Utente 563XXX
Ho 66 anni con ipb, mi sottopongo regolarmente a visita urologica annuale con relativa eco soprapubica, psa, ed esame delle urine ed urinolcultura tutto nella norma a tutto febbraio 2019. (dimensioni prostata ultima eco 72x54x36) ma minzione soddisafacente e residuo menzionale lo stesso.
I primi mesi di settembre ho avuto una ritenzione urinaria che mi ha portato ad essere cateterizzato per circa 9 giorni in quanto mi trovavo all’estero e quindi il catetere e’ Stato lasciato in sede per precauzione. Tolto il 12/9 minzione soddisfacente. Visita urologica stesso giorno all’esplorazione rettale Niente di nuovo, in cura con avodart per 6 mesi, Urorec 8mg sempre e supposte di topster 3 mg per 10 gg e da rivedere fra tre mesi con relativi esami di psa, urine ed eco.
La domanda e’ Questa: Continua voglia di urinare anche ad intervalli brevi che mi porta fastidio nel quotidiano dal punto di vista psichico e mi rende nervoso e preoccupato (nicturia anche 3 volte). E’ normale Per cio’ Che ho elencato? ed eventualmente posso fare altro per questi sintomi? ed in ultima analisi devo prendere in considerazione un intervento di TURP? Grazie a voi tutti, per me e’ La prima volta e mi scuso se sono stato troppo prolisso

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La sua prostata è realmente molto voluminosa. Se è vero che i sintomi non sono mai così direttamente proporzionali al volume, certo è che le possibilità di insorgenza dei medesimi ed altre complicazioni (ritenzione acuta, sangunamento, infezione) diventano maggiori. I suoi sintomi sono abbastanza tipici per una possibile sovrapposizione infiammatoria al la nota IPB. Questa potrà anche migliorare, glielo auguriamo, ma d'ora in avanti è certamente più facile che compaiano altri problemi, anche in modo inatteso, come durante una vacanza all'estero (con tutto quanto questo può comportare). Pertanto, le consiglieremmo di confrontarsi apertamente con il suo urologo di riferimento su eventuali indicazioni ad un intervento disostruttivo endoscopico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 563XXX

La ringrazio per la celere risposta