Utente 563XXX
Salve a tutti i medici.
Sono un ragazzo di 32 anni e da sempre ho avuto difficoltà a scoprire il glande da metà erezione in poi, problema che non mi ha mai causato dolori o altro in rapporti sessuali.
Leggendo di problematiche simili qui sul sito pensavo fosse fimosi e ho prenotato una visita da un urologo. Il medico visitandomi mi disse che non si trattava fimosi perché la pelle aveva buona elasticità a riposo, l'unico problema poteva essere il frenulo che era troppo corto e cosi mi ha fissato una operazione di frenuloplastica. A luglio 2019 ho fatto l'operazione con lo stesso medico e sia l'operazione che il decorso per la guarigione è andato tutto bene, nessuno problema.
Sono passati piu di 2 mesi dall'operazione ho notato che effettivamente riseco a scoprire il glande con facilità fino a 3/4 dell'erezione, ma quando il pene si trova alla sua massima erezione devo tirare la pelle giu con piu forza (certo non eccessiva) anche se questo non mi da dolori, ma la pelle si ferma poco sotto la corona del glande, e secondo me lo srotolamento della pelle non è completo, e appena tolgo la mano che la tira questa ritorna sul glande.
Volevo chiedere a Voi esperti se questo problema è dovuto alla pelle che deve riacquistare elasticità, oppure dovrò fare una nuova operazione, dopo controllo dal mio urologo, per rimuovere la pelle in eccesso?
Ringrazio anticipatamente per l'aiuto.
Saluti

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

... se questo problema è dovuto alla pelle che deve riacquistare elasticità, oppure dovrà fare una nuova operazione,... solo il suo urologo, dopo attenta valutazione della sua reale situazione anatomica attuale, glielo potrà dire.

Si ricordi che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare, in questi casi, un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com