Utente
Salve innanzitutto buon natale a voi professionisti, ho chiesto un consulto su questa uroflussometria e ho avuto una risposta che non ho compreso senza poter replicare da un dottore che mi ha detto di andare dall’urologo in diretta e che ci sarebbe un problema di svuotamento, la mia domanda è questo risultato può indirizzare più verso una sclerosi del collo vescicale oppure ad una stenosi?
Non capisco perché da questa estate manifesto secchezza del glande in associazione ed anche emorroidi da qualche mese, i dermatologi mi hanno detto che il mio è un problema urologico...

qui i dati:

Diagnosi: compatibile con media ostruzione
Posizione: eretto
Flusso massimo: ml/s 9. 7
Volume svuotato: ml 516
Durata svuotamento: s 72
Tempo di flusso: s 70
Velocità media di flusso: ml/s 7. 4
Tempo al flusso max: s 41
Urina residua: ml -
Volume al flusso massimo: ml 360

Sono mesi che ho bruciore all’uretra in assenza di batteri riscontrati.

L’uretra si presenta sempre gonfia e brucia

Dopo aver urinato ho sentito fastidio ai reni, forse per la troppa acqua...
L’urologo aveva detto che se questo esame andava male avrei dovuto fare altri esami più invasivi, la prostata era ok sia in eco che alla palpazione... il mio getto credo sia sempre stato poco potente e soprattutto bifido o a ventaglio e soprattutto lo sperma è sempre uscito come a colata mai a schizzo, a questo punto potrei avere un ostruzione da sempre che adesso mi da problemi? E se fosse perché ora?
Scusate la mia insistenza ma la visita che avrò con l’urologo sarà il 15 gennaio e ho paura di avere una cosa grave a 31 anni.
Grazie davvero

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le confermiamo che a distanza ed in base ai soli dati che ci riferisce non è possibile esprimere alcun giudizio, che oltre la valutazione diretta comporta probabilmente l’esecuzione di ulteriori accertamenti. D’ogni modo il tipo di disturbo e la sua insorgenza non fanno certamente pensare a qualcosa di realmente pericoloso, anche se senz’altro meritevole di attenzione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dottore del tempo che si è preso per rispondermi e soprattutto della rassicurazione, il fatto è che vado ad urinare di continuo e inizio a sentire sensazioni di punture di spillo nel basso addome, urino anche 3 volte l’ora, sto cercando un professionista che mi faccia una cistoscopia da sedato ma a volte mi chiedo se io debba andare in ospedale.... grazie ancora

[#3] dopo  
Utente
Salve dottore il 7 farò una biopsia per sapere se il mio problema parte dal lichen, purtroppo sto notando che mi stanno comparendo delle sinechie balano-prepuziali e sono senza diagnosi e cura, attualmente utilizzo solo una crema alla vitamina E per la secchezza, volevo sapere in questo caso dovrei fare presto ed effettuare una circoncisione ? Le sinechie si risolvono in questo caso? Qualunque cosa io abbia sta andando molto veloce....il 15 rivedo l’urologo ed in teoria dovrei avere l’esito della biopsia...le sembra il caso che io contatti Palminteri?

[#4]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
E' abbastanza diffice le il lichen, ovvero un problema dermatologico superficiale, influisca in modo così significativo sulla minzione, tranne nei rari casi in cui induca un restringimento importante del meato dell'uretra. Le consigliamo di contattare il Collega esperto nella chirurgia dell'uretra solo quando vi sia una diagnosi completa e circostanziata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente
Si dottore infatti sto cercando di reperire più informazioni possibili su questa patologia, il mio meato è infiammato da mesi e presenta come delle vescicole che sembrano ustioni, ultimamente ho provato ad urinare schiacciando il glande leggermente allargando così il buchino e ho notato che il flusso bifido e lento che ho aumenta, le farò sapere l’esito della biopsia....ho visto anche un video di Palminteri sulla questione lichen e non mi sembra che lo ritenga un problema dermatologico di poco conto.... devo dire che prima di pensare a tutto questo ho avuto da un dermatologo privato questa diagnosi a fine ottobre, poi smentita da altri dottori per questo sono arrivato alla biopsia e dopo aver effettuato numerosi test batteriologi negativi....ho comunque fastidì all’uretra da circa 1 anno....ed il mio glande è scolorito e ho avuto una leggera fimosi bloccata con delle creme non cortisoniche che per fortuna hanno funzionato.... sentirò anche il mio urologo se mi prescriverà un uretrografia o una cistoscopia ma gli chiederò se fosse riscontrato il lichen se è pericoloso farla da persone non preparate su questa malattia....

