Utente
Salve a tutti, ho 28 anni e da un anno la mia vita non è più la stessa! Ho iniziato ad avere seri dubbi sul mio orientamento sessuale! Scorsa estate esco con una ragazza bellissima! Ci frequentiamo per un mese nella quale abbiamo avuto poco più di 5 rapporti, gli ultimi dei quali con difficoltà ad avere un’erezione!! Per curiosità inizia a guardare guardare video con contenuti trans, sentii che mi eccitavano, come quelli etero.
Ci lasciamo.
Conosco una ragazza! La porto a letto, al momento della penetrazione niente erezione.
Un collega mi diede del Viagra, che utilizzai! Iniziai a perdere attrazione verso il sesso femminile pur guardandole e vedendole belle.
Dopo 2 mesi di frequentazione mi venne una sensazione di soffocamento al petto e decisi subito di bloccare la relazione.
Il pensiero divenne sempre più ricorrente, iniziarono a mancare le erezioni mattutine, l’attrazione verso le ragazze e anche la voglia di masturbarmi! Al momento di fare sesso ansia, pensieri che le donne non mi piacevano! Presi Viagra.
Ando avanti così per un po di mesi, nella quale avverti nuovamente quel senso di soffocamento alla gola che ignorai proseguendo nella relazione.
Andai dal medico di base (omettendo l’assunzione del Viagra) che mi diede tavor oro 1mg da assumere mezz’ora prima del rapporto.
Passarono le settimane e l’ansia sempre più forte, stomaco chiuso, sensazione di gonfiore alla gola e nausea.
L'appetito diminui e persi 4 kg in 3 mesi.
Decido di prendere il tavor ogni tanto prima di vedere la mia ragazza per tranquillizzarmi.
La sensazione di soffocamento sempre più forte, dalla mattina appena sveglio fino alla notte, ogni suo messaggio mi faceva venire la nausea al punto che mi vennero gli attacchi di panico e voglia di vomitare con vari episodi di rigurgito più volte al giorno! Pensai che tutto questo fosse dovuto al fatto che il mio corpo mi stesse dicendo che le donne non mi piacciono più e che io non volevo accettarlo.
Stavo malissimo e l’ho lasciata! Iniziai a sentirmi bene e poco tempo dopo fissai un appuntamento da uno psicoterapeuta, che mi tranquillizzo, che ero normale, che non ero gay e che ho accumulato troppa ansia negli anni con le relazioni passate! Mi sentii subito meglio dopo il colloquio, rividi la ormai ex, andai a casa sua per parlare, e al primo contatto con lei il mento divento subito duro.
Era quasi un anno che non mi accadeva una cosa simile, facemmo sesso 3 volte quella giornata, senza Viagra ne aiutino, ma ormai il pensiero/ossessione di essere gay ormai si è radicata in me.
Ando così per una settimana, mi venne nuovamente attacco di panico e conati con rigurgiti, è decisi di lasciarla definitivamente! Ora sto un pochino meglio, ho sempre la paura di vomitare! Se penso alla mia ex mi manca ma mi viene la nausea solo a pensarci! Se penso alle donne mi viene la nausea, uomini compresi, non riesco ad immaginare una relazione con un uomo.
Non so piu a chi rivolgermi, grazie in anticipo a chi rispondera.

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

Lei scrive: "... psicoterapeuta, che mi tranquillizzo, che ero normale, che non ero gay e che ho accumulato troppa ansia negli anni con le relazioni passate! Mi sentii subito meglio dopo il colloquio "

Diciamo che va bene, condivido che Lei sia una persona eterosessuale, non è gay e che ha accumulato molta ansia, spaventandosi per i PENSIERI e i commenti a questi pensieri ed emozioni che ha avuto, ma in casi come il Suo la psicoterapia NON si conclude così, tant'è che Lei sta esattamente come prima.

A chi rivolgersi? Ad uno psicologo psicoterapeuta della Sua zona che sappia trattare seriamente il rimuginio e che sappia insegnarLe come affrontare queste situazioni, partendo proprio dai pensieri che fa.

Un pensiero NON è un fatto, ma le persone ansiose fanno fatica a comportarsi di conseguenza.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente
Salve dottoressa, la ringrazio per la risposta, ha ragione, nonostante io stia facendo dei colloqui la situazione rimane sempre la stessa. Continuo ad avere sensazioni di nausea e continui conati, non riesco ad individuare la situazione, se dovuta a pensieri che faccio o alla rottura della relazione, ma comunque sia anche stando fidanzato la situazione è praticamente la stessa, solamente più pesante perché devo render conto a qualcuno! Continuo a non essere attratto dalle donne e ho paura che questa sensazione rimanga a vita, e continuo a pensare che il mio interesse sia cambiato verso gli uomini anche se non trovo nessun riscontro nella realtà ne nelle mie fantasie! Domani provo a parlarne con il medico di base per vedere se si riesce e trovare una soluzione! Sono molto pessimista a riguardo e ho perso interessi tu tutto. Non so più dove appigliarmi, scusi lo sfogo!