Utente 144XXX
posto di nuovo in questa sezione cio' che ho provato a scrivere in diabetologia,dove xò mi hanno già cancellato un consulto,quindi prima che succeda di nuovo provo anche qui:soffro di insulinoresistenza,documentata da curva da carico eseguita in regime ospedaliero.essendo normopeso(dicono loro,peso 59 chili per altezza 1.59),mi hanno dato una dieta da 1800 calorie normocalorica,con il 58.2 per cento di carboidrati complessi e non zuccheri semplici se non la frutta,consigliata attività fisica e nulla piu'.premetto che attività fisica nn la faccio perchè mi sento sempre debole,ho sempre giramenti di testa,gambe pesanti quando cammino da un po',o quando eseguo lavori di casa,i sintomi peggiorano vicino ai pasti e agli spuntini,se non mi sbrigo a farli i giramenti di testa peggiorano ulteriormente.sto male anche dopo i pasti.non è che giri la stanza o altro,è piu' che altro una mia sensazione interna,in piu' compressione alla fronte e sul cranio,talvolta la sensibilità agli arti cala,il braccio sinistro soprattutto lo sento pesante e si storce,quando cammino mi sento spostata a sinistra.vorrei sapere se l'insulinoresistenza si puo' curare anche con farmaci,a me non ne hanno dati,leggo ovunque che algli altri li prescrivono per ridurla ed aiutare a evitare un possibile diabete,il mio peptide c è sballato,in ospedale,due ore dopo i pasti,avevo la glicemia anche a 140,nella curva da carico dopo due ore era a 170,con insulina oltre 100,possibile che tutto vada bene cosi'?non mi sento curata,devo fare approfondimenti come:elettromiografia arti inferiori e superiori,elettroencefalogramma,ecodoppler vasi sovraortici su consiglio del neurologo,e nel frattempo vivo con quest'angoscia e questa instabilità nel camminare,questa debolezza continua,in piu' ho anche la sibo,e intolleranza grave al lattosio e forse celiachia,sto aspettando l'esito dei test,il mio intestino non funziona da oltre vent'anni,il mio medico di base mi tratta come una malata immaginaria,ma l'insulinoresistenza non puo' dare questi sintomi?puo' dipendere dalla sibo?se questa guarisce,puo' passare anche l'insulinoresistenza?grazie e speriamo che stavolta qualcuno si degni di rispondere.

[#1]  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,
alle Sue numerose domande è necessario dare risposte precise. In una situazione come la Sua è consigliabile rivolgersi presso un centro di Diabetologia.
Cordialmente
Dott. Serafino Pietro Marcolongo
Dietologia - Medicina Estetica

IL CONSULTO ONLINE NON SOSTITUISCE LA VISITA DIRETTA!