[#6] dopo  
Utente
Salve dottore il 7 ho fatto la biopsia alla pelle del prepuzio interna e sono in attesa, la pelle in quel punto è tutta rialzata e strana tanto che i punti danno l’idea di un nodo.... per i primi tre giorni non mi sono lavato e dato i miei soliti emollienti come ha detto il medico e ho messo solo betadine ma così facendo ho avuto un peggioramento..... la pelle del glande si è subito raggrinzita e la pelle del prepuzio è diventata come quella di un peperone cotto molto fragile con taglietti, ora ho messo le creme alla vitamina E e mi sono lavato con sapone oleoso e ho tamponato la situazione, i punti sono il problema minore, sono molto preoccupato....il medico che mi ha fatto la biopsia era lo stesso che non ha visto il lichen e mi ha detto di stare tranquillo, io gli ho risposto che tranquillo lo sarei stato se lui mi avesse detto che cosa io avessi e se mi avesse guarito, poi mi ha già prenotato una visita tra un mese quando avrò il referto con il quesito diagnostico di lichen genitale, sto male perché i dottori non capiscono il mio problema e ho la stessa identica cosa all’ano e non mi ha voluto nemmeno visitare li.....penso di avere il lichen anche li visto che brucia da novembre ed è secco e sono costretto a mettere creme idratanti anche li.... venerdì mattina vedrò l’urologo per l’ostruzione uretrale e anche lui mi disse che dovevo fare la biopsia perché lui non era in grado di riconoscere il mio lichen...forse mi dirà che devo circoncidermi e fare un uretrocistografia, spero solo che mi aiuti a farla in un posto dove mi sedano.....

[#7] dopo  
Utente
Salve dottore oggi ho avuto la visita urologica, non ho ancora l’istologico per lichen ma il dottore ha già escluso una stenosi, perché manualmente il buchino si apre e dice che sicuramente al 90% lichen o non lichen ho una probabile sclerosi del collo congenita, es ob:
In ecoscopia vescica depleta, prostata regolare, collo leggermente iperecogeno.

Si consiglia Omnic 1 cpr dopo cena; ripetere fra un mese uroflussometria e poi decideremo ev uretrociscoscopia e/o cistografia retrograda e minzionale.
Valutazione istologico.

Dottore sono spaventato e confuso mi può dare il suo parere? L’urologo sta agendo bene? Ho una situazione grave?

[#8]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Noi non siamo certo qui per giudicare le decisoni dei nostri Colleghi. In base a quanto ci ha fin ora riferito anche a noi pare più verosimile che i suoi disturbi possano essera causati da una ostruzione del collo vescicale, piuttosto che da un problema dermatologico del glande. Sia la terapia che il programma diagnostico sono quindi ampiamente condivisibili.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente
Grazie dottore della sua immediata risposta, io purtroppo non riesco a stare tranquillo perché non sono impazzito tutto in una volta, i miei sintomi sono diversi tra loro e iniziati tutti insieme a settembre prima di quel periodo alla pelle non avevo disturbi, il problema urinario potrebbe dipendere dalla sclerosi, quello dermatologico anche escludendo un eventuale lichen non riesco a comprenderlo o a trovare cause soprattutto nel cambio circolatorio se vogliamo dire così, ad esempio il glande che ha queste aree bianche con tutti piccolissimi capillari rotti, come se fosse tutto puntinato come una scarsa irrorazione....ieri dopo l’astinenza per via dei punti che ancora ho in sede ho praticato la masturbazione in modo delicato e dopo l’eiaculazione il glande si è infiammato immediatamente anche all’interno del meato ed è ripartito il bruciore.... di sicuro un pene sano non andrebbe nemmeno idratato mattina e sera così come l’ano, ma io non posso più permettermelo in questi mesi l’ano si è ristretto e le feci sono cambiate inizialmente ho avuto diarrea fino ad arrivare in quest’ultimo mese che non sono compatte ma si sfaldano e sono di un marroncino chiaro sull’arancione ed emanano un odore molto forte, non ho avuto mai disturbi sulle feci anzi oltre ad essere sempre stato regolare l’odore non è mai stato forte ed il colore era normalissimo e sono sempre state compatte..... il dermatologo ha detto di farle analizzare e così ho fatto.....in questo modo potrei avere una risposta in più, avendo anche la prostata piccola e perfetta non capisco proprio....

[#10] dopo  
Utente
Vorrei aggiungere una questione importante che a questo punto non mi sembra sia da sottovalutare perché magari un medico potrebbe capire qualcosa in più, esattamente un anno fa avevo assunto un farmaco per l’acne che durava da oltre 17 anni isotretinoina, durante questa cura la mia libido è scomparsa sin da subito, ho iniziato ad avvertire formicolio ed intorpidimento al pene che sembrava staccato dal mio corpo, ed era anche rimpicciolito ero diventato letteralmente impotente, durante questi mesi ero preoccupato ed il mio medico mi diceva di continuare perché questo effetto sarebbe sparito alla sospensione, durante questo effetto io ho provato varie volte la masturbazione e con fatica a volte riuscivo ad avere l’erezione ma l’atto in se era completamente diverso come se sforzassi il pene, ora penso che in quel periodo ho potuto causare una sorta di lesione ai nervi o altro.... ad un certo punto sospesi il farmaco e dopo un mese la libido torno’ e a poco a poco anche le erezioni ma da li iniziai ad avere i primi pizzicori/spilli/doloretti all’interno dell’uretra, ne ho provato a parlare con l’urologo ma lui non conosceva nemmeno il farmaco in questione.....volevo aggiungere questo tassello perché penso possa essere correlato, mi rendo conto che tutto questo può sembrare da ipocondriaco ma è davvero successo....l’urologo dopo l’accaduto mi fece fare gli esami ormonali ed uscirono alterati lh ed fsh erano bassi con L’asterisco ma disse che era tutto ok e mi propose il cialis che io non feci....i problemi uretrali continuarono fino adesso ed io cambiai urologo.... ma non ci pensai più... quel farmaco come effetto comune porta infiammazione ai tendini, nervi legamenti infatti avevo dolore ai polsi, alle gambe etc etc.... potrebbe aver intaccato il nervo pudendo ad oggi avverto anche tremolio all’interno del pene....

[#11]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
L'isotretinoina è purtroppo gravata da numerosi effetti collaterali reversibili, ma in effetti è molto difficile pensare che possa essere stata la reale causa dei suoi attuali disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente
Grazie mille dottore infatti è quello che mi è stato sempre detto, oggi ho avuto i risultati degli esami feci-emocromo-urine chimico fisico.
Le feci tutto negativo per fortuna solo un leggero positivo al pylori.
Emocromo anche il mio medico ha detto che era tutto ok.
Per le urine nulla di preoccupante

Colore: giallo oro
Aspetto:limpido
Ph: 5.5 4.5-6.8
Peso specifico: 1030 * 1010-1028
Proteine: 20 mg/dl <30
Glicosuria: assente mg/dl Assente
Corpo chetonici: assente Assente
Sangue:assente mg/dl Assente
Pigmenti biliari: assenti mg/dl <0.2
Urobilinogeno: 2.00 * <0.5
Nitriti: assenti Assenti

Esame microscopico sedimenti: alcuni cristalli di ossalato di calcio

Anche qui il mio medico mi ha detto tutto ok di bere di più ....
io bevo solo acqua da mesi e tanta, vuol dire che non basta....

[#13]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
A vedere la densità delle sue urine (1031) proprio non si direbbe che lei beva tanta acqua ... diciamo che probabilmente proprio quel giorno se ne era dimenticato!
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente
Grazie dottore cercherò sicuramente di bere di più, a volte a lavoro non bevo abbastanza, per quanto riguarda l’ecografia dell’urologo questo collo iperecogeno (leggermente) cosa può significare di preciso? Leggendo in rete leggo cose poco rassicuranti....e mi chiedevo se prima di iniziare con Omnic non fosse utile eseguire un esame urodinamico per la diagnosi? Oppure sto andando avanti con la fantasia? Oggi sono sveglio dalle 8:30 sono le 10:10 ed ho già urinato 6/7 volte e anche urine abbondanti...

[#15]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Evidentemente oggi ha bevuto molta acqua e sta andando parecchio avanti con la fantasia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente
Buonasera dottore a novembre mi era stato diagnosticato il lichen s.a. Dal dermatologo della mia città, così andai a Roma da uno dei massimi esperti di questa patologia, (primario dell’MTS del policlinico Umberto 1 in pensione) struttura n1 ad oggi della cura dei malati di lichen s.a..... lui mi esclude il lichen e oggi sono andato al controllo e mi ha riscontrato atrofia..... però ha ribadito che non ho questa patologia e di mandargli l’esito della biopsia quando l’avrò, l’altrofia a suo avviso avviene anche per altri motivi ma non ho compreso nel mio casi quali sarebbero ( forse la cura con Isotretinoina) ... in ogni caso anche lui ha detto di approfondire con l’urologo e di fare ev uretrografia perché potrei avere anche una stenosi più giù nell’uretra e in quel caso dovrei fare delle dilatazioni, lui conoscendo il lichen mi ha guardato bene nel meato e ha detto anche lui che la prima parte sta bene ....

[#17] dopo  
Utente
Buonasera dottore alla luce di quanto detto dal dermatologo sul lichen e altri pareri avuti in questi mesi anche dal dermochirurgo che mi ha effettuato la biopsia che sostengono che il mio sia un problema urologico, io le dico che è sempre presente dolore/bruciore all’interno del pene/uretra non riscontrato da loro nel glande, io è circa un anno che lo avverto e inizio a pensare a un disturbo di fibrosi del pene perché la mia è proprio un infiammazione/bruciore interna, anche alla digito pressione allo stato flaccido e non.... in erezione non ho dolore come ho letto dovrebbe avvenire, ma forse non è così scontato no? Mesi fa per un periodo ho avuto deficit erettile, poi ho notato in questi mesi strane curvature del pene ma soprattutto che assume strane forme in pre-erezione e il colorito del glande mi è stato detto che è un problema circolatorio.... io non sento placche ma questo non vuol dire nulla giusto? Il mio getto urinario da che ricordo è sempre stato più o meno bifido e difficoltoso, quindi ho pensato che le due problematiche possano coesistere....avevo già pensato a questa possibilità ma poi per via dell’ipotesi del lichen l’avevo accantonata.... mercoledì ho un consulto con l’urologo e gli parlerò di tutto questo perché se dall’esterno non vedono nulla apparte atrofia e colorito spento io all’interno sento dolore e bruciore che non so collocare se è all’uretra oppure alle strutture del pene....a volte urinare mi provoca bruciore e a volte no.... ma il disturbo persiste sempre durante la giornata tanto da non farmi pensare ad altro, forse basterebbe effettuare un ecografia del pene? Perché in studio non me l’ha fatta l’urologo avendo con se l’ecografo? Voglio dire se controlla la prostata e l’addome perché non il pene? Scusi ma sono solo domande di un paziente sicuramente ignorante in medicina...

[#18]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La rimandiamo al nostro contributo #8, per ora a distanza non possiamo esprimerci in altro modo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#19] dopo  
Utente
Le allego il referto della biopsia, il dermatologo dice che è non significativa che non hanno detto nulla, io non ho più parole....



Descrizione macroscopica:
Previene in formalina frammento cutaneo di 1per0, 4 a superficie grigiastra, i margini chirurgici vengono marcati con china.
Si preleva in toto.


Diagnosi:
Tessuto cutaneo con lievi e focali note di flogosi cronica e focale congestione vascolare nel derma superficiale.

Non evidenza di diplasia dei cheratinociti.

La ricerca di ife fungine è risultata negativa (valutazione effettuata su colorazione pas)
Il materiale è stato subseriato...

[#20]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Nulla da dire, un reperto sostanzialmente quasi normale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#21] dopo  
Utente
Infatti dottore posso dire che ora sono molto più tranquillo, il dottore che mi ha diagnosticato il lichen ha creato in me uno stato di agitazione enorme e mi ha fatto girare a destra e sinistra e ho sviluppato un senso di sfiducia verso i medici, sono diffidente anche con gli urologi che hanno avuto opinioni diverse, ebbene escluso il problema dermatologico lichen mi sono concentrato su quello urologico, non ero convinto della sclerosi del collo vescicale, sono un paziente difficile e ho voluto sentire l’opinione del migliore della mia città stasera, ha sentito tutta la mia storia infinita, mi ha escluso il lichen anche lui ha escluso varicocele,prostatite,sclerosi del collo e altre cose che mi sono state diagnosticate e secondo lui ho una clamidia che non sarebbe uscita da tutti gli esami.... a me ne manca uno lo spermiogramma.... nonostante io non ho rapporti a rischio e ho una storia seria da anni....ha detto di fare quello, era molto convinto e ho deciso di fidarmi.... ha detto che si può prendere anche in altri modi... ripeto sono diffidente ma ho un uretrite in atto e ho anche avuto per un periodo epididimiti curati con cefixoral e sperma acquoso per un periodo.... dopo tutte queste visite un esame banale non mi preoccupa vedremo cosa succede.... grazie davvero della sua disponibilità psicologicamente mi ha dato una grande mano

[#22] dopo  
Utente
Buongiorno dottore scusi se continuo ad informarla, non ho specificato delle cose, durante la visita questo urologo a cui mi sono rivolto, mi ha visitato scrupolosamente, ha preso tutti i miei esami e visite e le ha rivoltate, ha fatto eco alla vescica prima e dopo la minzione e ha detto che non avevo residuo di urina e per questo ha escluso la sclerosi del collo, lui si occupa da anni molto di problemi di fertilità in modo approfondito, analizzando in modo scrupoloso lo sperma nelle coppie che hanno tale problematica, mi ha detto che la mia sintomatologia è associata quasi sempre alla chlamydia, sono molto scettico ma ho prenotato l’esame e credo se ho capito bene che lui valuti i leucociti....con l’uroflussometria sotto mano ha escluso stenosi e problemi strutturali.... pensandoci tutto è iniziato due anni fa quando ho iniziato ad avere epididimiti e il primo urologo della mia vita mi mando’ a fare una eco ai testicoli visto che avevo anche una pallina e la dottoressa disse che avevo il varicocele, ma non era vero! E l’urologo mi disse che dovevo conviverci ma le epididimiti continuarono quindi era una chiara infezione..... penso che questa sia la chiave, un equivoco perché il varicocele mi è stato escluso da tutti gli altri che mi hanno
Visitato facendomi l’ecografia in studio.... le perplessità sono per la trasmissione della chlamydia, quello non me lo spiego ma per ora non ci penso.... spero che lui abbia ragione, uno dei dermatologi ultimamente lo sospetto’ e feci un ulteriore ricerca nelle urine ma risulto’ negativo.... dopo i miei sintomi si sono spostati all’apparato urinario, glande, meato, infiammazione anale e da poche settimane ho dolori articolari molto fastidiosi ed è una cosa nuova....poi penso ma se non era varicocele che cosa poteva essere? Un ultima cosa da poco ho scoperto di avere iperomocisteina e mi hanno detto di assumere acido folico ma è un altra cosa...Scusi se mi sono ancora una volta dilungato ma il suo parere per me è importante... le farò sapere cosa viene fuori...

