Un recente studio ha rivelato che un nuovo tipo di trattamento sarebbe in grado di favorire la perdita di peso e migliorare i sintomi depressivi grazie all'azione combinata della terapia comportamentale per la perdita del peso e la terapia del problem solving associata all'assunzione personalizzata di farmaci antidepressivi. Questo tipo di intervento risulterebbe più efficace nel trattamento di obesità e depressione rispetto alle terapie tradizionali che spesso prevedono delle visite separate presso specialisti di salute mentale e di igiene alimentare.

Secondo un recente studio, esiste un nuovo tipo di trattamento efficace per la cura di obesità e depressione, due malattie che sono solite comparire contemporaneamente.

Si tratta di una terapia basata sulla combinazione di sessioni di terapia comportamentale per la perdita di peso e di terapia basata sul problem solving associata all'assunzione personalizzata di farmaci antidepressivi, specialmente nel caso di co-occorrenza di obesità e depressione.

Circa il 43% degli adulti affetti da depressione, infatti, risultano essere obesi, presentando un rischio maggiore di sviluppare dei sintomi depressivi.

La cura tradizionale di queste malattie prevede che i pazienti si rivolgano ad un gran numero di specialisti, tra i quali dietologi, psicologi o psichiatri.

Tuttavia, il peso associato a visite specialistiche così numerose per un periodo di tempo esteso, come è quello richiesto per curare l'obesità e la depressione, può risultare eccessivo e portare il paziente all'interruzione drastica della terapia. 

È, inoltre, possibile che questi specialisti e i servizi da loro offerti non siano disponibili per tutti i pazienti: potrebbero esserci casi di mancanza di professionisti sanitari, oppure determinate consultazioni mediche potrebbero non godere di copertura sanitaria, risultando in prezzi proibitivi per la maggior parte dei pazienti.

Esistono dei trattamenti distinti che risultano efficaci per obesità e depressione, ma nessuno di questi prende in considerazione le due malattie congiuntamente, il che si traduce in un bisogno critico insoddisfatto a causa della compresenza dei due disturbi.. Il nuovo studio si propone di dimostrare che la somministrazione della terapia per il trattamento dell'obesità e della depressione in occasione di un programma integrato che si serve di health coach formati in entrambe le discipline all'interno di un'équipe di cura che include un medico internista e uno psichiatra, risulta efficace nella riduzione del peso e nel miglioramento dei sintomi depressivi.

 

Trattamento integrato per obesità e depressione: lo studio

Gli autori dello studio hanno analizzato i risultati provenienti da uno studio clinico randomizzato basato sulla comparazione tra un programma di cura collaborativa integrata per il trattamento di obesità e depressione concomitanti, somministrato da health coach esperti e da un medico generico, e un programma di cura di routine somministrato nell'ambito di strutture mediche di assistenza primaria.

L'intervento di perdita di peso di tale trattamento promuoveva un'alimentazione sana e attività fisica, mentre la parte di psicoterapia si concentrava essenzialmente sulle abilità di problem solving. Laddove necessario, uno psichiatra era in grado di raccomandare l'eventuale aggiunta di farmaci antidepressivi che saranno prescritti e dosati dal medico curante del paziente.

Gli health coach formati per somministrare questo programma integrato lavoravano in consultazione con un medico di base ed uno psichiatra che, insieme, passavano in rassegna la cartella clinica del paziente al fine di consigliare i migliori aggiustamenti al trattamento, qualora il paziente non mostrasse alcun miglioramento.

Il medico di base e lo psichiatra non avevano un contatto diretto con i pazienti ed era loro proibita tutta comunicazione diretta con i pazienti iscritti al programma.

Queste due figure professionali svolgevano un ruolo strettamente di sostegno e di consultazione nei confronti degli health coach, insieme ai quali formavano una squadra di cura in grado di comunicare e collaborare con il medico di famiglia del paziente.

