Utente
Buongiorno, io e il mio compagno conviviamo da 8 anni con mio figlio di 13 anni.

Avevamo una buona vita sessuale.

Da circa 3 anni il mio compagno è in terapia perché sono emersi dei ricordi, risalenti alla sua adolescenza, che riguardano delle violenze sessuali ripetute negli anni subite da un cugino.

È entrato nel tunnel della depressione.

Oggi sta meglio ma vuoi per i farmaci che ancora assume, anche se in dosi minori vuoi, soffre di impotenza (uno dei primi segnali che ha fatto scattare dei controlli).


Mi dice che non ha alcun desiderio sessuale e che non riesce neanche a toccarmi, perché non se la sente e i ricordi riemergono, tanto che mi ha parlato di ribrezzo al solo contatto.


Sono molto frustrata e spesso irascibile.


Lui comunque si reca settimanalmente dalla psicologa.


Sono riuscita, come ultima chance, a convincerlo a fare terapia di coppia.

Abbiamo fatto due sedute ma lui mi ripete che non guarirà mai e che non riuscirà mai più a fare l'amore.

E cado in un totale sconforto.

Per giunta mi ha manifestato che non gli aggrada la metodologia di questo psicoterapeuta.


So che dovrei lasciarlo, del resto non siamo sposati ma non mi rassegno all'idea che tutto sia finito.

È un uomo gentile, generoso e rispettoso.
Siamo molto complici su molteplici argomenti e comportamenti e abbiamo superato insieme tante difficoltà.

Ma sono ancora una donna di quarant'anni bella e attraente.

Mio figlio è anche affezionato a lui e nel tempo hanno instaurato un buon rapporto.

Sono scuse?

Cosa devo fare?

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
No, non sono scuse, quelle del Suo compagno.
In effetti, esiste il problema del calo del desiderio sessuale e anche il problema della perdita del desiderio sessuale.
Alcuni farmaci non aiutano in questo, ma ritengo sia una buona idea aver deciso di fare terapia insieme per risolvere il problema.
D'altra parte i problemi si risolvono, non crede?
L'atteggiamento del Suo compagno è tipico di chi è depresso, ma la terapia individuale per lui per trattare questi aspetti è fondamentale.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica