L'osteoartrosi è la causa più comune di dolore articolare cronico. Le cellule staminali mesenchimali dell'adulto derivate dal grasso sono state recentemente applicate per il trattamento di diverse forme di artrosi con promettenti risultati clinici.

Introduzione

L'osteoartrosi è una malattia articolare degenerativa ed è la causa più comune di dolore articolare cronico. 
Sebbene non esista una cura definitiva per fermarne la progressione sono disponibili diversi trattamenti conservativi per alleviare il dolore e migliorare la funzione articolare.

Questi trattamenti sono:

  • perdita di peso,
  • ortesi,
  • terapia fisica,
  • analgesici,
  • farmaci antinfiammatori non steroidei topici e orali,
  • condroprotettori orali
  • iniezioni intra-articolari con corticosteroidi, acido ialuronico, concentrato piastrinico e ossigeno-ozono.

E’ di recente applicazione una nuova tecnica per il trattamento dell’osteoartrosi che consiste nel prelevare cellule staminali mesenchimali adulte (d'ora in avanti MSC) dal grasso corporeo (dell’addome, coscia e fianchi), e questa terapia ha dato promettenti risultati clinici.

Queste sono cellule multipotenti caratterizzate dalla loro capacità di differenziarsi in diverse linee cellulari come: adipociti, condrociti, osteoblasti e mioblasti.

Inoltre, le MSC hanno la capacità di produrre fattori di crescita e citochine anti-infiammatorie, che agiscono a livello locale.

Il tessuto adiposo è considerato la fonte migliore di MSC in quanto è molto abbondante, di facile accesso e ricco di MSC rispetto ad altre fonti come il midollo osseo.

E’ stata recentemente sviluppata una tecnica innovativa per raccogliere ed elaborare il tessuto adiposo per ottenere un prodotto minimamente manipolato conservando le proprietà strutturali e la microarchitettura del tessuto originale.

L'intera procedura è minimamente invasiva, richiede solo una semplice anestesia locale, molto veloce (30-40 minuti) e sicura. Infatti, nessuno degli studi in letteratura ha riportato effetti collaterali gravi ma solo lievi complicanze come dolore e gonfiore nel sito di iniezione o raccolta del tessuto adiposo che si sono risolte in pochi giorni.

 

Indicazioni in ortopedia

  • Osteoartrosi
  • Lesioni condrali articolari di ginocchio, anca, spalla e caviglia
  • Tendinopatie

 

Sono stati pubblicati in letteratura molti studi clinici riguardo l’efficacia di questo tipo di trattamento sul dolore e sulla funzione articolare, trattamento che può essere anche associato a una terapia chirurgica in pazienti con artrosi del ginocchio lieve, moderata o grave.

Uno studio ha valutato la sicurezza e l'esito clinico a uno e tre anni di una singola iniezione intra-articolare di MSC derivate dal grasso autologo in 30 pazienti affetti da lesioni cartilaginee degenerative diffuse del ginocchio associato al trattamento chirurgico e si è osservato che a un anno dal trattamento tutti i punteggi clinici sono migliorati.
Nessun paziente è peggiorato clinicamente rispetto alle condizioni pre-trattamento e che i risultati osservati a un anno sono stati mantenuti anche a 3 anni dopo il trattamento e si è concluso che questo trattamento si presenta come un approccio innovativo e sicuro per la gestione della patologia cartilaginea degenerativa diffusa del ginocchio nel follow-up a breve e medio termine.

Un'altra indagine scientifica ha valutato i risultati clinici e funzionali di un'iniezione intra-articolare di MSC prelevate dal grasso autologo in 20 pazienti con artrosi del ginocchio avanzata, pazienti candidati a un intervento chirurgico di protesi totale di ginocchio.

A 12 mesi dal trattamento si è notato come diciassette pazienti (l’85%) abbiano mostrato un miglioramento significativo dei punteggi clinici.

Il risultato è che questo trattamento riduce i dolori nei pazienti con gonartrosi in stadio avanzato senza eventi avversi osservati.

Questo tipo di operazione si è dimostrata un'opzione valida anche per il trattamento dell'osteoartrosi dell'anca e delle lesioni osteocartilaginee dell'astragalo.

