Utente 560XXX
Gentili Dottori,

In data 16 settembre sono stato sottoposto a orchidopessi bilaterale (accesso scrotale) per diagnosticata ipermotiltà.

Oggi è il 4 giorno post operatorio, e stanno riprendendo i sintomi che, prima dell’intervento, mi condizionavano la vita:

Spasmò scrotali (come se lo scroto reagisse a uno stimolo freddo) . Certo i testicoli non si innalzano più come prima, ma Permangono contrazione e rimpicciolimento dello scroto (anche quando devo scaricarmi - urinare, dopo l’atto, lo scroto torna normale).

E’ normale, a vostro parere, è dovuto a una sorta di assestamento dei tessuti, o andrebbe indagata meglio la situazione (magari a livello prostatico)

Voglio specificare inoltre: il mio profilo su medici Italia mi indica come in sovrappeso, in realtà io sono fisicamente magro, solo che sono imponente di fisico.

Grazie anticipatamente

Federico

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Dopo soli 4 giorni è ovviamente troppo presto per esprimere qualsiasi tipo di giudizio. La situazione si andrà gradualmente a stabilizzare nel corso dei prossimi 2 mesi, non prima di allora sarà ragionevole trarre delle conclusioni. D'ogni modo, una cosa è l'eccessiva mobilità dei testicoli all'interno dello scroto ed altra cosa è la contrazione della componente muscolare della parete scrotale (muscolo dartos). Ovviamente questultima, che può essere più o meno spiccata in alcune circostanze (es. freddo, vescica piena, erezione, ecc.), non sarà influenzata dall'orchidopessi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 560XXX

Grazie mille gentile Dottor Piana per la celere risposta .

Stanotte (già..) si è aggiunto un sintomo che in realtà avevo già avuto ma che è stato forse sottovalutato nel passato recente : alla contrazione dello scroto , si è aggiunto (anzi, direi che è tornato) un formicolio all’interno coscia destro , accompagnato da lieve senso di bruciore .

Quello stesso formicolio mi era comparso quando , a ferragosto , sono finito in pronto soccorso in seguito agli spasmi scrotali particolarmente forti

Da infermiere (quindi profano ma sempre figura sanitaria ) mi chiedo : non è che in tutto questo , ci potrebbe essere da qualche parte una piccola ernia (crurale?) che scatena questi sintomi ??

Grazie ancora Spettabile Dott. Piana

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Questo rilievo sarebbe certamente avvenuto nel corso delle visite cui è stato sottoposto. Non stia lì ad ascoltarsi troppo ...
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 560XXX

In realtà non mi hanno mai visitato quell’aspetto ma ...proverò ad ascoltarmi di meno , ha ragione !

Poi magari è solo quel po di edema che si sta riassorbendo e a me sembra chissà cosa ...

La ringrazio moltissimo della gentilezza , davvero grazie , buon fine settimana e , la terrò aggiornato .

F.

[#5] dopo  
Utente 560XXX

Gentilissimo Dott . Piana , la vorrei aggiornare a 10 gg dall’intervento.

I piccoli dolori / fastidi (piccoli spasmi del cremastere che arrivavano ad interessare addirittura l’interno coscia) sono svaniti.

Permane però sempre il solito : quando devo andare di corpo, lo scroto tutto si irrigidisce e rimpicciolisce , tanto che è diventato quello il segnale che devo andare appunto di corpo.

Potrebbe esserci un interessamento della prostata , in tutto questo? Magari è ingrossata e , quando la parete intestinale si soltanto nella peristalsi del tratto finale , produce questo sintomo ?

Non è doloroso , però da un certo quantitativo di fastidio ...

[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Le sue fantasiose ipotesi stentano proprio ad avere un significato fisiopatologico ... Non se la prenda! La contrazione del dartos scrotale avviene in via riflessa involontaria ed è molto variabile da soggetto a soggetto. Non vi sono interventi o terapie che la possano modificare.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 560XXX

Non me la prendo e anzi, sono molto sollevato dal fatto che le mie siano ipotesi fantasiose a suo dire , mi creda

Unica cosa che non mi spiego (magari potete aiutarmi con un Vs parere)...come mai queste contrazioni del dartos , sono cominciate dopo l’episodio di semitorsione del testicolo dx (quello che mi ha portato alla diagnosi appunto di ipermotilita) , è ancora oggi non scompaiono ? Il bello è che , all’atto defecatorio , lo scroto si rilassa nuovamente , quando però provvedo all’igiene della zona anale , esso nuovamente si contrae ...

Dott . Piana io davvero la ringrazio per le sue risposte sempre celeri e chiare , davvero obbligato

F.