Utente cancellato
salve dottori.
vi segnalo la storia di mio di mio figlio, un ragazzo di 16 anni.
circa 1 mese o più fa mio figlio anche in seguito ad un assunzione maggiore di liquidi la sera inizia ad urinare ogni 10 minuti in grandi quantità.

Il giorno seguente lamenta sempre sensazione di urinare e sensazione di non svuotamento, il giorno seguente andiamo dal medico di base che diagnostica una cistite e prescrive bactrim per 5gg due volte al dì, il trattamento non funziona allora il medico dopo 2gg fa fare esame delle urine urocoltura (uscita negativa) l'esame delle urine invece, buono tranne l'albumina a 5 (il massimo dei valori indicati sul referto) allora il medico dice che è un fatto ansioso.

Dopo 1 settimana i fastidi ci sono ancora ma diminuiti allora porto mio figlio da un internista ed endocrinologo che fa ripetere a distanza di 15 gg dalla sospensione del antibiotico esame urine ed urocoltura.

Vi riporto di seguito i valori, che per il medico sono comunque normali e non preoccupanti, per me lo sono però. d'ogni modo, ecco i risultati:
urinocoltura: negativa
esame delle urine:
colore: giallo paglierino
aspetto: torbidiccio
ph: 6. 0
glucosio: 0
albumina: 10 (il doppio del valore massimo segnato cioè 5)
emoglobina: negativo
corpi chetonici: 0
bilirubina: 0
urobilirogeno: 0, 2
nitriti: negativo
peso specifico: 1. 029
esame microscopico: abbondanti filamenti di muco

Il medico esegue dopo una ecografia internistica (ha scritto esame ostacolata da meteorismo) ma ha detto che ha visto tutto bene però, vi riporto solo cosa ha scritto sulle vie urinarie:

reni: in sede, di forma e volume regolare, assenza di ectasie. . . . (e una parola che non capisco) e di immagini sicuramente riferibili a ltiasi. A destra si osserva qualche (altra parola che non capisco) riferibile a sabbia e/o microlitiasi.
vescica: pareti regolari e nella norma, nulla da segnalare
prostata; approccio per via sovrapubica, l'organo appare di volume ed ecostruttura regolare, nulla da segnalare.

diagnosi: sintomi riferibili a stato ansioso/ nervoso del paziente o ad irritazione delle vie urinarie in seguito ad discesca di renella o calcolo renale, si consiglia di bere molto. non serve visita di controllo.

Gentili dottori, ora dopo 1 mese e più i fastidi rispetto a prima sono diminuiti, lo stimolo lieve gli viene a volte dopo 2o 3h se bevo molto prima si capisce. solo che dice che la mattina e a pranzo quando torna da scuola, cioè quando urina dopo molto tempo vede del muco nelle urine, cioè lo vede a occhio nudo, mentre quando urina normalmente o non la tiene per molto si vedono tipo dei cristalli sulle urine e qualche volta un pochino di muco.

D'ogni modo martedi (giorno in cui può assentarsi da scuola) farò ripetere esame delle urine ed esame del sangue di azotemia e creatinina per stare tranquilli.

Ora voi a seguito di esami ed ecografia cosa direste, convenite con il collega che non è nulla o che è qualcosa, vi prego di caprmi credo che siete padri anche voi.
aspetto risposta, cordialmente.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non é indispensabile essere padre per fare l’urologo .... L’ultimo esame delle urine presentava densità elevatissima, ai limiti della disidratazione (1029, probabilmente eseguito in un periodo molto caldo). Con questi presupposti, molte piccole alterazioni sono pienamente giustificabili. Non ci pare che per ora siano emersi elementi di franco sospetto, sarà comunque il caso di far vedere il ragazzo direttamente da un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing