Utente
Buonasera, ho quasi 20 anni e premetto che sono una ragazza ansiosa.
Soffro di attacchi di panico da quasi 2 anni.
Sto trascorrendo un periodo stressante, a giugno il mio medico curante mi ha diagnosticato colon irritabile in seguito a forti dolori addominali, nausea e diarrea/stipsi.
Sono alta 1, 68 e a causa della mia forte ansia sono scesa di peso da 50 a 47, 5 kg in due mesi.
La settimana scorsa ho iniziato a sentire un senso di nodo/costrizione alla gola, con difficoltà a mandare giù il cibo ed e come se rimanesse bloccato in gola o nell’esofago, frequenti eruttazioni e.
A volte è come se mi mancasse il respiro e mi viene la tachicardia.
Per questo fatto ho mangiato pochissimo e sono andata all’ospedale dove mi hanno fatto gli esami del sangue, l’elettrocardiogramma, visita dal neurologo e dall’otorino.
Non hanno riscontrato nessun problema ma solo tanta ansia e per questo sono stata visitata anche da una psichiatra che mi ha detto di prendere levopraid gocce per una quindicina di giorni prima dei pasti.

Io però non sono convinta di tutto ciò, anche perché avverto ancora senso di costrizione alla gola ed e come se il cibo non scorresse giù correttamente.

Secondo voi devo stare tranquilla o fare altre visite?

Ammetto che sono un po’ ipocondriaca
Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Giovanni Soscara

36% attività
16% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile utente, le sensazioni che racconta sembrerebbero descrivere una dimensione ansiosa che si esprime attraverso i sintomi da lei descritti. Ansia significa stringere, la stretta alla gola potrebbe indicare una situazione dentro la quale fatica a trovare chiarezza e via d'uscita. Ma sono solo ipotesi, non conoscendo la sua storia mi fermo qui. Se le sue indagini mediche non hanno avuto riscontri negativi, potrebbe dedicare più attenzione e ascolto all'area psichica, così facendo i suoi disagi potrebbero essere accolti e trattati se non da sola magari effettuando un percorso psicoterapeutico. A volte le nostre esperienze più profonde hanno bisogno di un un posto riservato per potersi organizzare ed esprimere.
Cordialmente.
Dr. Giovanni Soscara
Psicologo Clinico, Psicoterapeuta
soscaragiovanni@medicitalia.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dottore,ma è possibile che sento dolore anche al tatto della gola? L’otorino mi ha detto che non ce nulla!

[#3]  
Dr. Giovanni Soscara

36% attività
16% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Bene, prendiamo atto del parere del suo otorino e scongiurata l'ipotesi organica, potrebbe lo stesso avvertire le sensazioni fastidiose attraverso dolori e altre "somatizzazioni", ovvero tutte quelle risposte che il corpo produce per esprimere un disagio o una preoccupazione psichica. È così che la sua ansia si manifesta, entra in contatto con lei per farsi sentire. Per questo motivo sarebbe interessante ascoltarla e tradurre i suoi messaggi magari con l'aiuto di un professionista della sua città.
Grazie a questi momenti particolari e sensibili della vita di tutti i giorni che si creano quelle occasioni per prendersi realmente cura di sé stessi e di tutti quei disagi che a volte non sappiamo spiegarci da soli.
Cordialità.
Dr. Giovanni Soscara
Psicologo Clinico, Psicoterapeuta
soscaragiovanni@medicitalia.it

[#4] dopo  
Utente
Salve dottore,
Volevo chiederle un parere su ciò che mi è accaduto oggi. Sto trascorrendo questo periodo di stress intenso e ho problemi di colon irritabile.
Oggi dopo aver mangiato uno yogurt senza lattosio con dei cereali,mi ha iniziato a pizzicare la lingua. Secondo lei può essere ansia o c’è qualcos’altro sotto?

[#5]  
Dr. Giovanni Soscara

36% attività
16% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Lo stress e l'ansia, come le scrivevo, possono farle sentire svariate risposte corporee. Osservi però la sua attenzione verso tutti questi aspetti, l'eccessivo controllo di queste reazioni, di natura incontrollabili, come il pizzico alla lingua, il colon irritabile e altre suggestioni relativamente psicosomatiche, possono avere un posto preponderante nella produzione dell'ansia.
Come dire, più controllo, più scoprirò sintomi che mi faranno preoccupare. Ma la domanda più importante è: di cosa mi dovrei occupare realmente nella mia vita? L'ansia ha anche questo valore e questo importante mandato, ci turba e importuna proprio quando vuole suggerirci qualcosa che ha bisogno di far emergere.
Cordialmente.
Dr. Giovanni Soscara
Psicologo Clinico, Psicoterapeuta
soscaragiovanni@medicitalia.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie dottore,è che sto trascorrendo un periodo particolarmente difficile. Ogni minimo sintomo lo vedo come un grande problema. Comunque volevo informarla sul fatto che sto già facendo un percorso terapeutico con la psicologa.