Gelosia ossessiva, insicurezza, dipendenza

buonasera, ho deciso di scriverVi in quanto questa condizione dura ormai da 1 anno e mezzo e sto prendendo in considerazione l’idea di consultarmi con uno specialista.

sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata con un mio coetaneo da 2 anni e qualche mese.
data la mia età, questa è la storia più importante che abbia mai avuto, stiamo crescendo insieme ed entrambi siamo intenzionati a portare avanti il più possibile questa relazione.
purtroppo peró, sto appurando di avere un serio problema di gelosia, ansie, paure e forse dipendenza.
cerco di spiegarmi brevemente: dopo circa 6 mesi dall’inizio della relazione, sono venuta a sapere che, durante il 2’ mese, aveva messaggiato un paio di giorni con una ragazza con cui si era frequentato.
le chat non erano nulla di che, innocue, ma ci sono ugualmente rimasta male e gli ho chiesto di essere sincero con me da quel momento in poi, che avrei preferito che mi dicesse tutto piuttosto che lasciarmelo scoprire da sola.
purtroppo lui ha preso questa mia richiesta con leggerezza ed ha continuato con questa sorta di bugie bianche per il successivo anno e mezzo (premetto che mi ha sempre nascosto stupidaggini, come ad esempio il non avermi detto che in un gruppo di amici c’era una ragazza in particolare che sapeva mi avrebbe infastidito).
questo non ha fatto altro che innescare in me un circolo vizioso di paura, che spesso scatta senza un motivo, che sfocia in pensieri ossessivi, ricerca di prove, chat spiate (di cui mi vergogno da morire), ansia di scoprire altro.
l’ultimo episodio risale a ieri, ho scoperto che 2 anni fa agli inizi della relazione ha riaccompagnato la sua ex a casa senza dirmi nulla, onestamente mi sento stupida a stare male per una cosa successa così tanto tempo fa, ma non riesco a controllarlo.
ormai la mia relazione è basata su momenti pieni di felicità e tranquillità (per lo più quando siamo insieme fisicamente), e su ansie e paranoie che rovinano tutto.
come posso fare?
è davvero necessaria una terapia per farmi stare meglio?
premetto che lui nè è a conoscenza e si impegna sempre a dirmi qualsiasi cosa, riconosco di essere io il problema, so che mi ha sempre tenuto nascoste cose innocue e so che le mie paure sono irrazionali ma non riesco assolutamente a controllarle.
Vi ringrazio in anticipo per l’attenzione.
[#1]
Dr. Daniele Rondanini Psicologo, Psicoterapeuta 108 4
La sua consapevolezza che il problema sta in lei è già una buona risorsa. Possiamo pensare che quindi il problema preceda il rapporto con il suo compagno e derivi da più lontano. D'altra parte il problema sembra condizionare molto il suo stato e il suo benessere, nonché il rapporto stesso, andando avanti nel tempo. Allora, è forse il caso di andare a vedere cosa c'è più in profondità. Questa gelosia sembra soprattutto paura di abbandono, quindi derivare dalla propria esperienza originaria di attaccamento. Se così è, meglio sarebbe una consulenza psicoterapeutica, sapendo che il problema non si scioglie da sé, sarebbe solo rinviato.

Dr. DANIELE RONDANINI- Dirig. Psicologo ASL RM 2- Psicoterapeuta - Psicoanalista Junghiano Didatta e Supervisore- Docente - CIPA Roma
3384703937

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa