Utente
Salve, ho 20 anni, e da circa un annetto sono fidanzata con un uomo di 64 anni.

Ci siamo conosciuti nel corso del mio primissimo viaggio all'estero.

Ero a Bruxelles, ero sola, e... soprattutto di sera avevo un po' di paura.

Ecco...proprio una sera, mentre stavo ritornando in hotel, incontro questo signore, che aveva un viso per me famigliare (è italiano, è di Roma come me) e gli chiesi se gentilmente poteva riaccompagnarmi in hotel.

Lui acconsentì e per tutto il tragitto ci tenemmo a braccetto come due fidanzatini!! ! Appena giungemmo in hotel, quel signore mi diede il suo numero di telefono.
La mattina seguente, appena uscii dall'hotel, rividi questo signore.
Ci salutammo, e decidemmo di passare un'intera giornata assieme.
Durante quella giornata con lui, ebbi una debolezza, lo baciai sulle labbra, lui non si arrabbiò, anzi... ce ne dammo tantissimi!! ! Quello stesso giorno, ci fidanzammo e circa una settimana dopo, tornai in Italia, feci le valigie e mi trasferii definitivamente a Bruxelles da lui.

Con lui vivo in un paradiso, spesso lo chiamo papà, non si arrabbia... anzi, è contento!! ! Sia io che lui siamo abitudinari, lui va al lavoro, io mi occupo della casa, ogni tanto esco per fare la spesa o per fare altro, lui ritorna la sera, e ci facciamo tante dolci coccole.
Finalmente con lui vivo serena, ho sempre il buon umore, non mi sgrida mai, non mi urla mai, non mi mette la mani addosso, sentire la sua voce è come una dolce carezza, mi tranquillizza.

Lui è la mia famiglia, prima i miei genitori mi trattavano sempre male, anche se io sono sempre stata tranquilla ed ho sempre rispettato le regole, mi sentivo sempre triste, perchè mi dicevano sempre brutte parole.
Non sento e non vedo i miei genitori da circa un anno, se solo venissero a sapere che il mio fidanzato ha 44 anni più di me, sarebbero capaci di ammazzarmi...
Con il mio fidanzato non ho mai fatto sesso, ho molta paura, da sempre, non so però a cosa sia dovuta, immagino al non voler più provare dolore fisico, visto che da piccola ne ho provato molto... il mio fidanzato, è bene a conoscenza di ciò che ho dovuto vivere per 19 anni.

A seguito di questa relazione, sono stata letteralmente isolata, nell'intimo delle mie amicizie.
Nessuno mi vuole più come amica... tutti mi dicono che a stare con un vecchio non si risolve niente.

Lui non è un traballante vecchietto, è un signore molto giovanile, agile, insomma, se non fosse per i suoi capelli grigi dimostrerebbe 30 anni meno!! !
Vi ringrazio!! !

[#1]  
Dr.ssa Anna Potenza

28% attività
20% attualità
16% socialità
CIAMPINO (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2017
Gentile utente,
molte cose nella sua email sono non dette: perché si trovava da sola in Belgio; perché ha baciato il suo attuale compagno se sapeva di non voler fare sesso; soprattutto, perché è stata così male per i primi 19 anni della sua vita, fino a dire che da piccola ha provato molto dolore fisico.
Forse l'interrogativo più pressante, però, è questo: perché i suoi amici l'hanno isolata e perché i suoi genitori sarebbero capaci di ammazzarla, se sapessero che convive con un uomo tanto più anziano di lei?
Se lei è di nazionalità e di etnia italiane, sa bene che essendo maggiorenne è libera di scegliere la vita che più le piace.
Se è felice col suo compagno, niente la costringe ad avere una relazione più convenzionale, ma infelice.
All'incirca la stessa differenza d'età che c'è tra lei e il suo uomo c'era tra Oona O'Neill, allora diciassettenne, e Charlie Chaplin, quando si sposarono. Lui era al terzo o al quarto matrimonio, tuttavia sono stati felici e hanno avuto dieci figli.
L'unico neo nella vostra unione, rimediabile se lei ha l'intenzione e la possibilità di arrivare fino al matrimonio, è la sua fobia del sesso. Si faccia curare e affronti con sicurezza quello che verrà.
Per i capelli bianchi del suo partner c'è adesso la soluzione delle mèches più scure, che vi consiglio: la ricrescita è praticamente invisibile e questa semplice strategia vi sottrarrà alle curiosità e ai commenti della gente stupida. E' un piccolo sacrificio per un grande risultato, visto che il certificato di nascita non va certo mostrato a tutti, nemmeno ai suoi genitori.
Per parte sua, lei s'impegni a sfruttare questo momento felice che il cielo le ha regalato per studiare e crearsi una professione: l'autonomia è sempre la cosa più apprezzabile, nella vita.
Auguri.
Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it


[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta.
Sono andata in Belgio perché mi incuriosiva la città di Bruxelles... ma non pensavo di poter incontrare l'amore!!!
Ho baciato le labbra del mio uomo perché con lui mi sentivo al sicuro, non mi era mai capitato di poter passare un'intera giornata con un uomo dolce come lui!!!
Ho paura di fare sesso perché, forse lo collego alle violenze fisiche subite da piccola. I miei amici mi hanno isolato perché dicono che di una come me non ci si può fidare...
Io spesso ci penso al matrimonio, sposarmi con il mio fidanzato sarebbe la cosa più bella di questo mondo!!! Potrei prendere il suo cognome e diventare sua a tutti gli effetti!!!
Per quanto riguarda le meches, potrei consigliargliele, anche se in materia di parrucchieria, il mio uomo, non è molto "appassionato"... !!!
Per il momento io mi trovo molto bene a fare la casalinga, mi piace molto cucire, ed il mio sogno nel cassetto è quello di studiare alla facoltà di scienze politiche.

[#3]  
Dr.ssa Anna Potenza

28% attività
20% attualità
16% socialità
CIAMPINO (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2017
Cara utente,
la frase "I miei amici mi hanno isolato perché dicono che di una come me non ci si può fidare" sembra la più sincera.
Tutto il resto è avvolto nel mistero; a partire dal motivo per cui una giovane donna che teme la violenza parte da sola per una città ignota.
Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it