Utente
Egregio Dottore, ho 46 anni e una storia di fibroadenomi plurimi bilaterali. Ho subito nel '99 un primo intervento bilaterale di asportazione dei nuduli più grossi, nel 2007 ho dovuto asportare un nodulo che si era riformato proprio nello stesso punto di uno precedente e l'istologico ha rilevato: fibroadenoma variante mixoide-mucosa con iperplasia duttale con atipie lievi.(L'agoaspirato aveva posto un dubbio di malignità)
Le chiedo: la presenza di atipie fa aumentare di 5 volte (come ho letto) il rischio di avere in futuro un tumore maligno, anche se sono lievi ed essendo stato asportato il nodulo?
Le atipie possono avere relazione con una infiammazione, visto che il chirurgo mi ha detto che il tessuto circostante era molto infiammato ?
Come prevenzione è sufficiente una mammografia ogni 18 mesi e una ecografia dopo 8 mesi (alternate), come sto facendo?
A volte noto sul reggiseno piccolissime macchiette di colore giallo bilaterali, una volta mi è capitato di vedere un chiarissimo alone tendente al rossiccio, di dimensioni circa 2 millimetri,(non dal seno con atipia) se sono secrezioni sono veramente scarsissime, se premo non esce niente.(Ho già letto la Sua descrizione delle secrezioni ma non riesco a tranquillizzarmi)
Ieri ho eseguito la mammografia e non ci sono rilievi di malignità, ho numerose calcificazioni che il medico ha definito benigne, legate ai fibroadenomi che ancora ho.
Secondo Lei la mammografia eseguita mi può lasciare tranquilla, anche in considerazione delle presunte secrezioni(che non ho mai visto veramente rilevanti)?
La ringrazio infinitamente se potrà chiarire alcuni dubbi che non mi permettono di vivere serena. Distinti Saluti

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Una volta asportato il fibroadenoma non crea problemi.

Sui fattori di rischio dei fibroadenomi complessi vedi

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/fattori_indicatori_carcinoma_mammario.htm

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/fibroadenoma.htm
E anche sulle caratteristiche delle sue secrezioni credo si possa star tranquilli


http://www.senosalvo.com/approfondimenti/secrezioni_del_seno.htm

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la tempestiva risposta
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Utente
Gentile Dottore, mi è rimasto però il dubbio sulla relazione tra infiammazione e atipia.
Dopo l'asportazione del fibroadenoma con riscontro di iperplasia con atipie lievi mi è stato detto che il tessuto circostante era molto infiammato, io mi sono anche sentita colpevole di aver creato l'infiammazione con le mie ripetute manipolazioni del nudulo per vedere se era mobile.
Esiste relazione di causa effetto tra palpazione-infiammazione- atipia cellulare?

La ringrazio nuovamente distintamente

[#4]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non si faccia sensi di colpa : non c'è alcuna relazione tra le atipie cellulari e le sue manipolazioni.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#5] dopo  
Utente
La ringrazio per le Sue cortesi e tempestive risposte
Distinti Saluti

[#6] dopo  
Utente
Gentile Dottore, mi scusi se torno a chiederle informazioni relative al mio reperto istologico che parlava di fibroadenoma variante mixoide mucosa con iperplasia duttale con lievi atipie, mi potrebbe spiegare che tipo di fibroadenoma è questo e quanto devo considerarmi a rischio, in relazione anche alle lievi atipie?
(Per calcolare il rischio relativo devo sommare il rischio da fibroadenomi complessi + quello da atipie?)
Quale prevenzione mi consiglia?
Sono molto preoccupata

La ringrazio e saluto distintamente

[#7]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sta esagerando in preoccupazione.
Consideri per semplificare un aumento del rischio (parliamo sempre di numeri piccoli) che può essere ridimensionato ulteriormente modificando lo stile di vita:
vedi (alimentazione + attività fisica)+ sorveglianza (controlli) su
www.senosalvo.com

Tra l'altro questi numerini sul rischio tendono ad azzerarsi entro un decennio dalla scoperta se si seguono i consigli suesposti che sono semplici da seguire
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente
Grazie molte, cercherò di praticare maggior attività fisica, purtroppo ho 46 anni e sono sempre stata piuttosto sedentaria, ho paura che sia troppo tardi perchè mi pare di capire che è più importante prima della menopausa(io non lo sono ancora) in quanto regola la funzione ovarica e quindi può essere fattore di protezione, è corretto?
Per me sarebbe meglio eseguire mammo ed eco contemporaneamente ogni 12 mesi?

Grazie di nuovo, complimenti per le numerose imprese sportive e importantissime attività lavorative.

[#9]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Effettivamente i "tempi" della prevenzione sono lunghi ma qualche volta si dive pur iniziare.

Va bene il programma da Lei indicato
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#10] dopo  
Utente
GRAZIE DI NUOVO GENTILISSIMO DOTTORE.

