Utente 480XXX
Salve a tutti! Sono un ragazzo di 25 anni, e premetto che sono una persona molto ansiosa.
Soffro da più di dieci anni di emetofobia e da due anni circa ho iniziato a soffrire violentemente di attacchi di panico.
Da qualche mese a questa parte alla mia emetofobia ed ansia generalizzata si è aggiunta anche una notevole ipocondria.
Sono 3 anni che seguo una terapia psicologica, tre anni però scanditi da diversi terapeuti.
Da un anno e mezzo circa ho trovato quello "fisso", ovvero colui con cui non mi sono più fermato.
Il mio problema è il seguente: è da un mese circa che mi sento spessissimo poco bene, soprattutto a partire dalla sera; fiacchezza, gambe che mi cedono, fatica in ogni movimento, giramenti di testa, sensazione di peso sul petto, mal di stomaco, gnocco alla gola, brividi e sbalzi termici.
Ho fatto le analisi del sangue, visita dal medico, ma lui ha detto che sta tutto a posto ed è solo stress.
Inizialmente anche io lo pensavo, essendomi nato tutto sotto sessione di esami, ma una volta passata i sintomi non sono scomparsi, anzi.
Anche il mio psicologo è della stessa opinione, ma vorrei sentire altre campane dato che continuo a stare così, ripeto soprattutto di sera, e la cosa inizia ad agitarmi.
Grazie

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Ci scrive: "..vorrei sentire altre campane.."

Peccato ch la nostra campana è di un campanaro che non La conosce.
Perchè dovrebbe dirLe cose più giuste degli Specialisti che La conoscono di persona?
Si fidi di loro,
non vaghi alla ricerca di chissà quali risposte, magari fantasiose.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente 480XXX

Intanto la ringrazio per la risposta. Nessuno ha detto che inevitabilmente le risposte che mi verranno qui fornite saranno più attendibili, semplicemente credo che se un'opinione venga più largamente condivisa da diversi esperti, da ansioso quale sono (me ne rendo, quindi, conto che il tutto si risolve nelle mie ossessioni), posso convincermi ancor di più. La scienza medica (in ogni sua forma) ha sempre avuto e continua ad avere scuole di pensiero diverse, e non è raro che più professionisti divergano in merito allo stesso oggetto. Se questi sintomi si fossero attenuati non avrei mai pensato di chiedere ulteriori pareri. Perdurando da settimane mi sono fatto venire il beneficio del dubbio. La ringrazio comunque per la disponibilità e l'attenzione mostratami!

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

è proprio l'assunto di base a non essere corretto:
"se un'opinione venga più largamente condivisa da diversi esperti,
da ansioso quale sono posso convincermi ancor di più."

Per l'ansioso tutto ciò non serve, funziona solo per brevissimo tempo.
Solo curare l'ansia è efficace,
non i contenuti che, inevitabilmente, migrano e mutano travestendosi in altro
come Lei ha constatato nel corso degli anni.
Ma questo lo sta già facendo con il Suo Psy.

E dunque, per quanto riguarda il quesito posto nel titolo,
riassumendo:
se è dovuto all'ansia ha il Suo Psy a cui riferirsi,
se è "reale" è di competenza medica.
Lei però ha già ricevuto di persona il parere convergente di entrambi.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfez. Sessuologia clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/