Utente 543XXX
Buongiorno
mio padre la settimana scorsa si è recato in ps per dei dolori al fianco sx (dove l'anno scorso aveva avuto fuoco di s.antonio) , pensando a una colica gli sono stati fatti esami urine , tac e ecografia addominale (non a vescica piena).
l'esito ci ha lasciato molto spaventati in quanto il referto riporta:
Eseguita TC senza MDC che mostra modica idroureteroneforsi sinistra con neoformazione vescicale sulla parete laterale di sx in corrispondenza dell'ostio ureterale.
reni in sede di normali dimensioni e spessore parenchimale.
a dx normali il rene e la via escretrice.
A sx piccole cisti corticali semplici.
Lieve dilatazione di tutta la via escretrice in assenza di evidenti calcoli radio-opachi.
Vescica poco distesa ; da segnalare in corrispondenza della parete postero-laterale sx in prossimità del meato ureterale la presenza di formazione tenuemente iperdensa del maggior asse di ca 25mm.
Non evidenti alterazioni del tessuto adiposo perivescicale.
Liberi gli angoli vescico-seminali.
Non evidenti macroadenopatie sospette intra o extra-peritoneali.
Diverticolosi del colon.
Cisti epatiche.

All'eco si conferma il sospetto di neoformazione di circa 2 cm sulla parete laterale sx , jet ureterale presente, minima idronefrosi a monte.

Tra una decina di giorni verrà sottoposto a cistoscopia in sedazione.
mi potete dare un vs cortese parere?
grazie mille
Chiara

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si tratta di una neoformazione presumibilmente superficiale della vescica, da asportare necessariamente con un intervento endoscopico. La caratterizzazione definitiva avverrà con l'esame isto-patologico effettuato sul tessuto rimosso. Ci faccia sapere, se lo desidera.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 543XXX

La ringrazio per la celere risposta , oggi in prericovero gli hanno detto che ci vorranno una ventina di giorni per l'esito istologico e anche nella migliore delle ipotesi dovrà comunque fare controlli per 5 anni i primi anche ogni 3 mesi...l'urologo ha parlato chiaramente di tumore e mio padre è comprensibilmente spaventatissimo come noi del resto..Si può guarire da questo tipo di tumore?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Se la neoformazione sarà superficiale. come molto probabile, la sua asportazione sarà radicale e curativa, ma giustamente bisognerà seguire attentamente con controlli programmati, poiché le possibilità di recidiva in altri punti della vescica sono piuttosto elevate. Se suo padre fuma, deve smettere immediatamente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 543XXX

Buongiorno mio padre stamattina è stato operato ho chiesto al chirurgo come fosse andato intervento mi ha risposto che è assolutamente necessario aspettare esito istologico perché lui può dirmi la sua opinione soggettiva definendolo "bruttino" ma in realtà è l'esito istologico che ne determina grado di infiltrazione e aggressività. Il fatto che però l'abbia definito "bruttino'" mi ha un po' abbattuto a priori...

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Come già le abbiamo scritto nel nostro contributo #1, prima di disporre dell'esame istologico è assolutamente vano fare qualsiasi considerazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 543XXX

Buongiorno dottore
stamattina abbiamo ritirato esito istologico.
DIAGNOSI:
Carcinoma uroteliale papillare della vescica.
grado di differenziazione: alto grado (a) G3 (b)
Connettivo sub-epiteliale: infiltrazione neoplastica focale estesa (somma microfocolai >1 mm) / substaging non applicabile (d)
Carcinoma uroteliale in situ : assente.
Angioinvasione : non identificata.
Tonaca muscolare (muscolo detrusore) : indenne da neoplasia.
Stadio (c) : pT1.

l'urologo ci ha consigliato una RETURV a 2 mesi dall'intervento con la quale verranno prelevati campioni di tessuto per biopsia.
Seguiranno cicli di instillazioni intravescicali.
posso avere un suo cortese parere e mi può dire se la situazione è particolarmente grave?
La ringrazio

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Si tratta ancora di un tumore superficiale (pT1), ma con atteggiamento aggressivo, certamente da seguire con attenzione. Concordiamo con la strategia proposta dai Colleghi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 543XXX

la ringrazio per la disponibilità e velocità delle sue risposte.
la aggiornerò più avanti...e speriamo bene...
saluti

[#9] dopo  
Utente 543XXX

Buongiorno dottore , approfitto della sua disponibilità per avere alcuni chiarimenti.
mio padre è stato sottoposto a RETURV venerdi 5 luglio ora dobbiamo attendere esito istologico.
Il chirurgo ha detto che ci sono 2 zone sospette per CIS...questa notizia ci ha demoralizzato ..la situazione è quindi grave? un T1 G3 ..ci fosse anche CIS cosa dobbiamo aspettarci? so che è indispensabile l'esito della biopsia ma le chiedo per favore di darmi qualche informazione...siamo molto preoccupati.
la ringrazio

[#10]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Ancora una volta, prima di disporre dell'esame istologico definitivo è inutile fare ipotesi e prospettive, che al limite servono solo ad amplificare l'ansia con visioni erroneamente pessimistiche.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing