Utente
Buongiorno.

Ieri sera sono stato ricoverato al pronto soccorso per un dolore al fianco destro (sordo), con bruciore durante la minzione.
Le prime urine erano scure (ma ho bevuto pochissimo in tutta la giornata).
Poi sembrano rosa (per questo mi sono recato al pronto soccorso).

Al PS mi hanno fatto esami del sangue (ok), Ecografia (ok) e, dopo avermi fatto bere un po', esami urine (tracce di emoglobina - maggiore di 1 - e proteine alte - 50).
Presumo quindi che ci fosse del sangue.
Sono rimasto al PS circa tre ore.
Nel frattempo il dolore è passato da solo, mentre è rimasto il bruciore durante e dopo la minzione, con urine sempre rosate (lavatura di carne nel referto).
Il medico del PS mi ha prescritto Tac addome completo e visita urologo (oltre che antibiotici per 5gg).
Dice calcoli (anche se non li ha visti con la Eco). Sul referto c'è solo "Colica renale".
Mi chiedo se è plausibile, oppure se potrebbe essere anche renella.
La mia paura è che invece sia qualcosa di più grave, ma il medico lo avrebbe escluso.
Vorrei se possibile la vostra opinione, anche perché passerà molto tempo prima di poter fare la Tac.
Stamane ho ancora un leggero bruciore, ma l'urina non sembra più rosa.

Grazie.

IP

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
I disturbi che ci descrive sono realmente molto suggestivi per una colica renale. L'ecografia ha dei grossi limiti nell'individuare calcoli di piccole dimensioni in progressione tra rene e vescica, ovvero quelli che più frequentemente sono causa della colica. La prescriione della TAC dell'addome senza mezzo di contrasto è oggi il modo più preciso per valutare la situazione in questi casi dubbi, ovviamente questa dovrebbe essere eseguita con sollecitudine, tanto più se vi è persistenza di disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore per la pronta risposta. Io avevo anche pensato al peggio...
Oggi niente dolore. Un po' di bruciore all'altezza del pene stamattina, prima e dopo la minzione, che è andato riducendosi nella giornata.
Ho bevuto il giusto, ma mi pare di aver urinato più volte del solito. Però l'ho fatto senza difficoltà. Le urine erano chiare, buona quantità e non mi pareva ci fosse sangue. Ritiene questi sintomi sempre compatibili con una calcolosi?
La Tac la farò la prossima settimana.
Grazie.
IP
PS lei parla di "questi casi dubbi". A cosa fa riferimento? Cos'altro potrebbe essere?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Potrebbe essere mille altre cose, ma in medicina quel che conta è la probabilità e con i segni e sintomi che ci descrive, quella del passaggio di un piccolo calcolo è senz'altro l'ipotesi più verosimile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Certo, capisco. Immagino però che se ci fosse stato altro l'Ecografia lo avrebbe probabilmente evidenziato.
Grazie ancora.
IP

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno dottore. Le volevo chiedere una cosa. Il fatto che dopo la colica renale io soffra di tenesmo vescicale può essere normale? Sto prendendo antibiotici da 3 gg, ma continuo ad avere lo stimolo per urinare e l'urina è sempre poca.
Grazie.

[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Questo disturbo è abbastanza tipico per la presenza di un piccolo calcolo nell'ultimo tratto dell'uretere. La TAC chiarirà.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente
Grazie dottore.
IP

[#8] dopo  
Utente
Buonasera dottore.
Vorrei ancora un suo parere, se possibile. Dietro consiglio del medico di base ho iniziato oggi ad assumere Tamsulosin 1cp die per 10gg, come aiuto all'espulsione del presunto calcolo. Il medico dice anche che, qualora dovessi liberarmene, la Tac non sarebbe più necessaria. Lei che ne pensa?
Grazie.

[#9]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Si tratta della terapia più comune che può essere utilizzata per aiutare l'espulsione di un piccolo calcolo, d'ogni modo, se vi è la persistenza di sintomi importnti la TAC sarebbe senz'altro da eseguire appena possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente
Grazie dottore. Al momento non ho dolori, solo questa costante urgenza urinaria. Vediamo come va in settimana. La Tac è per martedì prossimo. Se posso la aggiorno.
Grazie ancora.
IP

[#11] dopo  
Utente
Buongiorno dottore.
La vorrei aggiornare. Oggi, dopo una decina di giorni dalla colica renale, e dopo costante difficoltà nella minzione (frequente e difficoltosa), ho espulso un piccolo calcolo di circa 3mm. Forse ha fatto effetto il tamsulosin.
Avrei tre domande.
1) Ho una Tac prenotata per martedì. Se non dovessi avere più alcuna sintomatologia nei prossimi giorni, dovrei farla comunque? Le ricordo che l'Eco fatta al PS non aveva evidenziato alcun calcolo.
2) Ho recuperato il calcolo. Dovrei farlo analizzare per saperne la composizione? Potrebbe essere utile per gestire episodi futuri?
3) Continuo comunque con il tamsulosin fino a 10gg? Potrei avere altri calcoli in transito?
Grazie per l'attenzione.
IP

[#12]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
1) Se l'espulsione del piccolo calcolo è stata seguita dalla completa scomparsa dei disturbi vi è un concreto margine di ottimismo e si potrebbe evitare l'esposizione ai raggi della TAC.
In caso contrario è prudente eseguire lo stesso l'esame. In ogni caso sarà opportuno ripetere comunque una ulteriore ecografia tra alcune settimane.
2) Se è il primo calcolo espulso lo si può fare analizzare per completezza di indagine, anche se non si possono riporre eccessive aspettative dal conoscerne la composizione.
3) Anche qui, se il fastidio è completamente scomparso, la terapia può essere sospesa.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente
Grazie dottore. Ho un paio di giorni di margine e vedrò l'evolversi della situazione. Comunque già ora, a distanza di un paio d'ore dall'espulsione, mi pare di non avere più alcun sintomo urinario. Prima erano costanti...
Lunedì sentirò anche il curante e se posso vorrei disturbarla ancora una volta per fare il punto.
Grazie per la disponibilità.
IP

[#14] dopo  
Utente
Buongiorno dottore.
La aggiorno: ho sentito il curante e consiglia di fare comunque la Tac, perché il calcolo espulso potrebbe non essere l'unico e conviene dare un'occhiata. Forse ha ragione... Comunque io non ho più alcun fastidio nella minzione. Solo una dolenzia al fianco dx, sotto le costole, da un paio di giorni, ma che ho spesso avuto anche in passato e il gastroenterologo ha sempre collegato al reflusso gastrico.
Ho solo un dubbio. Ho effettuato già altre due Tac negli ultimi anni. Una all'addome per una tosse che durava da mesi (dicembre 2017) e una maxillo facciale per sinusite (giugno 2018). Può essere un problema?
Grazie ancora per l'attenzione.
IP

[#15]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
No, non è un problema.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente
Buonasera dottore.
La aggiorno. Oggi ho fatto la Tac, che non ha rilevato altri calcoli. Ha però evidenziato una piccola milza accessoria. Possibile che in tutte e tre le ultime ecografie fatte all'addome (tre negli ultimi 3-4 anni) nessuno dei tre operatori l'abbia mai vista? È possibile confondersi con la Tac e che possa essere altro?
Grazie.
IP

[#17]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Si tratta di un reperto occasionale e del tutto privo di significato che certamente la TAC riesce a caratterizzare meglio dell’ecografia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#18] dopo  
Utente
Grazie dottore per la consulenza non banale di queste settimane. Ora attendo di vedere un urologo per fare il punto.
Un saluto.
IP