Dalla buccia degli agrumi il segreto dell’erezione e della fertilità. La tangeretina

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 31 luglio 2020

La tangeretina è un polimetossiflavone concentrato nelle bucce di agrumi e ha diverse attività biologiche.

 

 

Questo studio ha esaminato se la tangeretina fosse in grado di migliorare la disfunzione erettile e la fertilità nei ratti ipertesi indotti da Nω-nitro-L-arginina metil estere cloridrato (L-NAME).

I ratti maschi Sprague-Dawley hanno ricevuto L-NAME per indurre ipertensione e disfunzione riproduttiva per 5 settimane e sono stati trattati con tangeretina (15 o 30 mg / kg) o sildenafil citrato (10 mg / kg) per le ultime due settimane.

Sono stati misurati la pressione arteriosa media (MAP), la pressione intracavernosa (ICP) alla stimolazione del nervo cavernoso, l'ossido nitrico sintasi endoteliale (eNOS), il recettore dell'angiotensina II tipo 1 (AT1R) e le proteine ​​gp91phox e il livello di malondialdeide (MDA) nei tessuti del pene.

 

 

Sono state valutate le concentrazioni e la motilità degli spermatozoi, la morfologia dei tubuli seminiferi, il testosterone sierico, l'eNOS testicolare e l'espressione di proteina regolatrice acuta steroidogenica (StAR).

Sono stati determinati i livelli di generazione di superossido aortico, MDA plasmatica e testicolare.

La tangeretina ha ridotto la pressione sanguigna e ha aumentato la ICP / MAP massima associata alla soppressione di AT1R / gp91phox e alla sovraregolazione dell'espressione di eNOS nei ratti ipertesi (P <0,05). Inoltre, nei ratti trattati con tangeretina (P <0,05) è stato riscontrato un miglioramento della qualità degli spermatozoi rilevante per l'aumento dell'espressione di eNOS testicolare e StAR.

I cambiamenti nella morfologia dei tubuli seminiferi nei ratti ipertesi sono stati recuperati dalla tangeretina (P <0,05).

 

 

Ha aumentato i livelli di testosterone e ridotto i biomarcatori dello stress ossidativo e ha aumentato i livelli di nitrati / nitriti plasmatici nei ratti L-NAME (P <0,05).

In conclusione, la tangeretina ha migliorato la ICP / MAP massima, la disfunzione testicolare e la morfologia degli spermatozoi nei ratti trattati con L-NAME.

I meccanismi molecolari sono mediati dalle modulazioni delle espressioni eNOS peniene e AT1R / gp91phox e dell'espressione testicolare eNOS e StAR.

 

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche disfunzione-erettile 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati