Utente
Gentilissimi,
Da maggio continuo ad avere delle cistiti recidivanti che si presentano 24 ore dopo i rapporti.
Ne ho avute 3 da maggio ad oggi.
Le prime due da Escherichia Coli con carica Batterica di 800.000 mila colonie curate entrambe con Augmentin così come indicato nell'antibiogramma.
Due settimane fa ho rifatto le analisi delle urine (in ospedale questa volta) ed é venuta fuori una infezione da Klebsiella con carica batterica 100.000 colonie e sintomi non molto forti (leggero bruciore durante la minzione che diventa più decisa dopo qualche minuto, leggera sensazione di pesantezza alla vescica, bisogno di urinarie non accentuatissimo tranne quando bevo molto e forse il sintomo più fastidioso delle contrazioni simili a spasmi al basso ventre).
Leggedo su internet si capisce che la klebsiella non è molto simpatica.
Sto assumendo un integratore Ausilium plus 20 (che mi porta un senso di nausea...lo prendo da qualche giorno).
Cosa mi consigliate di fare?
La mia vita intima ha subito grandi trasformazioni... È impossibile vivere con il terrore delle recidive e credetemi sono stanca di assumere antibiotici.
Grazie!

[#1]  
Dr. Mauro Seveso

40% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
BASIGLIO (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentilissima signora
le cistiti post coitali sono un fenomeno molto diffuso ma alttrettanto disturbante e limitante la vita personale di una persona e della coppia nel complesso.
Le cause devono essere ricercate in una possibile problematica vulvare e vaginale da escludere con una valutazione ginecologica, un corretto inquadramento della regolarità intestinale, una ottimale igiene personale che eviti l'utilizzo non corretto di detergenti o un loro uso troppo frequente.
Sono altresì da escludere particolari pratiche sessuali che possono favorire la contaminazione così come da valutare è lo stato di salute dell'apparato genitale del partner.
Apesso ,risolti questi problemi, la paziente ha grandi giovamenti. E' previsto anche l'utilizzo una terapia antibiotica da assumere solo in concomitanza con il rapporto assumendo una dose nella prima mezz'ora successiva.
La saluto cordialmente
Dott. Mauro Seveso
Responsabile Unità Operativa di Urologia
Istituto Clinico Città Studi , Milano