Utente
Salve, scrivo qui perché sono veramente afflitto da un problema che mi si è presentato circa 3 mesi fa e che consideravo una fissazione temporanea che tuttavia continua a peggiorare.


Premetto che sono sempre stato un ragazzo con una sessualità molto attiva e soddisfacente sin dai 15/16 anni.

Non ho mai fatto uso di droghe pesanti e pratico occasionalmente ciclismo MTB.


All'incirca per la metà di Giugno una sera, dopo aver esagerato un po' con gli alcolici ad una festa, sono tornato a casa (forse con la vescica piena?) e sono crollato sul letto, dormendo a pancia in giù.


La mattina seguente al mio risveglio accusavo un dolore sordo/fastidio al testicolo sx e una sensazione di reflusso sanguigno accompagnato da dolore a livello venoso/vascolare ai lati dell'inguine.


Spaventato da questo evento cominciai a notare che ogni volta contraevo gli addominali sia volontariamente, sia per andare in bagno sentivo sempre le medesime sensazioni ripresentarsi e vidi che mi si era formato un varicocele (tutt insieme?) al testicolo che mi dava fastidio.

Tutto era accompagnato da una sensazione di peso a livello dello scroto ed in particolare di calore.


Il dolore al testicolo si presentava anche quando fumavo sigarette e specialmente marijuana, forse per il suo effetto vasodilatante.


Questi dolori/fastidi si sono attenuati in una settimana circa dall accaduto, tranne il fastidio al testicolo sx che credevo fosse per via del varicocele.


Da quell' evento spiacevole la mia pancia cominciò ad essere particolarmente rigonfia sul basso ventre ogni qualvolta bevessi anche solo una birra o anche analcolici.


Sono andato a metà Luglio da un urologo per visitarmi e dopo avermi controllato scroto e basso ventre con l'apparecchio per l ecografia, mi disse che avevo un varicocele di I -II livello (poco per lui) e che la sensazione di gonfiore era dovuta ad un infiammazione della prostata.
(Forse perché bevo poca acqua?)

Ho completato un ciclo di cure con antibiotici e Tachipirina x10 giorni e supposte x20.


Il problema è che praticamente non ho più erezioni spontanee, che prima erano molto frequenti, e peggio ancora la capacità erettiva è diventata ridicola per un ragazzo di 22 anni come me.
Inoltre quando provo a masturbarmi (cosa che addirittura mi è diventata difficoltosa) esce pochissimo sperma, l'appagamento è pari a 0 e quando eiaculo mi si ripresenta quel dolore che io definisco vascolare alle estremità dell' inguine, come se il sangue avesse difficoltà a fluire.


Chiedo aiuti, consigli o risposte in merito all'accaduto perché non posso crederci che debba terminare la mia vita sessuale a soli 22 anni per una bevuta...e per di più non trovo riscontri che associno l'alcool e il fumo con il varicocele.


Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non drammatizzi e, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste problematiche sessuali, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gli articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agli indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile

Altri suggerimenti infine li può trovare anche sul mio libro: Disfunzioni sessuali maschili. Guida alla scoperta delle cause e delle terapie , Edizioni del Cerro - Pisa.

https://www.unilibro.it/libro/beretta-giovanni/disfunzioni-sessuali-maschili-guida-scoperta-cause-terapie/872551

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente, quando è possibile, anche una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/