[#23] dopo  
Utente
Buongiorno dottore ho eseguito questa mattina lo spermiogramma come consigliato dal mio nuovo urologo, il fatto che lei non abbia detto nulla mi fa pensare che non si trovi molto d’accordo con questa strada.... oppure sicuramente non può dire la sua su un intuizione avuta da chi mi ha visitato, ho avuto un astinenza di 10-12 giorni pensando di fare bene invece non dovevo superare i 7 giorni.... ho voluto farlo lo stesso... mi hanno chiesto se volevo la spermiocultura associata ma ho detto di no perché il dottore è stato chiaro e voleva lo spermiogramma, perché le spermioculture le avevo già fatte,ma mi chiedo se ho sbagliato a non farlo, nel senso se ci fosse la chlamydia si vedrebbe ugualmente? La struttura è la prima scelta degli urologi della mia città perché dicono che li lo fanno bene (norme Who) e poi hanno la stanzina e il laboratorio accanto dove consegni il campione. Nel
Frattempo ieri sono stato anche dal mio medico di base e mi ha prescritto esami de sangue per la celiachia e malattie autoimmuni per i miei dolori alle articolazioni recenti ha sospettato artrite remautoide associata a qualche malattia autoimmune e sono preoccupato...

[#24] dopo  
Utente
Ecco dottore ho i risultati dello spermiogramma....
Caratteristiche chimico fisiche:
Volume: 2,6 ml 1,5-5-0
Colore: biancastro
Aspetto: torbido
Liquefazione: a 30 completa
Viscosità: normale
Ph: 7,8 7,5-8,0

Concentrazione/ Cinetica
Concentrazione spermatozoi: 66 milioni/ml >15
Concentrazione spermatozoi/eiaculato:172 milioni
a) motilità progressiva veloce: 25%
b) mobilità progressiva lenta: 12% a+b > 32
c)motilità non progressiva: 3%
d) immobili 60%

Esame microscopico
Leucociti: Diversi
Cellule spermatogeniche: presenti
Cellule epiteliali: rare
Emazie: rare
Agglutinati: assenti
Cristalli: assenti
Mar-test (antic. Antispermatozoi igG negativi)

Morfologia spermatozoaria
Forme tipiche:5% >4%
Anomalie della testa: 53%
Anomalie collo/tratto intermedio: 1%
Anomalie coda:1%
Forme amorfe:40%
Forme immature: 0,02 milioni/ml



Non capisco sono sterile? 60% di spermatozoi immobili?
Forme amorfe 40%?
Anomalie della testa 53%?
Le ipotesi dell’urologo possono essere confermate?

[#25] dopo  
Utente
Dottore se può gentilmente darmi il suo importantissimo parere, tornerò dall’urologo martedì.... intanto ho capito di avere la teratozoospermia.... è possibile che a causarmela sia un infezione che ancora devono trovare?

[#26]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Non abbiamo fondata competenza andrologica, ma con 66 milioni di spermatozoi per millilitro diremmo che ci sono delle ottime probabilità di generare tranquillamente una squadra di calcio di figlioli ...
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#27] dopo  
Utente
Buonasera dottore ho portato il referto dello spermiogramma all’urologo/andrologo e ha detto che ci sono segnali di chlamydia anche se non tutti.... quello che non capisco è che lui sostiene che la voce dei leucociti DIVERSI sta a significare che sono tanti, e in base a questo sospetta ancora la chlamydia per sicurezza sotto suo consiglio ho fatto fare dei tamponi anche alla persona con cui sto (asintomatica) l’urologo propende per un antibiotico per la chlamydia.... ma cosa vuol dire diversi? Lui sostiene che sono milioni mentre il mio medico di base dice che non sono tali da giustificare la presenza di una chlamydia che non verrebbe fuori... nella sua esperienza quando vede persone con questo valore di leucociti che presentano i miei sintomi urinari pensa anche lei alla chlamydia ? O lo pensa solo lui?

