (provavo un forte senso di colpa facendo praticamente qualsiasi cosa senza di lei, perché sapevo che spesso certe situazioni potevano portarci a litigi furenti e per me umilianti).

Devo però ammettere che da ormai almeno 2-3 anni ho sentito la mia libido calare via via sempre più.
O meglio, le altre ragazze ancora mi piacevano, ma la mia (ormai ex) ragazza cominciava ad "andarmi a noia".
Mi è capitato anche di fare più volte cilecca.
Al tempo, essendo affetto da DOC (dal quale sono più o meno "guarito" grazie all'aiuto di una psicologa e alla terapia strategica breve) ho anche sviluppato ossessioni come ansia da prestazione, paura di essere diventato omosessuale o di essere diventato asessuato.

Per non ammettere i problemi con la mia ragazza, ho cominciato a sfogare la mia sessualità navigando sempre più spesso fra siti porno.
Ormai ho una media di almeno 1-2 masturbazioni al giorno, svolte quasi esclusivamente davanti a materiale pornografico o fotografie.
Ho notato un progressivo calo della libido, tanto che ad un certo punto avevo perso qualsiasi voglia di fare sesso sia con la mia ex ragazza (salvo rare eccezioni) che, in realtà, con altre potenziali ragazze.
Riesco tranquillamente a masturbarmi (con erezioni complete) davanti ad un porno; e, in realtà, finché stavo con la mia ragazza riuscivo a fare sesso tranquillamente, ma senza grande trasporto emotivo/passionale (vissuto più come dovere che come desiderio).

Ora, non vorrei scendere a conclusioni avventate, ma credo che questa cosa non sia normale.
Mi è già capitato in altre riprese di non masturbarmi per 4-5 giorni (per cause di forza maggiore, come l'essere ospite per qualche giorno a casa dei genitori della mia ragazza) e subito sentivo tornare il desiderio.
Ho come la sensazione di essere dipendente dal porno e, in parte, dalla masturbazione (che ormai è diventata meccanica e senza passione, fatta tanto per fare qualcosa; in pratica è diventato un modo nocivo di passare il tempo, tipo fumare una sigaretta).

Data la recente rottura, sono tornato dalla mia psicologa per parlare un po'.
Ancora devo parlarle di questa storia del porno (la prossima volta lo farò), ma intanto voglio chiedere a voi: è possibile che la pornografia abbia deviato le mie abitudini sessuali?
In realtà io ne sono piuttosto certo, e infatti nel frattempo ho installato su pc e cellulare dei filtri anti-porno, onde evitare di ricascarci.
Sono 2-3 giorni che non mi masturbo, e al momento non noto differenze, ma confido di ritrovare la libido perduta.
Cosa mi consigliate di fare?
Vorrei essere "rieducato" sessualmente.
Ho bisogno di tornare a desiderare in maniera sana le donne.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

la Sua analisi è molto lucida,
come anche il tentativo di "disintossicazione".

Sì, la masturbazione con i porno comporta medificazioni mentali e ormonali in grado di cambiare l'assetto del desiderio e del funzionamento della persona.
https://www.medicitalia.it/news/psicologia/4765-la-pornografia-rimpicciolisce-il-cervello.html .

Avendo Lei inoltre qualche tendenza al DOC, tale pratica può rivestire i caratteri dell'ossessività e causare dipendenza:
https://www.medicitalia.it/news/psicologia/7732-sesso-compulsivo-disordine-mentale.html .

Ha fatto bene a contattare la Sua Psy,
il nostro qui è solo l'antipasto di un percorso che sicuramente L'aiuterà.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente 451XXX

La ringrazio per la pronta risposta.
Una sola domanda: crede che questo meccanismo, dunque, sia in qualche modo reversibile? Se sì, cosa mi consiglia di fare? Evitare il porno e masturbarmi solo quando sento un impulso "irrefrenabile"?
Quali consigli pratici mi può dare per riuscire a tornare a vivere la mia sessualità in maniera sana? Odio vedermi ridotto in questa maniera. Sento come se qualcuno mi dovesse insegnare per la prima volta cos'è il sesso.

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Lei ha già una Psicologa che La conosce da tempo e che La segue di persona:
niente di meglio, se è anche Psicoterapeuta.

Sarà Lei a fare una diagnosi
(dipendenza dalla masturbazione? dalla sessualità? comportamento ossessivo? ecc.? ecc.?)
e ad aiutarLa ad uscirne.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/