Utente
Buonasera,
Scrivo poiché da stamattina che sto provando un dolore intenso che va e viene dietro la schiena, ma che non sembra legato al movimento.
Inoltre ho notato da qualche giorno una certa difficoltà nella minzione con a volte anche dolore, ma non mi di aver intravisto sangue nelle urine.
Inoltre un altro sintomo che ho notato e che normalmente riconduco al colon irritato è verso l'inguine e che si propaga sulla gamba, in basso a destra, e ultimamente anche in alto a destra (nella zona del fegato).
Se si sospetti un caso di calcolosi a chi dovrei rivolgermi, oppure il mio caso non è riconducibile ad un episodio di calcolosi?
Inoltre vorrei sapere quale è una possibile strategia per evitare la formazione di calcoli (renali o biliari, non so quali differenze ci siano)?
Ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La descrizione dei suoi disturbi è troppo vaga e comunque solo una attenta visita diretta sarebbe in grado di quantomeno indirizzare la diagnosi. In linea di massima il dolore renale è a livello del fianco e si irradia obliquamente in avanti verso i genitali, mentre quello della cistifillea è anteriore sotto l'arcata costale destra e si irradia verso l'ato e verso il dorso. Nessuno di questi due tipi di dolore classico tende ad irradiarsi alle cosce. come invece accade per i dolori da causa muscolare e neurologica. Questi sono comunque riferimenti assolutamente generici ed indicativi, passibili di infinite sfumature intermedie, ovviamente solo il medico può interpretarli correttamente nel singolo caso.
Per il resto, i calcoli delle vie urinarie e biliari hanno una storia completamente diversa tra loro, per entrambe conta molto la predisposizione soggettiva a formarli, che è genetica e talora familiare. I calcoli delle vie urinarie, che interessano più direttamente l'urologo, hanno un maggior rischio di formazione soprattutto legato ad una eccessiva densità delle urine per insufficiente introduzione di liquidi. La dieta è relativamente meno importante, comunque può risentire di una alimentanzione troppo "pesante" e ricca di sale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing