La questione se l'assunzione di alcol influisce sulla funzione riproduttiva maschile è controversa. In un nuovo studio di Andrologia, l'assunzione moderata di alcol è stata collegata a un più alto volume di liquido seminale, concentrazione di spermatozoi e conteggio totale degli spermatozoi.

 

Nello studio di 323 pazienti uomini, il 9,6% era astemi, il 30,0% beveva <1-3, il 30,3% beveva 4-7 e il 30,0% beveva ≥8 unità alcoliche a settimana. (1 unità = 125 ml di vino o 330 ml di birra o 30 ml di alcolici, tutti contenenti circa 12,5 g di etanolo). Rispetto agli uomini che bevono <1-3 unità a settimana, il volume dello sperma mediano era più alto nel gruppo di 4-7 unità / settimana, così come lo era lo sperma totale. Anche l'associazione con la concentrazione di spermatozoi era significativa, con una tendenza a U nei gruppi di assunzione di alcol.

 

"Per quanto riguarda il basso consumo, i nostri risultati sono coerenti con altre ricerche: in Italia il consumo di alcol è comune ma di solito limitato a piccole quantità, e questo vale in particolare per gli uomini che fanno riferimento alla nostra clinica per l'infertilità", ha detto l'autrice Elena Ricci, della Fondazione IRCCS Ca'Granda Ospedale Maggiore Policlinico, in Italia.

"Poiché la dose rende il veleno, si consiglia di limitare ma non evitare l'alcol."

 

Fonte:

http://newsroom.wiley.com/press-release/andrology/moderate-alcohol-consumption-may-boost-male-fertility