Utente
Buongiorno,
qualche mese fa ho iniziato ad accusare un fastidio abbastanza presente alle articolazioni della mano sinistra, in particolare a partire dall'indice fino a circa metà della mano, il fastidio era accentuato e non mi consentiva di utilizzare la mano in maniera normale.
Dopo qualche settimana il fastidio si è risolto, ma non del tutto e infatti è rimasto concentrato soprattutto all'indice se sollecitato in determinate posizione, soprattutto verso l'esterno cioè tirandolo verso il pollice e in alto e così dura da ormai qualche mesetto.
Ultimamente mi è capitato di assumere qualche antinfiammatorio per altri motivi, ma anche in quell'occasione il fastidio è rimasto, tuttavia sicuramente sopportabile.
Specifico che la fase acuta del fastidio si è presentata verso metà marzo por poi stabilizzarsi dopo un paio di settimane in maniera più lieve (alcuni giorni più, altri meno) e perdurare fino a oggi.
Ho quindi prenotato una visita reumatologica, ma dovrò aspettare fino a metà ottobre.
La domanda è se posso sottovalutare questo fastidio e andare avanti fino ad ottobre, senza darci troppa importanza oppure no?

Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Marco Bonelli

32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Buonasera,
da quello che scrive sembra di capire che non sono presenti tumefazioni a carico delle dita né segni di infiammazione come calore delle parti .
Sembra anche di capire che non è presente dolore vero e proprio ma piuttosto un fastidio che si accentua con i movimenti o meglio con alcune posizioni esagerate .
Potrebbe far pensare ad una tendinopatia a carico di una o più dita della mano sopravvenuta per movimenti ripetuti e/o stressanti .
In attesa del consulto potrebbe effettuare una Ecografia muscolo scheletrica.
Un saluto
Dr. Marco Bonelli
MedicoChirurgo
Specialista in Reumatologia

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dr. Bonelli,
grazie per il suo cortese riscontro. Le rispondo oggi poiché ho seguito il suo consiglio ed ho effettuato l'esame suggerito in data odierna. Al Centro Diagnostico hanno riconosciuto l'esame come "ecografia muscolo tendinea non altrimenti specificata" e non come "ecografia muscolo scheletrica", ma penso si tratti solo di una differenza terminologica o meglio, lo spero. Ad ogni modo l'esito è stato positivo:
"Eco-struttura muscolare conservata. Eco-struttura dei tendini flessori ed estensori regolare. Non visibilità di formazioni espansive a risoluzione ecografica nei limiti della metodica".
Da inesperto, mi aspettavo che lo scanner fosse stato passato sulla zona della mano interessata (più vicina al palmo), invece è stato passato in prossimità del polso.
Un esito differente avrebbe spiegato questo fastidio, che ad oggi persiste. Il fastidio continua ad essere sopportabile anche se evito di fare sforzi. Attenderò a questo punto ottobre per ulteriori valutazioni in assenza di ulteriori suggerimenti. Grazie in anticipo per un eventuale ed ulteriore riscontro in merito. Saluti.

[#3]  
Dr. Marco Bonelli

32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Buonasera
l’ecografia articolare o muscolo tendinea è correttamente come andrebbe prescritta.L’esito negativo tende ad escludere tendiniti eco graficamente evidenti . Potrebbe , visto il decorso temporale, essere già in fase di guarigione . Mi tenga aggiornato sul sintomo .
Un saluto
Dr. Marco Bonelli
MedicoChirurgo
Specialista in Reumatologia