Utente 552XXX
Salve.
Intanto vi ringrazio in anticipo perché e' 3 anni che mi aiutate.

Riepilogo un po tutto.

Da 3 anni ho fastidi uretrite/prostatite.

In questi 3 anni non avete idea di quanti soldi per curare questi fastidi a soli 20 anni abbia fatto andare.

Comunque nell'ultimo anno mi sono rivolto ad un urologo che mi ha seguito veramente bene e con lui ho avuto grandi miglioramenti.

Il mio problema e' una scarsa uretrite che non riesco a debellare.
3 anni fa era batterica poi si e' come cronicizzata.
(ho eseguito ovviamente continui test sulla pipi' e sullo sperma) ora lamichetto citato prima e' ritornato (eschericchia coli).
L'ho di nuovo distrutto con Bactrim.
Ho rifatto il test a distanza di 8 giorni dalla cura.
Ed e' di nuovo sparito.
In quest'anno il mio urologo per farmi migliorare mi ha assegnato vari integratori.
Tra cui serpens320 proposta mono etc.

Ora mi ritrovo senza batterio, sperma in ripresa.
Ma quando trattengo la pipi un po, o quando la pipi è gialla paglierino (non bianca, quando e' bianca non sento nulla) mi attacca di nuovo l'uretrite.

Chiedo aiuto a voi.

Il mio urologo mi ha fatto fare tutti i test come per esempio quello del flusso urinario.
Siamo alle battute finali.
Devo riniziare proposta mono?
Non ho più nulla.
Vorrei ricominciare a vivere la mia sessualità con tranquillità.
Nemmeno più durante la masturbazione avverto dolore.
Solo quando urino.
Ed a volte si calma e si sente come dentro l'ano.
Consigli?

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Pensiamo che il suo urologo di riferimento le abbia già fornito tutte le indicazioni ragionevoli ed anche qulcosa in più, considerato che noi invece non facciamo molto affidamento sugli integratori alimentari, di qualsiasi tipo. Ben si sa che i disturbi irritativi della prostata, una volta insorti, quasi sempre non si risovano mai definitivamente, lasciando comunque qualche forma di accentuata sensibilità, in grado da risvegliare disturbi in talune fasi della vita, per cause spesso non così facilmente giustificabili. La presenza di infezioni genito-urinarie da E. Coli in un giovane come lei non è così consueto e può far facilmente pensare ad una funzione intestinale non soddisfacente ed eventualmente da migliorare con tutti i tipici provvedimenti del caso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 552XXX

Dottore, grazie per la risposta. Ora mi sorge una curiosità tralasciando gli integratori e gli antibiotici dato che la forma batteriologica e' stata contrastata. Lei come avrebbe agito per eliminare sintomi di questa portata?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La pazienza, prima di tutto, ed uno stile di vita improntato alla massima regolarità, sotto ogni punto di vista.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing