Utente
Salve, mi sono recato presso un centro di esami, su indicazione del dentista, per una radiografia panoramica dell'arco dentale, per valutare le condizioni di un eventuale impianto dentale parziale.
Per motivi non ben precisati dal tecnico, questo esame radiologico è stato ripetuto 3 volte prima di riuscire: a dire del tecnico la prima non è rimasta l'immagine, la seconda "non sono passati i raggi" e poi la terza.
Possono esserci conseguenze per quest'evento?
So che la dose emessa dovrebbe essere bassa, ma sono comunque molto preoccupato; avrei fatto meglio ad interrompere subito l'esame?
Grazie per la risposta.

[#1]  
Dr. Alessandro Aiello

36% attività
16% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gentile Signore,
il solo principio che qui possiamo sottolineare è che meno esposizioni si effettuano a radiazioni ionizzanti e meglio è. Non possiamo sapere da qui le motivazioni per cui il suo esame è stato ripetuto tre volte e quale sia la reale dose cui è stato esposto. Nessuno potrà mai quantificare la reale probabilità di subire danni poiché per nulla semplice è formulare questo calcolo. Tenga tuttavia presente che una seppur remota probabilità di subire mutazioni genetiche, con supposto teorico danno da radiazioni al DNA, è contemplata anche sottoponendosi ad una sola ortopantomografia, come di solito avviene anche per tutti gli altri esami radiologici che impiegano radiazioni.
Non volendo entrare ulteriormente in questioni tecniche e protezionistico/dosimetriche molto complesse, e non potendo inoltre esprimere un giudizio sulla modalità di gestione del suo esame, mi sento di suggerirLe di vivere ormai con serenità l'accaduto (non si può tornare indietro) poiché sottoporsi ad esami radiologici con radiazioni prevede sempre e comunque un rischio, seppur teorico e potenziale, basso per la tipologia di esame di cui parla, ma pur tuttavia sempre contemplato e che deve essere accettato dal paziente nel momento in cui sottoscrive il consenso informato.
Lungi pertanto dal voler minimizzare l'accaduto e le sue legittime preoccupazioni Le porgo cordiali saluti.
Dott. Alessandro Aiello
Dirigente Medico di Radiodiagnostica
U.O. Radiologia - Ospedale Giovanni Paolo II° - Sciacca (AG)