Utente 521XXX
Premesso dopo un lungo periodo di astinenza noto un improvviso color marrone dello sperma. Esame liquido seminale rileva diverse emazie e alcuni leucociti. Speriocoltura: negativo. Esami urine regolare con urinocoltura negativo. Hiv negativo, PSA 1, 41. Ecografia vescica regolare e assenza di formazioni patologiche mentre prostata di dimenzione regolari vol 13cc con calcificazioni periuretrali.
Quale può essere la causa e quale cura per le calcificazioni periuretrali?

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le calcificazioni della prostat corrispondono a precedenti focolai infiammatori guariti. La presenza di tracce di sangue nel liquido seminale, in assenza di altri evidenti disturbi nella sfera uro-genitale è certamente degno di nota, ma non particolarmente preoccupante. Le vie seminali sono lunghe e tortuose, basta un solo punto (quasi mai individuabile con precisione) dove vi sia la perdita di anche solo poche gocce di sangue per causare la colorazione del liquido seminale. In conclusione le diremmo di stare tranquillo, se vi fossero cause pericolose, gli accertamenti eseguiti certamente lo avrebbero individuato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing