Risonanza referto encefalo causa parestesie

Buongiorno,
Ho eseguito delle risonanze a seguito delle parestesie riscontrare nelle ultime settimane.

Vorrei avere un riscontro sulla diagnosi.

Poiché sono molto preoccupata



2021.REFERTOEncefalo: il sistema ventricolare è in asse e normoespanso.
Normale ampiezza dei solchi e degli spazi liquorali periferici.
Piccolo focolaio di iperintensità di segnale T2-FLAIR è riconoscibile nel contesto della sostanza bianca adiacente il corno frontale del ventricolo laterale di sinistra.
Due ulteriori e più circoscritti focolai di analoga alterazione di segnale sono riconoscibili nella sostanza bianca frontale inferiore a destra.
I reperti, di aspetto aspecifico, non rivestono sicuro significato patologico sebbene per l'alterazione frontale sinistra in via del tutto cautelativa non sia possibile escludere con certezza l'ipotesi infiammatoria a stampo mielinoclastico.
Non si rilevano ulteriori alterazioni di segnale del parenchima cerebrale, cerebellare e del tronco encefalico.
In particolare, regolare morfologia e segnale del corpo calloso.
Lo studio della diffusione protonica è negativo.


Rachide cervicale: rettilineizzazione della fisiologica lordosi cervicale senza disallineamenti metamerici.
Nella norma l'intensità di segnale e il trofismo del midollo spinale nel tratto indagato.
Normale aspetto della giunzione cranio-cervicale.
Accenno a protrusione discale mediana-paramediana sinistra C5-C6 e mediana-paramediana destra a C6-C7, senza effetti compressivi di rilievo.
Normale aspetto delle restanti unità disco-somatiche

Aspetto un riscontro grazie
[#1]
Dr. Vittorio Scipione Radiologo, Otorinolaringoiatra 729 62
Cara Amica,
Le dico la verità il referto dell'esame RM che Lei ha gentilmente prodotto,visto nella Sua globalità, sembra escludere patologia in atto a livello del parenchima cerebrale,rimane un dubbio quando il referto recita ....""Piccolo focolaio di iperintensità di segnale T2-FLAIR è riconoscibile nel contesto della sostanza bianca adiacente il corno frontale del ventricolo laterale di sinistra...."" a commento del quale si aggiunge ....""sebbene per l'alterazione frontale sinistra in via del tutto cautelativa non sia possibile escludere con certezza l'ipotesi infiammatoria a stampo mielinoclastico....""
come se seppur in termini assolutamente dubbi non si possa escludere una alterazione della mielina .....La mielina è una sostanza grassa che contorna le fibre nervose cerebrali e midollari,è fondamentale per aumentare la velocità della comunicazione elettrica tra i neuroni....
di fatto in sede frontale sinistra secondo il referto ci sarebbe seppur in termini ipotetici una minuta area di definiamola riassorbimento o degenerazione di questa guaina mielinica (sostanza bianca del parenchima cerebrale).

In conclusione questo unico dato non viene accuratamente chiarito nel referto,per cui val la pena affidarsi nel caso ad un buon Neurologo per un adeguato Suo inquadramento clinico ed escludere sulla scorta degli accertamenti diagnostico-strumentali eseguiti o di altri cui sottoporsi eventuale alterazione infiammatoria della sostanza bianca cerebrale.

Con buon senso Le dico di non spaventarsi perchè a mio parere ad oggi non vi sono le condizioni per farlo
Stia tranquilla e serena

Arrivederci

Dr.Vittorio Scipione

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa