Proteus mirabilis

Gentili dottori

sabato mattina 6 febbraio durante la minzione ho avvertito bruciore e sulla carta ho notato qualche schizzo piccolo di sangue.
Ho visti che anche della urina era colorata di rosso.


Per tutto il giorno non ho fatto altro che urinare e sentire bruciore, per cui ho bevuto molta acqua per eliminare possibili scorie.


Domenica mattina mi sono svegliata senza bruciore, ma per tutta la giornata sono andata continuamente in bagno e così anche Lunedì.


Martedì mattina, poi, su consiglio del ginecologo, ho effettuato una urinocoltura, che ha dato esito positivo al batterio Proteus mirabilis > 1.000.
000.
Inoltre per tutta la giornata ho avuto minzione frequente e bruciore.
Sentivo un senso di pesantezza alla vescica, che dovevo assolutamente svuotare.


Leggendo un po’ sul web questo batterio è frequente tra chi fa uso di catetere.
Ma come è possibile?
Come è possibile che l’abbia preso?
Ci sono altre cause per cui si sviluppa questo batterio?
E quali sono i sintomi di infezione da questo batterio?
Io ho percepito brividi di freddo, temperatura a 37, nausea, leggero mal di schiena.


Comunque da abidiogramma l’Augmentin risulta sensibile e il MMG mi ha prescritto questo.


Prendo anche l’anticoncezionale Yasminelle da 8 mesi.
Potrebbe aver influito?
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,5k 1,2k 1k
Gentile lettrice,

segua l'indicazione terapeutica datale dal suo medico curante e, appena possibile, senta in diretta anche il suo urologo di fiducia.

Il batterio da lei indicato non dà sintomi specifici e quando sono presenti queste "problematiche urologiche , oltre alle indicazioni mirate terapeutiche che solo il suo urologo od andrologo le può dare, utile seguire anche alcune indicazioni di tipo dietetico-comportamentale:

1) vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2) limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc.;

3) lo stesso vale per le bevande come il caffè, il tè, le bibite gassate od alcoliche;

4) altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2 3 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5) combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6) se si fuma, spegnere la sigaretta perché la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7) tenere d'occhio la bilancia;

8) infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.
Si ricordi comunque che sempre la visita medica rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione terapeutica corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti di comportamento.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa