Utente cancellato
Buongiorno gentili Dottori,

sono un maschio di 19 anni e da poco (mese scorso) ho fatto la prima visita uro-andrologica per via di un varicocele diagnosticatomi, tuttavia non sono qua per questo ma per una domanda che non ho pensato di porre al momento della visita.

Come dicevo ho 19 anni, e nessuno mi ha mai insegnato l'igiene intima, nel senso che da un certo punto in poi (quando le facoltà cognitive erano pronte) mi sono slegato dalla igiene impartita dai genitori e ovviamente ho iniziato da bambino a trattarmi da solo: bagno doccia tutto (e non ricordo come mi lavassero loro).
Solo recentemente parlandone con il dottre che mi ha visitato ho scoperto che esistono detergenti intimi per uomo, io fino all'etàdi 19 anni mi sono lavato il glande con sola acqua abbondante ma per ignoranza (e vergogna, non avrei mai potuto chiederlo ai genitori mi imbrazzava troppo) non ho mai usato sapone.


Ora provvedo a corretta igiene, però ho due dubbi che mi sono sorti dopo la visita e dopo questo mese e vorrei chiarirli con voi in quanto non è una diagnosi e credo una buona informazione medica possa passare anche da qui.

1) Mi chiedo se non aver usato detergente intimo ma sempre solo molta acqua possa darmi maggior predisposizione ad avere malattie (ho letto che una scorretta igiene porta a gravi conseguenze e anche tumori). In realtà lo specialista ha detto che non avevo infezioni ed era tutto ok.

2) La seconda domanda è dovuta al fatto che avevo una ipersensibilità, nel senso che quando toccavo il glande mi dava molto fastidio, da quando uso invece il detergente no. Mi chiedo se questa scomparsa della ipersensiblità sia correlabile al sapone usato. Perché non comprendo il motivo della scomparsa, eppure davvero non sento più fastidio.

Spero possiate chiarire queste mie due domande dovute all'ignoranza in materia.
Molte grazie e buon lavoro.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
1) Se il glande si scopre liberamente e non ci sono particolari problemi locali, l’igiene locale può essere effettuata come in ogni altra parte del corpo. L’uso di detergenti particolari non é così necessario, anzi l’esposizione a prodotti aggressivi o medicati in alcuni casi può essere essa stessa causa di fastidiose sensibilizzazioni dermatologiche. Nel dubbio, l’acqua fresca non ha mai fatto male a nessuno,
2) La pelle che ricopre il glande é molto sottile, pertanto la sensibilità naturalmente più accentuata che altrove, fino a diventare francamente fastidiosa. Tanto più a lungo il glande rimane scoperto dal prepuzio, tanto più la pelle si ispessisce e la sensibilità si riduce.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
566643

dal 2019
Grazie Dottore, vorei poterle rispondere alla domanda 2)
Nel mio caso però non ho cambiato abitudini di "esposizione", l'unica cosa è che ho iniziato a lavarmi con balanil quotidianamente e trovo ora la sensibilità non più "iper"ma molto tollerabile.
Mi chiedo se secondo lei questo detergente possa aver modificato la sensibilità. Non capisco altrimenti come mai :)

Grazie per l'aiuto Dottore.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Non é il detergente di per sé, di cui le sconsigliamo un uso continuo e prolungato, ma la stessa manipolazione ad indurre un ispessimento della pelle ed una riduzione della sensibilità.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
566643

dal 2019
Solo due cose e non la disturberò oltre essendo stato molto dirimente.

Ah ok intende MANIPOLAZIONE nel lavaggio? Ho capito ora :)

Quindi procedo con lavaggi con acqua e basta (del glande)?

Buon lavoro e buon we.

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Ecco, faccia così.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing