Utente
Gentili medici,
sono una ragazza di 21 anni che attualmente studia.
Fin da piccola praticavo masturbazione clitoridea, mia mamma all'epoca era già preoccupata perchè si era accorta che il mio era un atteggiamento compulsivo, la praticavo per molto tempo e frequentemente.
I pediatri però le dicevano che era normale e che sarebbe stata una fase temporanea.
Il problema è che questa fase non è mai scomparsa.
Quando sono in casa mia la pratico di frequente soprattutto quando sono stressata, studio o sono annoiata/triste.
Il problema è che raggiunto l'orgasmo, questo non mi appaga mai, e continuo, senza una fine finchè non me lo impongo.
E' come se i muscoli non si rilassassero mai e avessi una continua puslazione al clitoride che non mi fa smettere.
Ho un attimo di sollievo andando in bagno a fare la pipì ma la sensazione di pulsazione/tensione muscolare continua anche dopo ripetute masturbazioni, è come se mi scappassa sempre la pipì/fossi sempre eccitata, ma senza pensieri sessuali/desideri e lubrificazione.

Se mi distraggo uscendo la sensazione scompare.
Quando sono in giro o a casa di altri non si presenta.


Veniamo ora alla sfera affettiva.
Ho avuto 3 relazioni, una di 1 anno e mezzo, una di 3 e quella attuale di quasi 1 anno.
Con nessuno di questi ragazzi ho mai provato il piacere come me lo provoco io, nè con masturbazione/sesso orale, nè con rapporti sessuali.
Quindi non solo non ho mai provato un orgasmo, ma neanche piacere, anzi a volte provo addirittura fastidio.
Questo perchè non riesco a raggiungere la tensione muscolare che provo quando sono da sola.
A volte ho addrittura male, tant'è che spesso dopo i rapporti sentivo pruriti, arrosamenti, una volta mi si sono gonfiate tantissimo le labbra.
Non sempre il rapporto è doloroso, a volte non sento niente, però non c'è quasi mai lubrificazione.
Inzialemtne pensavo che la secchezza fosse dovuta alla pillola, ma ho smesso e il problema continua.
Ho avuto anche delle infezioni da questa estate, gardnerella, e candida che è recidiva ogni 2 mesi fino ad oggi.


Quello che più mi preoccpa è la sfera personale che credo vada a compromettere la sfera affettiva.
Perchè ho una continua pulsazione del clitoride, come se dovessi andare in bagno a fare la pipì?

Ho sentito parlare di PGAD (eccitamente sessuale persistente), alcune testimonianze dicono che la loro è molto invasiva, sono sensibili anche alle vibrazioni di un autobus, la mia non è così, come già detto a me questo capita solo a casa e non in giro
Tra le cause ho letto ipertensione del muscolo pelvico e nevralgia del nervo pudendo.


Per quando riguarda le candide recidive, l'anorgasmia con un partner e a volte il dolore nei rapporti ho sentito parlare di vulvodinina.


Tutto ciò potrebbe essere collegato?
Con il mio ginecolgo ho parlato solo della candida e della secchezza vaginale, e mi ha dato la solita cura antimicotica che però ha fatto andare via i sintomi, ma ogni 2 mesi si ripresenta.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Premesso che online non si fanno diagnosi in quanto impossibile,
c'è qualche elemento di somiglianza con la "sidrome dei genitali senza riposo" (tecnicamente Disturbo dell’eccitazione genitale persistente Persistent Genital Arousal Disorder PGAD),
ma il fatto che lei la provi SOLO in casa pone molti dubbi.
E dunque online non è possibile sciogliere il dubbio espresso dal titolo: "Clitoride continua a pulsare dopo orgasmi. e' pgad o masturbazione compulsiva?"

La Sua zona genitale sembra soffrire di vari problemi,
alcuni di natura fisica curati dal ginecologo,
altri che tuttora abbisognano di diagnosi (di persona).
Il fatto che non ne abbia parlato in visita
ma che scriva a noi Area Psy
sembra indicare una Sua consapevolezza dell'interessamento di fattori psicologici.

Andrebbero approfonditi in particolare gli aspetti legati alla masturbazione che, fin da piccola, ".. la praticavo per molto tempo e frequentemente...", in modo "compulsivo" osservava Sua madre preoccupata.
Al proposito veda se ritrova nelle caratteristiche del sesso compulsivo qui elencate:
https://www.medicitalia.it/news/psicologia/7732-sesso-compulsivo-disordine-mentale.html .

La invito a smettere di consultare Internet e di autodiagnosticarsi sempre nuove patologie organiche legate ai genitali.
Appena possibile chieda una consulenza di persona ad una Psicologa Psicoterapeuta preferibilmente perfezionata in sessuologia cinica (Albo FISS, ad es.),
per rispondere al suo dubbio (diagnosi),
per intraprendere un percorso che risolva sia problemi di costante eccitazione, sia di dolore nel rapporto di coppia, sia di anorgasmia in coppia.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta, appena finito questo periodo di quarantena contatterò uno psicologo-sessuologo e un ginecologo.

So che internet non è il luogo adatto per autodiagnosticarsi, ma cerco di trovare persone con le mie stesse problematiche per sentirmi meno sola e mi imbatto in varie patologie

Gentili saluti

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Anche se trovasse persone con sintomi "simili"
non è detto che si tratti della stessa patologia.
Una diagnosi è altamente specialistica, e il confronto con gli altri poco aiuta, senza diagnosi.
Non ha dato riscontro all'articolo linkato: vi si è ritrovata?

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#4] dopo  
Utente
Ho letto il link e mi sono ritrovata in questi punti: necessità di aumentare gradualmente la dose (di continuare), la perdita di controllo, l’incapacità di controllare la pulsione verso l’ oggetto , alterazione umore

[#5] dopo  
Utente
Ripeto che ciò non nasce da desideri/fantasie, e che non soffro di astinenza quando sono fuori con amici o in vacanza. Solo quando sono sola o in casa con i miei. La pulsazione aumenta se sono stressata (es.per studio)
Il problema è che non riesco a smettere, è come se non fossi mai appagata, continuo ad avere una tensione a livello muscolare/di vescica. Specifico che nella masturbazione ricerco una forte tensione muscolare, che con il partner non raggiungo

[#6]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

dopo questi approfondimento confermo la risposta in #1.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/