Utente
Ai sessuologi.

Io come vedete ho quasi 75 anni, e vorrei ancora far l’amore con mia moglie, magari aiutandomi con quelle pastiglie di oggi per rinforzare quel che non è più così. . . solido.
Sto piuttosto bene, sono un uomo attivo e presente nel paese e mentalmente, e la mia coppia va abbastanza d'accordo.
Siamo insieme da 40 anni.

Ma lei non ha più voglia di sesso, se mai ne ha avuta.

Vi chiedo qualche consiglio.
Sono io quello sbagliato e maniaco?
Cosa posso fare?
Vivere come fratello e sorella?
Quale specialista mi aiuta?
Grazie.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

la sessualità over 70 è oggi ampiamente studiata e molte sono le persone di una certa età che interpellano di persona noi Psico-Sessuologi proprio su tale problematica.
E’ un argomento però ancora sconosciuto ai più e liquidato con giudizi del tipo: E’ vecchio ma pensa solo a quello .
E dunque la situazione che Lei presnta qui
ci serve anche per sensibilizzare i molti che leggono questo blog.

Lei di sè ci scrive che:
è sano fisicamente e psichicamente compatibilmente con i suoi quasi 75 anni,
è dentro una coppia coniugale sufficientemente buona per dirla con Winnicott,
ha desiderio,
forse ha qualche deficit erettile.
La moglie lamenta assenza di desiderio.

Non è strano avere desiderio sessuale anche avanti con l’età, lo potrà approfondire con la lettura del mio articolo *Sesso e cuore tra 50 e 90 anni*, lo trova in rete.
Ciò vale anche per le coppie sposate? Ci si può chiedere se l’avanzare dell’età svantaggia le coppie che sono insieme da decenni.
Non così gravemente dice la ricerca che Le linko, il matrimonio non è la tomba del sesso:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/5309-il-matrimonio-non-e-la-tomba-del-sesso.html

E dunque come mai Sua moglie non ha desiderio?

In genere continua ad avere desiderio chi ha avuto un buon rapporto con la sessualità in età adulta,
ma su ciò Lei pone un dubbio per quanto riguarda la moglie.
Inoltre però, dai Suoi consulti pregressi anche in altre aree apprendiamo che la signora ha avuto problemi di salute assai gravi negli ultimi anni;
e un corpo ferito e offeso può essere scarsamente predisposto alla sessualità.

Il fattore salute è molto significativo per il desiderio, soprattutto femminile. Talvolta il partner maschile non se ne rende conto.
Quali sono i meccanismi che al riguardo agiscono nella psiche maschile? La malattia arriva a far divorziare la coppia?
Non sempre, ma talvolta crea ostacoli, dice questa ricerca:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/4800-la-malattia-fa-divorziare-la-coppia.html . Nel paragrafo *Che fare?* troverà indicazioni concrete sul come porsi relazionalmente con Sua moglie; ma anche il consiglio di chiedere una consulenza di coppia (privatamente o al Consultorio);
non a scopo rivendicativo nei confronti della signora, quanto piuttosto
. per capire insieme se c’è ancora una strada (sessuale) comune da percorrere;
. per far sentire a Sua moglie che essa non rappresenta uno strumento per soddisfare le Sue voglie, ma che è destinataria di una attrazione che non cede di fronte all’età e alle malattie.

Se poi non si tratterà di sesso penetrativo a causa del deficit erettile e forse di qualche problema di secchezza vaginale femminile,
ci sarà dell’altro.
Purchè sia appagante per entrambi.
Tenga conto che il desiderio femminile non sboccia al momento, ma si coltiva nel corso del "prima".

Se non sono stata sufficientemente chiara, chieda pure.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille cara Dottorezza.
Lei mi ha dato tanti stimoli e tanto materiale da leggere.
Al momento ho smesso di tampinare mia moglie per provare a riflettere. So che sembra strano ma su questo argomento non trovi mai qualcuno col quale parlare seriamente.
Mi farò vivo tra qualche giorno se non disturbo, dopo aver letto e pensato.
Intanto veramente grazie!

[#3] dopo  
Utente
Cara dottoressa, sono trascorsi alcuni giorni e mi sono messo più tranquillo.
Ho letto con attenzione gli articoli, anche quello >Sesso e cuore tra 50 e 90 anni<, e ho pensato molto dato che il tempo ce l'ho.
Mi sono accorto di amare mia moglie, da tanto non ci pensavo. L'ho guardata, è affaticata. Ho cercato di essere affettuoso con lei.
Eppure mi piacerebbe ritrovare una sintonia anche sessuale, sarà possibile? Saremo ridicoli a rivolgerci a un sessuologo a questa età? Sarà possibile che a mia moglie venga un po' di voglia?
Grazie mille ancora!

[#4]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

sono contenta se il materiale della piattaforma Le ha fornito stimoli di rilessione e di introspezione. Dopo tanti anni talvolta si dà per scontata la presenza dell'altra persona, come se fosse parte dell'arredamento.

Vi incoraggio a chiedere una consulenza ad uno Psicoterapeuta meglio se perfezionato in sessuologia clinica (ad es. consultando FISSonline.it, Albo). Sono molte ormai le persone in età che si occupano del proprio ben-essere sessuale.
Riguardo al desiderio sessuale di Sua moglie, perchè disperare? Occorre trovare gli attivatori e le chiavi adatte; ma anche curare eventuali forme depressive latenti.

A Lei raccomando inoltre una visita uro-andrologica,
come del resto la parte femminile, che frequenta con regolarità gli ambulatori ginecologici ..
Esaminerete con lo specialista l'opportunità di farmaci specifici di sostegno all'erezione,
e con lo Psico-sessuologo le modalità adattive rispetto all'età.

Cari saluti.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#5] dopo  
Utente
Grazie di cuore.
Mi ha aiutato a mettere a fuoco meglio le cose, direi come appassionato di fotografia. Chissà se avremo mai il coraggio di chiedere una consulenza, come ci consiglia. Vedremo.

[#6]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Lieta se vi siamo stai di aiuto. Con l'augurio di un proficuo percorso di vita!
Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/