Utente
Gentile dottore, sono una ragazza di 24 anni preoccupata e seguito dell esito riscontrato nelle alisi delle urine. Mi dia delle delucidazioni:

ASPETTO Torbito
COLORE Giallo paglierino
PESO SPECIFOCO 1.020
PH 7
ALBUMINA Assente
GLUCOSIO Assente
CHETONI Assente
UROBILINOGENO Nella norma
BILIRUBINA Assente
NITRITI + + +
SANGUE Assente
MUCO PUS Assente
EMAZIE assente
LEUCOCITI alcuni ben conservati
CELLULE EPITETALI Numerose delle B.V.U.
CRISTALLI Assenti
BATTERURIA Abbondante presenza
CILINDRI Assenti

INOLTRE RISULTO POSITIVA ALL URINOCOLTURA. GERME IDENTIFICATO: E. COLI
NUMERO COLONIE 800.000/ml

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signorina,
lei ha omesso di riferirci il motivo per il quale questo esame è stato eseguito. D'ogni modo, la debole positività dell'urocoltura non è coerente con la scarsità di globuli bianchi nel sedimento urinario (vedi "leucociti alcuni ben conservati"). Questo fa sospettare fortemente la possibilità di una contaminazione da difetto nelle modalità di raccolta del campione. L'esame è pertanto da ripetere, nel frattempo le sconsigliamo di assumere antibiotici, dovrebbe invece continuare a bere molta acqua.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
La ringrazio per la tempestiva risposta. Ho eseguito l urinocultura perché avverto lievi bruciori durante la minzione. Infatti l esito ha riscontrato l Escherichia coli. Ripeteró l esame. Intanto le chiedo se questo batterio possa essere pericoloso per la mia salute oppure posso tranquillizzarmi semplicemente bevendo di piú. Grazie

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Signorina,
posto che vi sia una reale infezione delle basse vie urinarie, che al momento non è chiaramente dimostrata, si tratterebbe comunque di una manifestazione molto banale da parte di un comunissimo batterio di origine intestinale. In assenza di febbre ed altre complicazioni, non è indicata in prima battuta l'assunzione di antibiotici, ma unicamente una cospicua diluizione delle urine, ottenuta bevendo un paio di litri d'acqua al giorno per aleno 5-7 giorni.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing