Utente
Buonasera,
Ho 24 anni, l'estate passata ho iniziato a correre, per più giorni alla settimana e anche per più di 1 h di attività.
Nel mese di settembre tuttavia ho iniziato ad avvertire un dolore abbastanza forte al solo ginocchio destro, in particolare in corrispondenza del tendine rotuleo (quindi leggermente sotto il ginocchio).

Il dolore non è continuo, lo avverto solamente per alcuni giorni successivi all'attività motoria e in particolare quando mi alzo da seduto oppure quando eseguo certi movimenti (es. salire le scale), non sento invece dolore quando sto fermo o seduto.
Dopo alcuni giorni il dolore tende a sparire ma ripresentandosi nuovamente dopo la corsa successiva.

Dopo aver fatto un paio di mesi di pausa dalla corsa (pensando che il problema fosse temporaneo), ho ripreso a novembre ma il problema si era ripresentato, ho quindi richiesto una visita dal mio medico di base che mi ha prescritto alcune creme/gel da applicare risultati tuttavia inefficaci.

Successivamente ho quindi eseguito una RX al ginocchio destro, infatti secondo il mio medico di base potrebbe trattarsi di una cisti.
Dal referto sembrerebbe non ci sia nulla di anomalo: "Esame eseguito in carico.
Non evidenti lesioni focali ossee nè calcificazioni periarticolari.
Simmetriche e di ampiezza conservata le rime articolari femoro-tibiali. "

Ho il dubbio (ma quasi sicuramente mi sbaglio) che la lastra non abbia compreso il tendine ma solamente la parte del ginocchio.
Quindi mi chiedo: quale potrebbe essere il problema? Quali visite ulteriori potrebbero essere utili?

Vi ringrazio per la pazienza e la disponibilità.

[#1]  
Dr. Vittorio Scipione

28% attività
20% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2016
Caro Amico,
la Radiografia del Ginocchio consente di rappresentare e valutare le strutture ossee che lo compongono,"non vede" tendini,legamenti,menischi e quant'altro.
Nel Suo caso stante la sintomatologia che Lei indica con precisione "potrebbe" valere la pena eseguire una Ecografia per valutare i tendini quadricipitale e rotuleo nel sospetto di una condizione infiammatoria di quest'ultimo con possibile versamento nella borsa omonima.
L'esame indicato potrebbe essere sufficiente,in realtà è più corretta una visione di insieme che consenta una valutazione in parallelo delle strutture fibro-cartilaginee (menischi) e legamentose dell'apparato estensore,legamenti crociati,collaterali e nel caso tendini rotuleo e quadricipitale.
Per cui sarebbe buona norma approfondire lo studio di queste strutture eseguendo una Risonanza Magnetica,per ottenere risposte sicure.

Arrivederci
Dr.Vittorio Scipione