Utente
Salve, sono una ragazza di 19 anni.

La relazione con mia madre é altalenante nel senso che ci vogliamo un gran bene e siamo molto unite ma ci sono quei giorni in cui discutiamo e sopratutto se ciò é stato provocato da me, mi sento malissimo e ho paura che si possa sentire abbandonata da me come figlia.

Spiego la situazione a casa: abitiamo insieme io, mia mamma e il mio fidanzato, che ha un rapporto ottimo con mia mamma e mio papá purtroppo é morto quando ero piccolina, nonostante fosse molto giovane.

Io ho sempre sentito di avere il dovere di essere vicina a mia mamma e di non farla sentire mai sola, e quindi quando discutiamo sento che vengo meno a quel dovere.

Mi sento molto in colpa se passo troppo tempo con il mio fidanzato oppure se studio oltre una certa ora, ho paura che un giorno mi pentirò di non avere approfittato di questo tempo insieme ora.

L’ultima volta che abbiamo discusso, é stata per colpa mia perché io le ho detto mamma sai che a quest ora non mi piace avere nessuno in camera perché volevo riposare e lei mi ha detto ok me ne vado e io subito le ho detto scusami a volte dico queste cose e non me ne accorgo, rimani perfavore.

Qualche minuto dopo che era andata in camera sua mi manda un messaggio dicendomi che lei con tutto quello che aveva fatto per me, io la ripagavo così.

É una cosa che mi dice spesso, oppure mi dice che non si é rifatta una vita per noi, perché c’é anche mia sorella, oppure che ci avrebbe dovuto pensare prima di averci.

E ora dice che se ne andrà due giorni da sola per stare lontana, allora io mi sento malissimo perché penso di star rovinando la nostra relazione.

Di questo il mio fidanzato, che é molto discreto con questi problemi a casa, mi ha detto che non mi devo sentire in colpa perché la reazione di mia mamma é stata sproporzionata e che é lei che ha deciso di non risposarsi mica gliel’abbiamo chiesto noi.

Lui mi fa stare più serena, però comunque mia mamma continua ad avere quell’atteggiamento come se l’avessi ferita.


Mia sorella é in missione in Africa ma per via del covid non é potuta ancora rientrare e ci chiama ogni giovedì e sabato per sentirci, allora mia mamma mi ha detto mi dispiace che oggi non potrai sentire tua sorella e lo usando come per minacciarmi e dire che visto che le va via per due giorni, io potrò sentire mia sorella.


Amo mia mamma ma alcune volte mi sento in un circolo vizioso, anche quando io e il mio fidanzato parliamo di avere una famiglia, lei poi mi dice di nascosto che lui non é pronto, che quando andrò a vivere da sola con lui me ne farà passare delle brutte.

Altre volte, la odio perché mi fa sentire male se non faccio qualcosa per lei, che non valgo niente e che non le sono riconoscente.

[#1]  
Dr.ssa Patrizia Pezzella

24% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gent. ma giovane lettrice,

l'affetto e la gratitudine sono gli ingredienti che un figlio dovrebbe offrire nella relazione con un genitore, affetto/amore , comprensione , protezione e libertà gli ingredienti che un genitore dovrebbe regalare ad un figlio.
Valuti lei se ci sono le premesse per sentirsi in colpa o piuttosto per garantirsi , anche con l'aiuto del suo ragazzo, una sua autonomia e rispetto dei suoi bisogni e esigenze. Tutto ciò può essere attivato pur continuando, come è giusto che sia, a coltivare l'amore verso sua madre.. Provi a consultare, nella città dove vive , un collega psicologo del consultorio familiare, che potrà aiutarla in questa fase di crescita della sua vita.
Molti saluti e moltissimi auguri .
Dr.ssa Patrizia Pezzella
psicologa, psicoterapeuta
perfezionata in sessuologia clinica