[#11] dopo  
Utente
Sono ancora molto spaventata perchè ho letto su molti siti che l'iperplasia duttale atipica può essere considerata addirittura una forma pre-cancerosa,

inoltre io pensavo accompagnasse sempre un fibroadenoma e quindi speravo mi fosse stata tolta con l'intervento, ma mi pare di capire che fibroadenoma e iperplasia atipica sono due patologie non necessariamente associate, quindi, vista la mia storia di iperplasia anche in passato (non atipica e riscontrata togliendo fibroadenomi)potrei ragionevolmente pensare di avere iperplasia duttale atipica in molte parti del seno..in tal caso non capisco l'atteggiamento di chirurgo e ecografista che, pur conoscendo la mia storia, hanno sempre minimizzato

Perdoni la mia insistenza e le ripetute domande, ma non so se sto esagerando o sottovalutando un potenziale rischio grave

[#12]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ricominciamo d'accapo ?(^___^)

Le avevo allegato

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/fattori_indicatori_carcinoma_mammario.htm

con il rischio relativo per la iperplasia duttale tipica e per quella atipica

<<Se l’iperplasia è moderata il rischio aggiuntivo è del 2%, se si osservano atipie è del 4,5 %. Tuttavia esistono condizioni di sinergismo, nel senso che se la proliferazione si associa alla familiarità il rischio relativo è raddoppiato (RR=3-4)>>

Se è preoccupata Lei, cosa dovrebbero fare le donne che appartengono a famiglie con carcinoma ereditario con mutazioni genetiche dove il rischio è 80 !!

Per tale ragione si rimedia con la prevenzione, anche perchè il fattore di rischio relativo legato alle iperplasie con atipie si azzera nell'arco di un decennio dalla scoperta tramite la biopsia.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#13] dopo  
Utente
Io avevo capito di dover ritenere il mio rischio 50 su cento perchè moltiplicavo per 5 il rischio che pensavo ogni donna avesse, cioè 10 su cento.

Sbagliavo?

In un sito svizzero ho letto che per l'iperplasia duttale atipica riscontrata a margine di una tumorectomia mammaria si consiglia radicalizzazione chirurgica, come per un carcinoma in situ. (in pratica consigliano mastectomia?)
Sono notizie false?

Non so veramente come ringraziarla e spero di trovare un pò di tranquillità (pensi che avevo addirittura pensato a una mastectomia preventiva)
Distinti Saluti



[#14]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Cosa c'entra la tumorectomia con il suo caso ?

La tumorectomia si associa sempre ad una radicalizzazione del tessuto peritumorole anche in assenza di iperplasia perinodulare...infatti si chiama quadrantectomia.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#15] dopo  
Utente
Nell'articolo svizzero si parlava di Tumorectomia intendendo l'asportazione di un tumore benigno, in questo c'entra con il mio caso.

Quindi radicalizzazione equivale a quadrantectomia?

Scusi, non mi ha detto se sbagliavo calcolando il mio fattore di rischio relativo come 50 su cento...

[#16]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Certo che sbagliava : il suo rischio è aumentato del 4,5 %
+ quello della popolazione normale femminile e non x.

Che non è una spada di Damocle sulla testa, ma si può sicuramente fare qualcosa

http://www.senosalvo.com/alimentazione.htm

http://www.senosalvo.com/alimentazione_parte_III.htm

http://www.senosalvo.com/il_cibo_delluomo.htm

http://www.senosalvo.com/camminare_almeno_30_min_giorno.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#17] dopo  
Utente
La ringrazio innanzitutto perchè continua a rispondermi nonostante la mia insistenza, grazie davvero!
Mi permetto di segnalarLe questo articolo:

http://www.ti.ch/dss/DSP/IstCP/Insegnamento_formazione/Patologia_in_pillole/2006/Pillole_Ottobre_2006.pdf

che mi ha veramente allarmato, soprattutto in quanto sembra considerare l'iperplasia duttale atipica come molto vicina al carcinoma, e come terapia consigliata :

"Nel casi in cui focolai di iperpl. dutt. atip.si trovano ai margini di un prodotto di tumorectomia mammaria è consigliabile un approccio simile a quello che si terrebbe con un carcinoma duttale in situ, ossia una radicalizzazione chirurgica" Nel mio caso è stato solo tolto il nodulo

Poi parla anche di una possibile terapia ormonale preventiva...
Se le è possibile mi dia un Suo autorevole parere,
infiniti ringraziamenti

[#18]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lei continua a scrivere tumorectomia (=tumore maligno) ed invece ha subito solo una nodulectomia per lesione benigna associata e iperplasia con LIEVI, LIEVI, LIEVI, atipie.
Il link cui fa riferimento si riferisce al primo caso ovviamente.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#19] dopo  
Utente
Grazie per aver cercato in tutti i modi di tranquillizzarmi, ne ho veramente bisogno, quindi secondo il Suo parere una quadrantectomia per asportare un fibroadenoma mixoide mucinoso con iperplasia atipica sarebbe stata veramente eccessiva e non necessaria?

Dalla lettura attenta dell'articolo continuo ad essere convinta che questi svizzeri intendessero tumorectomia anche in senso di tumore benigno, probabilmente sono loro esagerati, se invece ho sbagliato interpretazione mi scuso

Cercherò di non distrurbarla più, Distinti Saluti e ringraziamenti