Utente 476XXX
Sono un ragazzo di 21 anni e nella mia vita ho avuto giusto un paio di difficoltà emotive che ho superato.
Il problema è che ogni volta che mi accadeva o che mi accade una "disgrazia", io non penso a come risolverla bensì penso a trovare un modo indolore per farla finita.
Come se mi scocciassi di dover affrontare le difficoltà che mi si pongono.
Per fortuna fino ad ora, in un modo o in un altro, sono riuscito a superare le difficoltà ma cosa accadrà quando non ci riuscirò più?

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

per "disgrazia" che cosa intende?

Se parliamo di problemi quotidiani (es difficoltà incontrate ad affrontare un esame, contrattempi, problemi da risolvere che portano inevitabilmente stress, ecc. ), direi che la Sua osservazione è molto acuta. Infatti Lei sa che la migliore gestione di un problema è focalizzarsi sulla/e soluzione/i.

Vero è che nessuno di noi fa i salti di gioia quando deve affrontare un problema e prova emozioni quali rabbia, ansia, ecc... ma queste emozioni sono funzionali alla gestione del problema proprio per poter incanalare correttamente le energie e giungere alla risoluzione.

Anche quando la situazione è più complicata, spesso ci rendiamo conto che disperarsi oltre una certa soglia è del tutto inutile e che ci sono soluzioni più funzionali e meno drastiche del suicidio.

In passato Lei aveva scritto per problematiche legate alla deflessione del tono dell'umore. Si è poi rivolto ad uno specialista, come Le era stato consigliato?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica