Utente
Salve dottore, tempo fa avevo scritto per dei sospetti noduli al seno che avevano diagnosticato a mia madre. In seguito a successivi esami abbiamo riscontrato un carcinoma di cui ad oggi è già stata operata con mastectomia totale e dissezione ascellare. Il tipo di carcinoma è duttale invasivo, di 1.8 cm su asse maggiore. Sono stati asportati 17 linfonodi, di cui solo 1 è risultato essere positivo, e i valori dei recettori degli estrogeni e progesterone sono 80% e 60% di cellule neoplastiche e un altro recettore chiamato Mib risulta 5% (basso). Potrebbe spiegarmi cosa vuol dire ciò? E soprattutto esiste un'eventualità in cui possa fare solo radioterapia o una chemio orale o è d'obbligo per questo genere di carcinoma una chemioterapia invasiva? La ringrazio anticipatamente. Saluti.

[#1]  
Dr. Andrea Annoni

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Vuol dire che nonostante le dimensioni del tumore (o multifocalità) abbiano richiesto una mastectomia,
i fattori prognostici che allega si possono considerare tutti favorevoli.

Anche per il linfonodo metastatico perchè sino a 3 interessati la prognosi è più favorevole.

Tanti saluti
Annoni Andrea, MD

[#2] dopo  
Utente
Dottore mi perdoni, ma lei per fattori prognostici favorevoli intende che è probabile non debba fare quella chemioterapia debilitante?
Intanto stamattina leggendo nuovamente i risultati, ho notato che indicano che c'è un "hercept test" in corso e di cui noi non abbiamo il risultato, è anch'esso determinante per le scelte terapeutiche?
La ringrazio per la sua gentilezza.

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sì anche il test che ha citato è necessario per programmare la terapia medica adiuvante.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com