Risale agli inizi dell'anno un articolo pubblicato da un’eminente società medica internazionale (“British Medical Journal”) che spiega come 2 principi attivi impiegati nella terapia dell’Ipertensione Arteriosa potrebbero essere sfruttati, per le loro proprietà, anche verso il Virus che ormai è pandemico.

Lo studio, proprio “made in China”, condotto da Yushun Wan e dai suoi collaboratori, avrebbero individuato un legame tra i recettori delle molecole Losartan e Telmisartan, diffusamente in commercio in Italia, e i recettori del Virus.

Sulla base di questo dato è stato ipotizzato che questi principi attivi, della classe dei “Bloccanti dei recettori dell’Angiotensina 2”, cosiddetti “Sartani”, possano potenzialmente essere somministrati per contrastare la diffusione del Covid-19.

A rendere ancora più interessante questa scoperta, sarebbe l’analisi secondo cui i soggetti in terapia con Losartan e Telmisartan siano meno soggetti a sindromi influenzali o simil-influenzali rispetto a chi non ne fa uso.

Si ipotizza somministrazione di questi farmaci per via orale sotto forma di spray, oltre che per la già nota compressa.

Viene naturalmente anche precisato che i dati in letteratura relativi sono ancora scarsi e di certo non sufficienti a garantire un profilo di efficacia dimostrata.

Attendiamo dunque il proseguimento di studi in questa direzione, augurandoci che siano rapidi, o quanto meno che la diffusione del Covid si esaurisca ancora più velocemente.

 

Riferimenti:

  1. BMJ2020; 368: m406
  2. Yushun Wan, Jian Shang, Rachel Graham, Ralph S Baric, Fang Li. Riconoscimento dei recettori da parte del nuovo coronavirus di Wuhan: un'analisi basata su studi strutturali decennali sulla SARS. Journal of Virology, 2020; DOI: 10.1128 / JVI.00127-20.
  3. Hardman Lee Limbard, Goodman Gilman's. Le basi farmacologiche della terapia 2001; 829-832.