Uno studio ha dimostrato che l’utilizzo di queste MSC è un trattamento sicuro per le prime fasi dell'artrosi dell'anca con buon esito clinico.

In un altro recente lavoro nella letteratura scientifica specializzata si è avuta conferma che l'iniezione di queste MSC in associazione con procedure artroscopiche fornisce un sollievo dal dolore e miglioramenti funzionali nei pazienti con lesioni osteocartilaginee dell'astragalo. 

 

Conclusioni

L'uso delle cellule staminali mesenchimali derivate dal grasso autologo è un nuovo approccio efficace e promettente per il trattamento del dolore e il miglioramento della funzionalità articolare in pazienti affetti da osteoartrosi con una percentuale molto bassa di complicanze.

Può essere utilizzato come seconda scelta, quando i trattamenti conservativi e farmacologici non sono più efficaci per controllare i sintomi.

Sono però necessari ulteriori studi a lungo termine su un numero maggiore di pazienti per confermare questi risultati clinici.

 

Bibliografia

  • Mautner K, Bowers R, Easley K, Fausel Z, Robinson R (2019) Functional Outcomes Following Microfragmented Adipose Tissue Versus Bone Marrow Aspirate Concentrate Injections for Symptomatic Knee Osteoarthritis. Stem Cells Transl Med 8(11):1149-1156.
  • Russo A, Screpis D, Di Donato SL, Bonetti S, Piovan G, Zorzi C (2018) Autologous micro-fragmented adipose tissue for the treatment of diffuse degenerative knee osteoarthritis: an update at 3 year follow-up. J Exp Orthop 19;5(1):52.
  • Tremolada C, Ricordi C, Caplan AI, Ventura C. Mesenchymal Stem Cells in Lipogems, a Reverse Story: from Clinical Practice to Basic Science (2016) Methods Mol Biol 1416:109-22.
  • Panchal J, Malanga G, Sheinkop M. Safety and Efficacy of Percutaneous Injection of Lipogems Micro-Fractured Adipose Tissue for Osteoarthritic Knees (2018) Am J Orthop (Belle Mead NJ) 47(11).
  • Bianchi F, Maioli M, Leonardi E, Olivi E, Pasquinelli G, Valente S, Mendez AJ, Ricordi C, Raffaini M, Tremolada C, Ventura C (2013) A new nonenzymatic method and device to obtain a fat tissue derivative highly enriched in pericyte-like elements by mild mechanical forces from human lipoaspirates. Cell Transplant 22(11):2063-77.
  • Ceserani V, Ferri A, Berenzi A, Benetti A, Ciusani E, Pascucci L, Bazzucchi C, Coccè V, Bonomi A, Pessina A, Ghezzi E, Zeira O, Ceccarelli P, Versari S, Tremolada C, Alessandri G (2016) Angiogenic and anti-inflammatory properties of micro-fragmented fat tissue and its derived mesenchymal stromal cells. Vasc Cell 18;8:3.
  • Russo A, Condello V, Madonna V, Guerriero M, Zorzi C (2017) Autologous and micro-fragmented adipose tissue for the treatment of diffuse degenerative knee osteoarthritis. J Exp Orthop 3;4(1):33.
  • Cattaneo G, De Caro A, Napoli F, Chiapale D, Trada P, Camera A (2018) Micro-fragmented adipose tissue injection associated with arthroscopic procedures in patients with symptomatic knee osteoarthritis. BMC Musculoskelet Disord 30;19(1):176.
  • Hudetz D, Borić I, Rod E, Jeleč Ž, Kunovac B, Polašek O, Vrdoljak T, Plečko M, Skelin A, Polančec D, Zenić L, Primorac D (2019) Early results of intra-articular micro-fragmented lipoaspirate treatment in patients with late stages knee osteoarthritis: a prospective study. Croat Med J 13;60(3):227-236.
  • Dall'Oca C, Breda S, Elena N, Valentini R, Samaila EM, Magnan B (2019) Mesenchymal Stem Cells injection in hip osteoarthritis: preliminary results. Acta Biomed 10;90(1-S):75-80.
  • D'Ambrosi R, Indino C, Maccario C, Manzi L, Usuelli FG (2018) Autologous Microfractured and Purified Adipose Tissue for Arthroscopic Management of Osteochondral Lesions of the Talus. J Vis Exp 23;(131).