Utente
Buonasera.
In seguito alle analisi del sangue il PSA del mio papà (70enne) è pari a 19.
Una settimana fa ha eseguito la risonanza magnetica multiparametrica prostatica.
Vorrei chiederLe se il referto, inviatomi oggi, indica la presenza di un tumore maligno o benigno e la sua gravità.


Esame richiesto 88. 95.
5 RM DELL'ADDOME INFERIORE E SCAVO PELVICO, SENZA E CON CONTRASTO
Esame eseguito con: Risonanza Magnetica ad Alto Campo (3T) Siemens ad alto campo
Referto:
Quesito diagnostico: PSA elevato
RM DELLA PROSTATA
Esame RMN eseguito con scansioni FSE multiplanari, DWI isotropiche ed anche durante e dopo MdC paramagnetico
ev in bolo.

Prostata di dimensioni nei limiti (dimensioni max circa 24 AP x 38 LL x 51CC mm, volume circa 24 cc), disomogenea
nella sua porzione centrale per adenomiomatosi.
Prostata periferica poco rappresentata di segnale diffusamente
alterato per esiti di prostatite: reperto da valutare anche in relazione coi dati clinici.

In corrispondenza della porzione periferica postero-mediale e postero-laterale del lobo Dx prostatico in sede medio-
apicale, si osserva area ipointensa nelle sequenze pesate in T2 del diametro AP di circa 20 mm ed estesa cranio-
caudalmente per circa 22 mm, che presenta restrizione nelle sequenze DWI, confermata alla mappa ADC e che subisce
intenso enhancement in fase contrastografica arteriosa, con tenue wash-out nella tardiva; il reperto descritto presenta
livello di sospetto 5 secondo PI-RADSv2 (eteroplasica?) ed appare meritevole di ulteriori accertamenti.
Si associa
bulging del profilo capsulare e modesta impronta sulla parete antero-laterale Dx del retto.

Regolare morfologia e segnale delle vescicole seminali.
Vescica urinaria poco distesa, ma apparentemente esente da
lesioni parietali.
Non linfoadenopatie né versamento in sede pelvica.
Piccola formazione ovalare del diametro circa
9 mm disomogeneamente iperintensa in T2, in corrispondenza dell'epifisi femorale di sinistra di verosimile significato
benigno (encondroma?) .
Non ulteriori lesioni scheletriche.


La ringrazio per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si individua un nodulo di 2 cm circa nel lobo destro di assai sospetta natura tumorale (PIRADS 5), compatibile con i valori di PSA discretamente elevati. In questa zona dovranno necessariamente essere eseguite delle biopsie, meglio se con metodica mirata di fusione . In base al risultato dell’esame istologico eseguito sulle biopsie si daranno indicazioni ad eventuali ulteriori accertamenti (TAC dell’addome, scintigrafia ossea totale body) ponendo così le basi per un assai probabile percorso terapeutico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto la sua disponibilità e per avermi risposto, faremo appena possibile tutti gli accertamenti necessari.

Vorrei chiederLe se dobbiamo rivolgerci anche ad un ortopedico per la "Piccola formazione ovalare del diametro circa
9 mm disomogeneamente iperintensa in T2, in corrispondenza dell'epifisi femorale di sinistra di verosimile significato
benigno (encondroma?)". Questa formazione può trasformarsi dallo stato benigno a maligno? Può essere associata al problema riscontrato nella prostata?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Per la localizzazione e le caratteristiche radiologiche, il riscontro all'osso è difficilmente correlabile con la situazione prostatica, mentre appare senz'altro più suggestiva l'interpretazione data dal radiologo. Pertanto un riscontro che non parrebbe meritare particolare attenzione, quantomeno in prima battuta.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing