Utente 342XXX
Gentili dottori, soffro di cistite ormai cronica da decenni.
I primi anni risolvevo mediante disinfettanti urinari prescritti da medico curante ed urologo (Monuril, Furadantin).
Poi la situazione è peggiorata, 5 o 6 volte l'anno si ripresenta, quasi sempre dopo il rapporto sessuale.
Ho fatto spesso urinocoltura, è venuto fuori escherichia coli varie volte, l'ultima volta 2 settimane fa la klebsiella pneumoniae.
Faccio sempre fare antibiogramma per curarmi con gli antibiotici giusti.
Purtroppo anche dopo la cura, dopo il rapporto sessuale si è nuovamente ripresentata la cistite.
Aggiungo che non ho problemi di lubrificazione ne alterazioni ormonali, dato che ho fatto da poco il dosaggio.
Dopo quanto tempo dalla fine della terapia posso riprendere la vita sessuale senza ricadere nella cistite?
Sta diventando un grosso problema, non riesco più a vivere il sesso con mio marito con tranquillità.
Non so come uscirne.
Potete aiutarmi?
Come posso salvaguardare la mia salute senza trascurare la sessualità?

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

quando sono presenti queste "problematiche urologiche , oltre alle indicazioni mirate terapeutiche che solo il suo urologo le può dare, utile seguire anche alcune indicazioni di tipo dietetico-comportamentale:

1) vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2) limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc.;

3) lo stesso vale per le bevande come il caffè, il tè, le bibite gassate od alcoliche;

4) altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5) combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6) se si fuma, spegnere la sigaretta perché la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7) infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.
Si ricordi comunque che sempre la visita medica rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione terapeutica corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 342XXX

Dottore ha pienamente ragione, ma putroppo non è facile trovare lo specialista giusto che riesce a risolvere il problema. La cistite poi è una " brutta bestia", solo in pochi riescono ad individuare i problemi che stanno dietro a questa patologia. Infatti in 20 anni di visite urologiche, consulenze ed esami sono ancora al punto di partenza e sfiduciata.
La ringrazio per la disponibilità

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

purtroppo, a volte, una cistite è scatenata da molti fattori ed è spesso richiesta la competenza di più figure professionali (urologo, ginecologo, psicologo) e non sempre è facile arrivare a comprenderne a pieno le complesse cause.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 342XXX

Infatti dottore, è una vera e propria impresa interpellare e coordinare tutti gli specialisti, oltreché una procedura molto onerosa. Limitandosi a qualche consiglio pratico, oltre quelle regole di vita sana che cercherò di seguire con più attenzione, la mia preoccupazione è legata all'attività sessuale, che risulta essere sempre fattore scatenante del tutto. Come devo comportarmi? 2 settimane fa ho avuto l''ultimo episodio, ho aspettato pazientemente il risultato dell'urinocoltura, klebsiella, antibiogramma suggeriva ciproxin e l'ho fatto per 3 giorni 250 mg. Ho aspettato 1 settimana per avere un nuovo rapporto, mi sembrava di stare bene, ed invece il giorno dopo ero già a letto con la cistite, perdendo altri giorni di lavoro. Dovrei usare maggiori precauzioni? Far fare un'urinocoltura anche a lui può essere utile? Sto prendendo anche un integratore che aiuta il ripristino della mucosa vescicale, ialuril.
Grazie per il suo aiuto

[#5]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Urinocoltura anche al partner senza dubbio e anche per lui visita con esperto urologo.

Altra indicazione è quella di avere rapporti sempre ben lubrificati .
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com