[#28]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Probabilmente una infezione da chlamydia non sarebbe proprio la nostra prima ipotesi, comunque ogni specialista segue i suoi schemi mentali dettati dall'esperienza personale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#29] dopo  
Utente
Grazie dottore, in ogni caso se mi darà un antibiotico a questo punto lo farò ha detto di aspettare il risultato dei tamponi della persona che mi accompagna.... il bruciore nel retto sempre presente, le feci sempre diverse, il pene sempre secco e meato infuocato minzioni abbondanti e dolori articolari tutto questo è diventata la mia vita a 32 anni.. gli esami delle malattie autoimmuni arriveranno il 24.... domani invece devo tornare all’ospedale dove mi hanno eseguito la biopsia per dirmi la loro ( i tempi ospedalieri) anche se io l’ho fatta vedere già a tutti....

[#30] dopo  
Utente
Salve dottore aggiorno la situazione, anche i tamponi della persona che sta con me sono negativi per chlamydia e altro come già sapevo e ritornerò dall’urologo tra due settimane e vedrò se insiste ancora sulla chlamydia, fino ad ora nessuno ha deciso di mettermi una telecamera nell’uretra e vedere effettivamente cosa io abbia sono davvero demoralizzato, direi che dopo un anno di ricerca batteri possiamo dire che io non ne abbia, in ospedale dermatologia mi hanno dirottato a Roma all’ifo San gallicano patologie dermatologiche genitali, perché la dottoressa che mi ha ricevuto è un amica di questa esperta che lavora in quell’ambulatorio e mi rianalizzeranno la pelle della biopsia e quindi mi hanno ridato i vetrini, sostenendo che li sono esperti e posso avere risposte...quindi mi armerò di pazienza e mercoledì farò l’ennesimo viaggio a Roma andata e ritorno....non so più se la mia è una problematica dermatologica che causa problemi anche interni di riflesso o il contrario.... penso che una uretrografia o cistoscopia a questo punto poteva dire qualcosa infondo il meato infiammato fa presupporre che dentro ci sia un problema in assenza di batteri, ma questo me lo devono dire i medici visto che io non ho potuto studiare anche se adesso sto iniziando a farmi una grande cultura medica....aggiungo che anche i risultati delle malattie autoimmuni sono negative grazie a dio, in ultimo sono tornato dal primo dermatologo che consultai, colui che dopo 5 minuti mi diagnostico’ il lichen e nonostante tutti i referti negativi ha sostenuto che ho quello e che gli altri non capiscono nulla...

[#31] dopo  
Utente
Secondo lei dottore avendo fatto spermioculture, urinoculture, ricerche specifiche nelle urine, spermiogramma, tampone balano-prepuziale, sarebbe utile fare anche un tampone uretrale? Non ho mai voluto farlo per la presenza di infiammazione uretrale ma a questo punto potrebbe succedere il miracolo?

[#32]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
No
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#33] dopo  
Utente
Ok dottore sono convinto anche io che qui i batteri non c’entrano nulla.... il disturbo che mi da maggiormente fastidio nelle ultime settimane è un tremolio costante nella vescica, sento tremare, vibrare dentro sensazione di dover urinare di continuo e vedo il mio getto debole spero che il dottore capisca il mio problema mi tocca aspettare martedì 23....

[#34] dopo  
Utente
Salve dottore sono stato a Roma al San Gallicano ambulatorio mts/lichen s.a. hanno visto l’infiammazione ma non lesioni da lichen al momento, mi hanno preso i vetrini e li sta analizzando un dermopatologo molto esperto, poi mi hanno fatto test hiv-sifilide NEGATIVI, tamponi rettali per chlamydia e gonorrea e tampone faringeo per gonorrea di questi non ho ancora i risultati ma non so perché insistono su queste malattie sessuali che non ho un rapporto a rischio da almeno 13 anni e la persona che è con me li ha fatti e sono negativi....io li ho fatti perché magari uscisse una cosa del genere sono loro i medici! Ora appena avrò i risultati soprattutto della biopsia dovrò tornare a prenderli.... domani rivedrò l’urologo, nel frattempo il mio medico mi ha detto di andare dal proctologo e ci andrò mercoledì perché nel retto la situazione è sempre uguale come se sentissi una supposta calda che si scioglie dentro e ho bruciore tutto il giorno.... la causa a questo punto del fastidio uretrale e pene potrebbe partire anche da lì chissà spero che il proctologo mi trovi lui qualcosa.... lei pensa che un problema nel retto oppure non so la prostata che fin ora è stata esclusa tranne da un urologo possa essere la causa di tutto questo? Nutro speranza in questo specialista