Al medico curante, infine, spettava il trattamento generale del paziente, come ad esempio la prescrizione dei medicinali, la somministrazione dei trattamenti per le condizioni mediche e la prescrizione di un eventuale consulto presso altri specialisti qualora necessario.

Allo studio hanno preso parte 409 pazienti affetti da obesità e depressione. Tutti i partecipanti avevano ricevuto delle cure mediche tradizionali da parte dei propri medici curanti ed erano in possesso di informazioni relative ai servizi di cura offerti per l'obesità e la depressione presso varie cliniche, nonché di un activity tracker senza fili, ovvero un braccialetto in grado di registrare l'attività fisica svolta dalla persona che lo indossa.

204 pazienti sono stati assegnati casualmente al programma di cura collaborativo integrato per la durata di un anno. Nel corso dei primi sei mesi, questi pazienti hanno preso parte a 9 sessioni di counseling individuale e guardato 11 video che offrivano delle immagini di stili di vita salutari. Nel corso dei sei mesi seguenti, i partecipanti potevano contattare telefonicamente il proprio health coach, una volta al mese. Gli altri 205 partecipanti, invece, sono stati assegnati al gruppo di controllo che si limitava a cure tradizionali senza l'aggiunta di interventi ulteriori.

 

I risultati

I partecipanti che avevano preso parte al programma di trattamento integrato presentavano dei migliori risultati relativamente alla perdita di peso e una diminuzione maggiore dei sintomi depressivi, rispetto ai partecipanti del gruppo di controllo che avevano ricevuto un trattamento standard. 

Nel dettaglio, in media, i pazienti appartenenti al gruppo del programma integrato presentavano una diminuzione dell'indice di massa corporea da 36,7 a 35,9, mentre l'indice di massa corporea dei partecipanti iscritti al gruppo di trattamento tradizionale restava invariato.

I partecipanti del gruppo di terapia integrata riferivano una diminuzione della gravità della depressione da 1,5 a 1,1 su di una scala basata sulle risposte ad un questionario, rispetto al gruppo di controllo il cui punteggio passava da 1,5 a 1,4.

Benché i miglioramenti dei partecipanti sottoposti a terapia integrata fossero modesti, lo studio rappresenta un passo avanti dal momento che ci mostra un metodo efficace e pratico per integrare all'interno di una sola terapia cure obesità e depressione, e che presenta un buon potenziale per poter essere incluso in un ambito di assistenza primaria, dal momento che si tratta di un trattamento che può essere facilmente rimborsato dal sistema sanitario nazionale.

Per i pazienti, questo approccio fornisce un'alternativa preferibile al dover frequentare vari studi di medici professionisti che invece comporterebbe, come abbiamo già visto, un peso non indifferente.

Al momento, sono in corso degli studi per adattare la terapia integrata ai pazienti individuali, ottimizzando i meccanismi neuro-comportamentali sottostanti per poter migliorare ulteriormente gli esiti.

Alcuni dati preliminari, infatti, suggeriscono che, adattando la terapia i all'impegno e alle risposte del paziente all'inizio del trattamento, ad esempio offrendo delle interviste motivazionali per aumentare la terapia integrata nel caso dei pazienti che mostrano segnali precoci di scarso impegno o progresso, si potrebbe migliorare ancor più l'efficacia della terapia stessa.

Una migliore comprensione dei meccanismi delle funzioni cerebrali e dei cambiamenti comportamentali, inoltre, può essere in grado di guidare lo sviluppo della terapia.

 

Fonti:

  • University of Illinois at Chicago. "Integrated therapy treating obesity and depression is effective." ScienceDaily. ScienceDaily, 5 March 2019. 
  • Jun Ma et al. Effect of Integrated Behavioral Weight Loss Treatment and Problem-Solving Therapy on Body Mass Index and Depressive Symptoms Among Patients With Obesity and Depression The RAINBOW Randomized Clinical Trial. JAMA, 2019