Utente
Chiedo un aiuto per un problema che mi affligge da diversi anni a intervalli periodici ma che mi persiste da più di un anno in maniera costante.
Sono un giovane ragazzo di 20 anni, che pratica sport, segue un alimentazione sana e non abusa di sostanza diuretiche (thé, caffè...) ne eccede in pratiche quali fumo ecc.
Il mio problema è un'eccessiva minzione che mi costringe ad andare in bagno anche ogni 20 minuti per 3-4 volte di fila, molteplici volte al giorno pur bevendo 1, 5-2 litri di acqua in totale.
In più quasi ogni volta che avverto lo stimolo di urinare è come se la vescica fosse al suo limite e non riesca a trattenere l'urina.
A fronte di un tale stimolo spesso la quantità di urina non è eccessiva e sicuramente vi è un residuo post-minzionale che mi costringe ad andare costantemente a urinare nonostante non assuma liquidi ulteriori.
Ho fatto analisi delle urine ed esame colturale (negativi) e visita dall'urologo che mi ha prescritto uroflussometria (ancora non fatta) ed ecografia delle vie urinarie (è risultato ectasi di un'uretere e permanenza di residuo post-minzionale).
In attesa di fare l'uroflussometria vorrei sapere se qualcuno avesse un'idea su cosa possa essere perché è qualcosa di realmente invalidante che impedisce lo svolgimento di molti aspetti della mia vita, grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

faccia ora l’uroflussimetria e poi risenta il suo urologo di riferimento; potrebbe essere un problema alla ghiandola prostatica oppure, da non sottovalutare, un concomitante problema psicologico.

Detto questo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html

https://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore la ringrazio per la sua risposta. Possibile che in caso di prostatite le analisi delle urine non abbiano evidenziato nulla? In più vorrei aggiungere che un altra problematica che mi si presenta è quella di non avere "potenza" di minzione, ovvero che il flusso di urina è minimo nonostante le quantità prodotte siano importanti, mentre durante un rapporto sessuale non faccio fatica a eiaculare "a schizzi". In più potrebbe darmi qualche ulteriore ragguaglio riguardo qualche problematica psicologica? Potrebbe essere una sorta di "diseducazione vescicale"? Grazie in anticipo