Utente
A causa della emergenza covid, con la mia compagna abbiamo deciso di non vederci più in luoghi chiusi ma solo all'aperto.
Lei abita con i genitori, la paura c'è, quindi niente sesso in attesa del vaccino.

Secondo il piano vaccinale, ci vaccineremo a giugno.
Quindi senza sesso fino a giugno.
Senza contatti in un luogo chiuso, senza un bacio, un abbraccio.
Io non vado da lei, lei non viene da me.
Sappiamo che un luogo chiuso la mascherina a volte potrebbe non bastare.
Ci vediamo all'aperto senza baciarci nemmeno.
Nemmeno il contatto tra di mani.

Lo so che è una domanda da un milione e dollari, ma...come può andare avanti?
Può andare avanti?
Non c'è il rischio che queste passeggiate all'aperto senza sesso, senza contatti, ci facciano diventare amici?

[#1]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ASTI (AT)
CASTELL'ALFERO (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
se ciò che cercava è una rassicurazione, non gliela si può fornire: il "rischio" c'è, come in tutte le cose della vita.
Se invece l'obiettivo è un'assoluzione riguardo una decisione già presa, ma complicata da gestire, non è contemplata nella nostra professione... ;-)

Solamente ciascuno di voi due può decidere SE e COME questa relazione potrà procedere nonostante tutto quello che sta accadendo intorno a voi e alla vostra coppia.
Solo i vostri sentimenti, la vostra motivazione e la vostra fantasia possono aiutarvi a trovare un modo percorribile per vivere una sessualità "alternativa", in attesa di tempi migliori.
Per la buona "manutenzione" di una coppia è importante lavorare costantemente su PASSIONE, INTIMITA' e PROGETTUALITA': rafforzare il vostro legame di amicizia e confidenza non è detto sia un male; porvi delle domande relativamente al futuro individuale e di coppia è doveroso; trovare un modo nuovo per giocarvi la dimensione della sessualità di coppia può diventare una sfida intrigante.
Potete valutare se le imposizioni che avete concordato si possano un po' ammorbidire, senza aumentare eccessivamente il rischio percepito, oltre che quello reale più oggettivo.
Ma, in conclusione, le domande finali sono per Lei: quanto tempo pensa riuscirà a stare in questa relazione alle condizioni attuali?
Che cosa pensa sia in suo potere fare per modificarle in una direzione che sia più funzionale per se stesso e per la coppia?

Cordialità.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
cell. 331 5246947 - paola.scalco@gmail

[#2] dopo  
Utente
Dottoressa grazie mille per avere risposto.
Quanto tempo riuscirò a restare in questa situazione? Personalmente posso resistere ad oltranza, io la amo e la mancanza di sesso può essere snervante ma non di ostacolo ad andare avanti.
Per la seconda domanda, beh io penso che posso fare poco o niente, la paura di infettarsi è reciproca. Non vivo pensando sempre al virus ma non posso non tenerne conto, innanzitutto per me stesso.
Mi sento come un una situazione di stallo.
Quanto alla domanda di "trovare un modo nuovo per giocarvi la dimensione della sessualità di coppia può diventare una sfida intrigante", quali potrebbero essere le modalità? Virtuali? Oppure ho capito male?

[#3]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ASTI (AT)
CASTELL'ALFERO (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Il suggerimento era proprio di trovare una VOSTRA modalità alternativa, senza avere in mente già qualcosa di specifico.
L'aggettivo 'virtuale' può essere inteso in vari modi e non so a quale accezione si riferisse Lei.
Per come la vedo io, FARE l'amore non è solo un incontro di corpi, ma molto di più: ora che i vostri corpi non si possono incontrare, rimane tutto il resto e su quello si può lavorare per trovare delle strade alternative che vi appartengano e vi consentano di non oscurare del tutto questa parte di voi. "Dalla pelle al cuore", citando Venditti!
I sensi sono 5 perciò, se escludiamo il tatto, ne rimangono altri 4 (... che spesso nella sessualità di coppia non sono tenuti in debita considerazione) su cui impegnare la propria immaginazione.
Esempi?
Le carezze si fanno anche con la voce...
Un morbido maglione intriso del profumo dell'amato/a ci stimola ricordi e desideri...
Tenendo sempre a mente ciò che sostengono i sessuologi, ossia che il più grande organo sessuale è quello che abbiamo tra le orecchie.

Saluti e auguri per il nuovo anno appena incominciato.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
cell. 331 5246947 - paola.scalco@gmail

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno Dottoressa, la ringrazio per avermi risposto in questi giorni di festa.
Per noi due il sesso è stato sempre importante, vedersi all’aperto senza baciarsi, stringersi, nemmeno abbracciarsi, per me è un tormento psicofisico, ma altro non si può fare.
Forse è pure una mia insicurezza, magari intendevo il rapporto sessuale come prova del suo amore, non so se dico una sciocchezza. Di sicuro manca qualcosa. Magari vi aggiornerò su fatti , accadimenti che dovessero presentarsi nei prossimi giorni o più in là.
Scusatemi ma l’organo sessuale che abbiamo tra le orecchie, quale è? Gli occhi? Davvero non ci arrivo.
Grazie ancora e buon anno.

[#5]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ASTI (AT)
CASTELL'ALFERO (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Si tratta del cervello...
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
cell. 331 5246947 - paola.scalco@gmail

[#6] dopo  
Utente
Grazie Dottoressa.