Utente 213XXX
soffro di bruciore durante e dopo la minzione.
tutte le urinocolture da un anno a questa parte son negative.
ho fatto una cistoscopia durante la quale l'urologo mi disse di rivolgermi al mio ginecologo perchè era un'infiammazione del trigono causato da problemi ormonali.
ho 27 anni e assumo la pillola dovrei non avere problemi ormonali....non capisco...
il bruciore aumenta quando la diuresi è scarsa e + concentrata...
soprattutto ,ho notato, in un periodo che assumevo un integratore di vitamina b .
ma il bruciore era presente sia prima che dopo l'assunzione dell'integratore....ho notato che stavo peggio ecco...
ultimamente accuso anche dolore e maggior frequenza .
usando per un'influenza della tachipirina però si sono ridotti notevolmente.
cosa può essere?
grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe Quarto

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
CASSINO (FR)
NAPOLI (NA)
SAN GIUSEPPE VESUVIANO (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
CATANZARO (CZ)
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
probabilmete è un pò di infiammazione alla vescica, le consiglio bere tantissima acqua circa 2 l oltre i pasti e di regolare bene l'intestino
Dott. Giuseppe Quarto. Urologo andrologo
rep urologia Ist. tumori Napoli fond Pascale
www.andrologo-urologo.com

[#2] dopo  
Utente 213XXX

Grazie Dottore.
purtroppo non è sufficiente ..
bevo sempre tanta acqua e l'intestino è regolare...m i problemi urinari rimangono lo stesso.

[#3]  
Dr. Ferdinando Di Giacomo

20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
probabilmente l'urologo alludeva ad una metaplasia vaginale. Le hanno praticato un prelievo bioptico sulla lesione per analizzarla con certezza dal punto di vista istologico ??

[#4]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,
ma i suoi disturbi aumentano dopo un rapporto sessuale?
E' stata già fatta un'ecografia completa delle vie uro-genitali ed un uroflussometria registrata? Questi sono tutti dati importanti per meglio capire la sua situazione clinica.
Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#5]  
Dr. Giovanni Luca Giliberto

24% attività
0% attualità
12% socialità
TREVIGLIO (BG)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
cara lettrice,
molto probabilmente il reperto cistoscopico era leucoplachia del trigono; certo è che potrebbe trattarsi di una patologia quale la cistite interstiziale che affligge molte donne e che risulta poco conosciuta. Per porre questa diagnosi sono necessari esami specifici quali cistoscopia in narcosi con idrodistensione ed biopsia vescicale. Risulta utile farsi seguire da un urologo che si occupi anche di queste problematiche.
Mi saluti Pavia (ho fatto l'universita e la specialità li e ci torno spesso)
Dott. G.L. Giliberto
Dott. G.L. Giliberto

[#6]  
Dr. Giuseppe Benedetto

28% attività
16% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2004
sono daccordo con il collega Giliberto
dr Giuseppe Benedetto
www.giuseppebenedetto.netfirms.com

[#7] dopo  
Utente 213XXX

Della cistite interstiziale so solo che gli antibiotici non servono a molto.
quali sono le cure?