Attivo dal 2020 al 2020
Salve a tutti, cercherò di scrivere il minor possibile.

Mia madre mi diceva sempre: sii forte, non mostrarti debole che poi ne soffrirai tu.

E questo è quello che ho fatto da sempre.
Mi sfogavo solamente con il pianto la sera, così nessuno mi vedeva.

Quando ero bambina, mio fratello mi obbligava a fare cose che ai bambini nemmeno passava per la mente: non fa niente, si supera.

Bullizzata a scuola per anni e anni: un giorno crescerò e non succederà più.

Alle superiori non ero nemmeno considerata, altroché bullizzata.

Ero talmente trasparente’ che nemmeno i professori mi notavano, nonostante io stessi al primo banco.

Però ero convinta che tutto passerà.

La situazione cambia con l’inizio dell’università.
Sono andata a vivere da mio fratello per potermi permettere gli studi.

Credo che lui abbia dimenticato tutto (o fa finta) ma io nonostante i 14 anni passati, non ci riesco e non l’ho mai detto a nessuno.
Per carità, non sono arrabbiata con nessuno, nemmeno con lui.
Però non riesco più ad avvicinarmi alle persone, nemmeno a guardarle negli occhi.
In questi due anni trascorsi con lui, non esco più di casa, non voglio proprio avvicinamento con persone.

Il mio problema è che non riesco più a superare i fatti con tanta superficialità come facevo prima.

Come dovrei affrontare la cosa?

È da preoccuparsi oppure magari lasciando trascorre il tempo, tornerà tutto come prima?


Grazie anticipatamente e mi scuso per il disturbo.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Lei accenna al fatto che "Credo che lui abbia dimenticato tutto (o fa finta) ma io nonostante i 14 anni passati, non ci riesco e non l’ho mai detto a nessuno".

Purtroppo da poche parole implicite non siamo in grado di risponderLe alcunchè,
il nostro scambio - qui online - si basa unicamente sulle parole; di chi racconta ci manca la mimica, l'intonazione, le pause della voce, gli occhi ...
Un nostro esercizio di fantasia scambiato per empatia sarebbe poco professionale.
Se ritiene, scriva dell'altro.

Salti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Salve, grazie per la risposta.
Cosa dovrei scrivere di preciso?