Utente 399XXX
Salve, avantieri ho avuto un attacco di cistite dopo aver avuto rapporti sessuali con il mio ragazzo,con il classico stimolo frequentissimo di urinare e dolore durante la minzione che mi tiene in bagno per ore e ore finché non si calma, e l'urina esce sempre poca rispetto allo stimolo fortissimo. ( senza sangue o stati febbrili)
Anni fa per colpa di questo per due volte non riuscì nemmeno a trattenerla.
la prima volta che mi venne usai appunto il Monuril e sparì in poco tempo, ma siccome ho letto che prendere il Monuril è una cosa che è meglio evitare l'ho usato solo quella volta.

Comunque avantieri ho subito iniziato a bere acqua, fino ad arrivare a due litri e mi sono fatta tisane ( equinacea) e verso la sera tardi si è calmata consentendomi di uscire dal bagno.
quello che mi chiedo è :a distanza di anni prendere il monuril può far male?
fa male solo se preso con frequenza?
è meglio usare metodi naturali? se sì quali?
in questo momento lo stimolo continua a tenermi in bagno.

grazie per chi risponderà.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

non si pasticci e non prenda farmaci senza un'indicazione specifica ed appena possibile senta in diretta il suo urologo di riferimento.

Detto questo poi, quando sono presenti queste "problematiche urologiche”, possono essere utili alcune indicazioni anche di tipo dietetico-comportamentale:

1)vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2)limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc.;

3)lo stesso vale per le bevande come il caffè, il tè, le bibite gassate od alcoliche;

4)altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2–3 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5)combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6)se si fuma, spegnere la sigaretta perché la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7)infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 399XXX

Gentile dottore, ho chiamato la guardia medica ( e mi ha consigliato come lei di bere molta acqua e fare dieta ecc e mi ha detto di farmi prescrivere un antibiotico dalla mia dottoressa perchè se non lo prendo la cistite può estendersi ai reni e non deve essere sottovalutata.
Ha detto inoltre che il Monuril va benissimo.
Per quanto riguarda la frequenza dei rapporti, succedono a distanza di una settimana più o meno.

lei crede sia necessario un urologo?


le urine ora sono torbide e scure ma senza tracce di sangue e maleodoranti.


[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua le indicazioni ricevute ma, senza furie inutili, appena possibile, è bene anche sentire in diretta il suo urologo di fiducia.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 399XXX

Gentile dottore scusi se la disturbo ancora, ma ci sono stati dei cambiamenti
la minzione è meno dolorosa e lo stimolo non è più eccessivo come le avevo scritto.
solo che la dottoressa mi ha dato comunque Monuril e in più degli integratori per il mantenimento( cramberry e ribes nero)

è necessario prendere il tutto nonostante vada migliorando la situazione?
la mattina di solito accusavo forte stimolo e bisogno di stare in bagno per ore, ma questa mattina non è successo, sono andata una volta e basta, anche se i batteri a giudicare dallo stato delle urine ci sono ancora.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua comunque le indicazioni ricevute, anche se i sintomi sono in miglioramento, sono condivisibili.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 399XXX

Grazie mille per il suo aiuto :)


Cordiali saluti.

[#7] dopo  
Utente 399XXX

Salve dottore, ho iniziato a prendere il Monuril da 3g il 4 finendo di prenderlo il 5. e gli integratori una volta al giorno.
la situazione è la seguente : il 4 durante il pomeriggio mi accorgo che la cistite è diventata emorragica ( macchie rosa sulla carta) prendo un integratore e di notte prima di coricarmi prendo monuril.
il 5 ancora perdite di sangue anche più scure ma non troppo e poche.
è lo stimolo c'è ma meno frequente dell'inizio.Prendo un integratore poi la notte bustina di monuril e mi corico.
il 6 ancora un pò di sangue e bruciore e in più ho perdite vaginali marroni ( forse dovute allo stress/ansia) lo stimolo è meno frequente ma ho quella sensazione fastidiosa di dover urinare e poi a conti fatti esce poco rispetto allo stimolo.
e ho più stimolo se sto in piedi.
il 7 oggi mi accorgo che non vedo più macchie rosa ma continuano le perdite marroni,e la poca urina con bruciore annesso. inoltre ieri col mio ragazzo ho fatto petting ( senza penetrazione delle dita) e quando è arrivato l'orgasmo sentivo distintamente un indolenzimento fastidioso, e sinceramente mi allarma un pò questa cosa.
Inoltre sono una ragazza un pò ansiosa e ho paura che la cistite comprometta la mia vita sessuale, o che diventi schiava della malattia.


cosa è quell'indolenzimento?
è normale non essere ancora guarita nonostante il monuril? ( le due cistiti passate non sono state emorragiche però)


[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

i sintomi, da lei ancora lamentati, potrebbero rappresentare gli esiti delle precedenti problematiche infiammatorie a livello della vescica ma ora bisogna risentire in diretta il suo urologo di riferimento e decidere quali eventuali controlli ripetere (ecografia, indagini colturali a corretta distanza dall'antibioticoterapia od altro).

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com