[#35] dopo  
Utente
Buongiorno dottore i risultati dei tamponi rettali sono negativi, rifatto spermiocultura chlamydia,gonorrea,mycoplasmi negativi, ho portato tutto all’urologo e continua a sostenere che ho la chlamydia perché secondo lui è l’unica causa delle mie uretriti, ho chiesto una cistoscopia e si è rifiutato dicendomi che ho un infezione e che mi farei male, mi ha dato per ora una cura omeopatica con EVANDOL che sinceramente non farò, ha detto che vuole aspettare il referto della rianalizzazione dei vetrini della biopsia che andrò a prendere a Roma mercoledì, il proctologo ha trovato tutto regolare nella zona anale dicendo che ciò che ho avuto nella fase acuta era causato dallo stress, io avendo anche un flusso molto ridotto del getto urinario ho chiesto all’urologo di fare qualcosa e ha risposto che non è importante...a questo punto devo iniziare a pensare di convivere con tutto questo perché se ci fosse qualcosa l’avrebbero capito, anche se ricondurre tutto alla chlamydia quando i test sono sempre stati negativi mi sembra davvero riduttivo per un urologo/andrologo stimatissimo nella mia città.... grazie ancora una volta della sua attenzione

[#36] dopo  
Utente
Una domanda che mi era sfuggita l’urologo mi ha fatto fare esami del sangue per chlamydia iGg e iGm ma senza iGa.... è sbagliato o doveva mettere per forza anche le iGa?

[#37]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Un dettaglio insignificante.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#38] dopo  
Utente
Grazie dottore immaginavo, anche un altra cosa ho detto all’urologo a cui non ha dato nessuna risposta, io ho notato da circa due settimane che ho schiuma nelle urine e sono sicuro che fino a due settimane fa le urine non erano così, proprio come la birra io non capisco...avevo pensato che potrebbe essere utile eseguire la raccolta urine delle 24 ore, volevo sapere se devo far cercare qualcosa di specifico al momento della consegna in laboratorio oppure posso semplicemente portarlo e basta...

[#39] dopo  
Utente
Buongiorno dottore non ho fatto nessun altro test apparte la ricerca chlamydia nel sangue che sicuramente saranno negativi, sono ritornato a Roma a prendere il referto dei vetrini revisionati e dice così: nei preparati esaminati si riporta un campione bioptico di cute sede di epidermide irregolarmente acantosica e papillomatosica, nel derma lieve flogosi ASPECIFICA e congestione vascolare.
Negativa la colorazione con Pas.

Dalla visita a seguire con i dermatologi della struttura: precedente diagnosi di lichen sclerosus presso altri colleghi (dermatologo o urologo) per cui si sottoponeva anche a biopsia presso altra struttura con riferita diagnosi di flogosi cronica.Da revisioni dei vetrini presso il nostro nosocomio il 19/02/2021 non si riscontrano reperti compatibili con lichen sclerosus.

Esame obiettivo:
Attualmente non segni clinici riferibili in prima ipotesi a lichen sclerosus
Si consiglia: vitamono ef gel
Sursum 400 u.I. Cps

Mi hanno proposto una seconda biopsia da loro ma non me la sento e quindi mi hanno dato il controllo a luglio...
Mi hanno detto di eseguire una cistoscopia e dei patch test...
Se l’urologo continua a sostenere la chlamydia di cambiarlo, mi hanno anche parlato di forme di lichen lievi che regrediscono da sole e che non escono dalla biopsia e quindi dottore questa è la mia situazione a questo punto lei cosa mi consiglia tenendo presente anche del mio getto urinario?

[#40]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
A questo punto solo l'endoscopia (eseguita in sedazione) può portare ulteriore chiarezza. se la persistenza e l'entità dei sintomi la rendono opportuna.

<<<CONSULTO CHIUSO PER SUPERATO NUMERO DI RICHIESTE>>>
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing